• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2014

Andrea Onetti Muda apre l’A.A 2014-2015 del Campus Bio-Medico

Andrea Onetti Muda

Università “Campus Bio-Medico” Roma Inaugurato anno accademico 2014-2015: 95 per cento di laureati occupati entro tre anni, +14 punti rispetto a media atenei italiani, apre Andrea Onetti Muda

Andrea Onetti Muda

Andrea Onetti Muda

Solo il 3,7 per cento dei laureati del Campus Bio-Medico ancora in cerca di occupazione a tre anni dalla fine degli studi: nove punti in meno rispetto alla media nazionale (12,7 per cento) e oltre 13 in meno rispetto a dato ISTAT su disoccupazione laureati tra 25 e 34 anni (17 per cento). Il Presidente Barela ha sottolineato l’impegno, anche economico, per il costante miglioramento della qualità di ricerca e assistenza sanitaria del Policlinico Universitario. Intervenuto alla cerimonia il Presidente CRUI Paleari, che ha sottolineato l’urgenza di ripensare il modello di Università in base ai nuovi scenari nazionali ed europei. Al centro della Prolusione, le sfide per le Scienze dell’Alimentazione in vista dell’Expo 2015

Apertura dell’A.A. Campus Bio Medico di Roma di Andrea Onetti Muda

Garantire ai neo-laureati le migliori possibilità d’inserimento nel mondo del lavoro, nonostante il contesto di diffusa crisi occupazionale, specialmente tra i giovani: è il concetto forte emerso dalla giornata d’Inaugurazione dell’Anno Accademico 2014-2015 dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Il XXII ciclo di studi è stato aperto ufficialmente oggi, nell’Aula Magna dell’Ateneo, dal Rettore, Prof. Andrea Onetti Muda. 

Nella sua relazione di apertura, Andrea Onetti Muda ha parlato della “situazione di profonda crisi” che attraversa la realtà accademica italiana. “I numeri – ha spiegato il Rettore del Campus Bio-Medico Andrea Onetti Muda – parlano chiaro. Nel nostro Paese, in dieci anni, gli iscritti ai Corsi di Laurea si sono ridotti di 58mila unità, nella fascia d’età tra i 24 e i 34 anni i laureati sono il 23 per cento, rispetto a una media Ocse pari al 38 per cento. […] Tutte le classifiche internazionali mostrano la marginalità degli Atenei italiani sulla scena mondiale”. Come rispondere a queste difficoltà? Onetti Muda ha posto l’accento, tra l’altro, sul bisogno di “potenziare il rapporto con il mondo del lavoro”.

Inaugurazione Campus Bio Medico

Inaugurazione Campus Bio Medico

I dati relativi al tasso di occupazione dei laureati del Campus Bio-Medico a tre anni dalla fine degli studi sembrano dargli ragione: 95,2 per cento, con il 3,7 per cento ancora in cerca di occupazione.

Rispetto alla media nazionale sono circa 14 occupati in più (dato nazionale: 81,1 per cento) e nove disoccupati in meno (dato nazionale: 12,7 per cento) ogni 100 laureati (fonte: Almalaurea per l’anno 2013).

Ancor più evidente la forbice tra i numeri del Campus Bio-Medico e il tasso di disoccupazione ISTAT per i laureati tra 25 e 34 anni, pari al 17 per cento (-13,3 punti). Scendendo nel dettaglio, il 95,8 per cento dei neo-medici e il 94,3 per cento dei laureati in Ingegneria del Campus Bio-Medico di Roma risulta occupato a tre anni dalla discussione della Tesi.

Lo sforzo dell’Ateneo di formare professionisti pronti a un immediato futuro lavorativo è confermato dalle iniziative lanciate per valorizzare i risultati accademici degli studenti e favorire il loro contatto con potenziali realtà lavorative già durante il percorso di studi.

Tra queste, il Rettore Andrea Onetti Muda ha citato “l’attivazione del Graduate Program sperimentale. Sarà un percorso di formazione che in cinque anni unisce Laurea Magistrale e Dottorato di Ricerca”. Un quinquennio tra lezioni all’università e tirocini in azienda. “E soprattutto  ha aggiunto Onetti Muda – un percorso che prevede formazione aziendale in una percentuae molto più alta di quella assicurata dagli stage”. Le imprese finanzieranno in tutto o in parte il percorso degli studenti con borse di studio, parteciperannoinsieme all’Ateneo alla selezione dei candidati e assicureranno loro l’apprendistato accademico all’interno della propria organizzazione.

Inaugurazione Campus Bio Medico

Inaugurazione Campus Bio Medico

Altro tassello delle attività volte a facilitare l’ingresso dei neo-laureati nel mondo del lavoro di cui ha parlato il Rettore Andrea Onetti Muda, l’incontro periodico con le realtà imprenditoriali interconnesse con l’Ateneo attraverso un apposito comitato. “Vogliamo incrementare – ha auspicato Onetti Muda – il numero di aziende coinvolte nel nostro Comitato Università-Impresa”. Al termine della cerimonia sono stati anche consegnati nove premi del valore di mille euro l’uno agli studenti più meritevoli di ogni Corso di Laurea.

Un ulteriore segno tangibile con cui l’Università Campus Bio-Medico di Roma vuole valorizzare la preparazione e i risultati raggiunti dai propri studenti.

L’Ateneo, che dispone di otto Corsi di Laurea suddivisi nelle Facoltà di Medicina e Chirurgia e Ingegneria, ha registrato una crescita nel numero degli studenti, dal 2008, pari al 57 per cento e sfiora oggi quota 2mila (1.935). La metà dei frequentanti sono fuori sede, il 72 per cento si laurea in corso e il rapporto tra docenti strutturati e studenti è pari a 1/15.

La cerimonia è stata aperta dal saluto del Presidente dell’Università, Dott. Felice Barela, che ha sottolineato l’elaborazione di un Piano di Indirizzo Strategico che avrà al centro il motto ‘più qualità, più persona’. “Vorrei sottolineare – ha detto Barela – in modo particolare l’impegno a favore della Ricerca, che si traduce in alcune iniziative concrete […]: è stato definito un piano di investimenti in core facilities per oltre 900mila euro che è in fase avanzata di esecuzione. […] Un altro esempio è il bando interno per progetti strategici di ricerca, che si è chiuso pochi giorni fa. L’obiettivo di questo bando, che finanzierà al massimo tre progetti per un investimento totale di 500mila euro, è di favorire l’avvicinamento dei nostri ricercatori alle tematiche dei programmi europei Horizon 2020”.

Altro accenno alla crescita del Campus Bio-Medico il Presidente lo ha fatto parlando del Policlinico Universitario, parte integrante dell’Ateneo. Evidenziando il successo dell’accreditamento internazionale alla Joint Commission International e ricordando la recente firma del Protocollo d’Intesa con la Regione Lazio, che prevede tra l’altro l’avvio del Pronto Soccorso alla fine del 2016, Barela ha aggiunto che “è arrivato il momento di fare un ulteriore passo in avanti in termini dimensionali”.

Le tematiche dell’imminente Expo 2015 sono state al centro nella Prolusione, dedicata a ‘Colture e culture per nutrire il pianeta. Sfide e frontiere delle Scienze dell’Alimentazione’ e pronunciata dalla Prof.ssa Laura De Gara, Delegato per il Corso di Laurea triennale in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana. Nel suo intervento, De Gara ha parlato delle controversie, a livello di risultati scientifici, sull’utilità degli antiossidanti per contrastare patologie gravi, come ad esempio i tumori. “Il nostro Ateneo – ha ricordato la docente – è coinvolto in pieno su questo tema”. De Gara ha poi parlato di una nuova piattaforma multisensoriale, appena messa a punto nei laboratori del Campus Bio-Medico, realizzata in collaborazione con gli ingegneri dell’Ateneo. “Questa piattaforma – ha detto – ci consentirà di fare analisi degli alimenti, attraverso componenti come gas, liquidi o matrici alimentari. Sfrutta molecole biologiche, in alcuni casi anche di tipo vegetale, e può essere utile per la tracciabilità dei prodotti di filiera, per identificare una frode alimentare, per fare controlli di qualità, per caratterizzare la biodiversità o la certificazione di origine di un alimento”.

Stefano Paleari

Stefano Paleari

Le conclusioni dell’evento sono state affidate al Prof. Stefano Paleari, Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane (CRUI). Paleari ha ricordato come “l’epoca che viviamo ci presenta profondi cambiamenti e a questi non sono immuni i sistemi di alta formazione, tra cui le Università. Sembrano messi in discussione i confini temporali, quelli spaziali e quelli disciplinari. Calo demografico, invecchiamento della popolazione, tecnologie di rete e nuove traiettorie scientifiche ci portano anche a una nuova Università. 

È l’Europa pronta a questo nuovo scenario? E l’Italia? La ricerca di un ecosistema nazionale fra Università appare quanto mai auspicabile, con le Istituzioni di Governo che non ne possono più prescindere. L’esperienza del Campus Bio-Medico va in questa direzione. Questo Ateneo, infatti, è in qualche modo un’università-laboratorio sia perché punto d’incontro tra ‘ingegnerie’ e ‘medicine’, che per le dimensioni ridotte, che non sono necessariamente un limite, ma anzi possono garantire maggiore flessibilità”.

Dichiarazioni che chiamano in causa quelle del Rettore del Campus Bio-Medico Andrea Onetti Muda sul modello degli atenei non statali. “In questo contesto – ha chiarito Onetti Muda – come Rettore di un Ateneo non statale, non posso condividere le spinte che chiedono un’assimilazione d’istituzioni come la nostra ad enti di diritto pubblico. […] Proprio per la loro autonomia, le Università non statali devono piuttosto essere chiamate a contribuire alla definitiva realizzazione di un sistema accademico guidato dal principio costituzionae degli ordinamenti autonomi”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy