• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2015

Quota 100 Pensioni: Novità Calcolo Pensione Anticipata-Anzianità-Donna

Quota 100 Pensioni

Continuano i lavori del Governo Renzi sulla Riforma Pensioni 2015 e sulla Quota 100 Pensioni. Ecco le Novità e Ultime Notizie sul Calcolo Pensione, sulla Pensione Anticipata e di Anzianità e sull’Opzione Donna

Quota 100 Pensioni

Quota 100 Pensioni

Ecco le ultime notizie Riforma Pensioni di Renzi : Quota 100 Pensioni, Mini anticipo, Pensione anticipata e Opzione Donna.

Resta aggiornano sulle News in Materia Pensionistica e Lavorativa collegati alla Fan Page Controcampus

Si procede a scatti verso una riforma pensionistica che cancelli gli errori della Riforma Fornero e renda meno difficoltoso il raggiungimento dell’età pensionabile e dei requisiti per andare in pensione. Dopo lo scandalo degli esodati, il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti sottolinea la necessità di creare maggiore flessibilità per tutti quei lavoratori licenziati che, ormai terminato il sussidio di disoccupazione, sono senza reddito e lontani dall’età pensionabile. Dal Governo Renzi sono quindi previsti dei piani di uscita anticipata che consentano di maturare finalmente i requisiti per andare in pensione come Quota 100 Pensioni per tutti oppure Opzione Donna. Ma vediamo subito le ultime notizie e novità per i Quota 100 news, Opzione Donna, Quota 96, Mini anticipo e Pensione anticipata.

Quota 100Pensioni: Damiano, proposta per il nuovo calcolo pensione

Chiariamo subito che cos’è quota 100 Pensioni e come funziona: si tratta di una proposta della Riforma Pensioni che consente l’uscita pensione anticipata al raggiungimento della Quota 100, una quota che può essere raggiunta tramite la somma dei requisiti anagrafici e contributivi.  (es.: 62 anni di età + 38 di contributi; oppure 63 anni di età + 37 anni di contributi). Un ritorno al sistema delle quote, insomma, con la differenza che l’innalzamento sarebbe comunque consistente rispetto alla “vecchia” Quota 96. La proposta introduce nuovamente anche la pensione di anzianità abolita nel 2012 dalla Riforma Fornero.

Scarica da qui >> Tabelle per il Calcolo Pensione Anticipata – Anzianità – Vecchiaia

Quota 100: per andare in pensione serve più flessibilità per tutti

Quota 100 e Calcolo Pensioni

Quota 100 e Calcolo Pensioni

Quota 100 Pensioni è stata accolta con entusiasmo dal Presidente della sinistra Pd della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano,ma non sono mancate le critiche che evidenziano i limiti del sistema pensionistico italiano. La soluzione per andare in pensione anticipata con Quota 100 Pensioni potrebbe essere fornita dall’abolizione del limite di età: sono sempre più numerosi i lavoratori che ritengono doveroso da parte del Governo il riconoscimento dei requisiti maturati con quota 100, anche se non è stato raggiunto il limite soglia dell’ età. “Il concetto della Quota 100 Pensioni potrebbe essere un apprezzabile strumento di flessibilità che reintrodurrebbe la possibilità di accedere al pensionamento con già 40/41 anni di contributi e 60 anni di età.” Ecco cosa ne pensa  Massimo Vivoli, di Confesercenti Nazionale e Presidente di Italia Comfidi 

“Dalla proposta si evince comunque che le combinazioni possono essere diverse poiché tiene giustamente conto delle condizioni eterogenee dei lavoratori. Non bisogna infatti dimenticare la “faticosità” del lavoro determinata oltre che dall’aumento dell’età pensionabile, anche dall’oggettivo esercizio di attività particolarmente faticose e pesanti, per le quali i lavoratori autonomi non sono stati mai presi in considerazione. È anche per questo che riteniamo condivisibile questa proposta di flessibilità: è comunque un opportunità per i lavoratori autonomi rimasti esclusi da altri interventi. Ecco perché anche la soluzione di ripristinare la Quota 100 Pensioni anticipata potrebbe essere fattibile con la possibilità di accedere al pensionamento al raggiungimento di combinazioni derivanti dalla somma di età e contributi.”

Le ultime notizie Quota 100 Pensioni non confermano ancora nessuna approvazione della proposta, al momento le priorità del Governo continuano a riguardare altre problematiche che pongono in secondo piano la Riforma Pensioni di Renzi.

Riforma Pensioni: Mini Anticipo, Mini Pensione e Pensione Anticipata

La Riforma Fornero ha indotto lo Stato ad intervenire per sanare con dei provvedimenti creati “ad hoc”, tutte quelle situazioni in cui sono presenti persone che all’oggi sono ancora in attesa di veder riconosciuto un proprio diritto. I primi tra tutti sono proprio gli esodati, per i quali sono state create salvaguardie dal costo di 12 miliardi di euro. Altre proposte significative rese necessarie per andare in pensione anticipata sono quelle del Mini anticipo o Mini Pensione. Ma che cos’è la Mini Pensione? La proposta del Governo Letta mira a garantire a chi è da 2-3 anni dalla pensione ed è senza lavoro, la possibilità di chiedere un anticipo di circa 700 euro al mese fino al raggiungimento dell’età pensionabile. Poi, una volta maturati i requisiti, dall’assegno pensionistico sono detratte delle piccole rate che andranno a saldare il debito del Mini anticipo o Mini Pensione.

Riforma Pensioni Renzi: ultime notizie Opzione Donna e aggiornamenti

Come per Quota 100 Pensioni anche per Opzione Donna non sono previsti aggiornamenti che confermino un’azione del Governo decisa ad accorciare i tempi per andare in pensione. Intanto vediamo che cos’è l’Opzione Donna e come funziona. La possibilità di andare in pensione a 57 anni per le donne dipendenti, oppure a 58 anni per le donne lavoratrici autonome è stata introdotta dal governo Berlusconi nel 2004.

Opzione Donna

Opzione Donna

Ma che cos’è l’opzione donna e come funziona? In pratica questa pensione “sperimentale” prevede entro il 31 dicembre 2015 il prepensionamento anticipato a 57 anni se si hanno 35 anni di contributi.

L’assegno pensionistico prevede il versamento di quanto versato durante la vita lavorativa (sistema contributivo), e non il versamento del 70% dell’ultimo stipendio. Inizialmente l’Opzione Donna non aveva avuto molto successo, ma con la riforma Fornero tutto è cambiato: infatti sono state eliminate le pensioni per anzianità e l’età pensionabile è stata allungata. L’alternativa per molte donne è stata quella di diventare esodati, ossia senza lavoro e senza pensione per un periodo di tempo troppo lungo per poter vivere dignitosamente.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy