• Google+
  • Commenta
22 gennaio 2015

Studenti e internet: il profilo dello studente tecnologico italiano

Software anti-plagio


Nell’ultimo anno il binomio studenti e internet, formato da tecnologia ed educazione sembra essere diventato inscindibil: da facebook ai social, dai siti ai blog, ecco l’analisi su studenti e internet

Studenti e internet

Studenti e internet

Docsity il sito di riferimento per liceali e universitari con finalità didattiche grazie al quale gli studenti possono scaricare e condividere gratuitamente appunti, riassunti, tesi e tesine (oltre a qualsiasi altro tipo di materiale didattico utile per lo studio) ha voluto definire le caratteristiche degli studenti italiani che sono solito utilizzare la rete per studiare.

Per garantire un buona copertura e dei risultati che possano essere realmente indicativi il sito ha coinvolto nella ricerca 410.000 studenti tra liceali e universitari.

Studenti e internet: i risultati dell’indagine

I risultati emersi sono chiari: Sono le studentesse ad usare di più internet e la rete come ausilio per lo studio. Il 56% degli studenti che usa internet sono infatti donne.

Gli studenti lombardi sono i più tecnologici d’Italia! 70.687 di loro usano il web per studiare. Seguono gli studenti di Lazio e Campania. Staccati leggermente troviamo gli studenti siciliani (31.198), toscani, veneti, pugliesi ed emiliano-romagnoli (27.969). Decisamente meno tecnologici degli studenti lombardi sono i ragazzi provenienti da Calabria, Sardegna, Piemonte, Marche, Umbria, Trentino, Liguria, Abruzzo e Friuli. Chiudono la classifica gli studenti del Molise, della Valle d’Aosta e della Basilicata (con solo 1000 studenti che usano la rete per studiare)

Studenti e internet

Studenti e internet

A grande sorpresa la materia più ricercata non è la matematica (incubo generale di molti studenti) ma materie umanistiche come diritto e storia.

Per quanto riguarda gli orari di studio lo studente medio non ama alzarsi all’alba, salvo per il ripasso lampo pre esame, o passare le notti sui libri. Gli orari più produttivi sembrano essere quelli di metà mattinata e metà pomeriggio.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy