• Google+
  • Commenta
20 novembre 2014

Rosetta, missione compiuta sulla cometa: il successo Rosetta a Univaq



Università degli Studi de L’Aquila – Il successo della missione Rosetta è passato anche per le aule dell’Università dell’Aquila

Rosetta

Rosetta

Missione Rosetta

La missione Rosetta è giunta a termine, ora gli scienziati già pensano ad altri progetti della stessa specie cercando di spingersi ancora una volta oltre quei limiti prevedibilmente consentiti all’uomo.

Anche Univaq apre una finestra sulla missione Rosetta, ecco cosa accade nell’ateneo abruzzese.

Con la missione Rosetta, dopo un lungo lavoro di progettazione e realizzazione, l’uomo ha raggiunto per la prima volta con propri strumenti, la superficie del nucleo di una cometa.                              

Il 12 novembre scorso, alle ore 17:03 italiane, il lander Philae (rilasciato dalla sonda Rosetta) si è appoggiato sulla superficie della cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, inviando alla Terra affascinanti immagini.

Il deep space transponder, che rappresenta il cuore del sistema con cui la missione Rosetta comunica con la Terra, riceve gli ordini che hanno consentito questo straordinario successo, su una distanza pari a circa quattro volte quella che separa il Sole e la Terra, e ci invia le splendide immagini che abbiamo visto in questi giorni.

Nella progettazione e realizzazione del deep space transponder ha avuto un ruolo fondamentale lo stabilimento Thales Alenia Space dell’Aquila, dove sono stati prodotti anche altri deep space transponder, impiegati nelle più importanti missioni di esplorazione interplanetaria (oltre a Rosetta,  nelle missioni Mars Express, Venus Express, Bepi Colombo).

L’Università dell’Aquila, che da sempre intrattiene rapporti di collaborazione con Thales Alenia Space, desidera congratularsi con tutti coloro che hanno contribuito a questo enorme successo ed è orgogliosa del fatto che nel team che ha progettato il transponder ci siano valenti professionisti che si sono formati al proprio interno.

Tra di loro, il fisico Sigilfredo Cocchi e l’ingegnere elettronico Antonio Rapposelli della Thales Alenia Space ed altri ingegneri, fisici, chimici e matematici che si sono formati e specializzati presso il nostro Ateneo.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy