• Google+
  • Commenta
9 dicembre 2014

Al Telecom Future Centre Cà Foscari, “Giovani, creatività e patrimonio culturale”

Telecom Future Centre

Università “Cà Foscari” di Venezia – Giovedì 11 dicembre al Telecom Future Centre il laboratorio di management dell’arte e della cultura (m.a.c.lab) di Ca’ Foscari organizza l’evento “Giovani, creatività e patrimonio culturale”

Telecom Future Centre

Telecom Future Centre

Il management culturale viaggia nel drone.

Il punto a Venezia fra novita’ e project work.

Tavola rotonda aperta ai giornalisti alle 12.15 sul tema del patrimonio culturale

Il Telecom Future Centre laboratorio di management dell’arte e della cultura (m.a.c.lab) dell’Università Ca’ Foscari fa il punto sullo stato dell’arte del management culturale combinando problemi e soluzioni locali con prospettive internazionali, con l’evento “Giovani, creatività e patrimonio culturale” organizzato l’11 dicembre al Telecom Italia Future Centre in collaborazione con il Doppio Master in Management dei Beni e delle Attività Culturali (MaBAC) e la collaborazione della Venice International Foundation.

Programma dell’evento al Telecom Future Centre

Le presentazioni avranno inizio a porte chiuse alle ore 9.00. I giornalisti sono inviati alle 12.15 per la tavola rotonda sul tema del patrimonio culturale: la discussione vedrà protagonisti Franca Coin (Venice International Foundation), la prof. Angela Vettese (IUAV), il prof. Luca Zan (Università di Bologna).

Alle 14.30 il prof. Luca Zan (Università di Bologna) presenterà il libro “La gestione del patrimonio culturale. Una prospettiva internazionale”, raccolta di un decennio di ricerche sulla gestione del patrimonio culturale in Italia e all’estero. Successivamente si proseguirà con le presentazioni dei progetti fino alle 18.40.

Giovedì 11 dicembre presso il Telecom Italia Future Centre (Campo San Salvador, Venezia), gli studenti, che negli ultimi tre mesi hanno studiato le organizzazioni culturali veneziane, sono chiamati a “salire in cattedra” per presentare ai manager delle istituzioni committenti i “project work”, dossier dettagliati con le proposte concrete: fra queste l’utilizzo di nuove tecnologie come Google Glass, droni e realtà aumentata per trasformare il Telecom Italia Future Center in un centro di informazione multimediale sugli eventi culturali per visitatori e cittadini; lo sfruttamento del database musicale di Palazzetto Bru Zane rendendolo fruibile e user friendly per i visitatori; un evento per intercettare giovani e studenti alla Peggy Guggenheim Collection; un piano per la raccolta fondi gestito dalla Venice International Foundation per sostenere la mostra “Sublime Canova” al Museo Correr.

Adottiamo una modalità di lavoro estremamente concreta e, per quanto possibile, ottimista”, spiega il Prof. Fabrizio Panozzo, coordinatore del m.a.c.lab, “in una città che oscilla tra la celebrazione della propria morte culturale e la rincorsa di un mitico ruolo di capitale, l’Università Ca’ Foscari, pragmaticamente, analizza quello che succede dentro alle organizzazioni culturali, segnala le criticità e propone soluzioni”.

Lo fa in primo luogo investendo sulle future generazioni di manager culturali, come i 42 partecipanti all’ottava edizione del MaBAC dell’Università Ca’ Foscari Venezia ed ESCP-Europe, provenienti da sette paesi (Italia, Francia, Laos, Grecia, Argentina, Russia e Cina).

Confrontarsi da subito con il variegato e complesso mondo delle organizzazioni culturali è condizione imprescindibile perché le conoscenze teoriche e le dinamiche di gruppo tipiche del mondo del lavoro siano messe alla prova e utilizzate al meglio” afferma il prof. Francesco Casarin, co-direttore del master MaBAC.

Aggiunge il prof. Umberto Rosin, coordinatore dell’attività didattica del master: “I suggerimenti dei nostri studenti vengono accolti e applicati dalle istituzioni. Così, istituzioni come il Conservatorio Benedetto Marcello e il Palazzetto Bru Zane, dopo l’esperienza positiva dello scorso anno – che ha generato proposte dirette alla strategia di comunicazione e di posizionamento nel segmento delle famiglie con bambini – sono felici di tornare a lanciare anche quest’anno una nuova sfida ai nostri studenti. Negli anni, 200 studenti del nostro master sono stati assunti in realtà culturali di tutto il mondo”.

Da gennaio il master MaBAC si sposterà a Parigi, dove si svolgerà il secondo trimestre di studio.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy