• Google+
  • Commenta
11 marzo 2015

Pensione Anticipata uomo-donna 2015: Requisiti Inps calcolo quota 100

Con la pensioni pianificata dal Governo Renzi, sarà di nuovo possibile, per gli italiani, accedere alla Pensione Anticipata 2105 sia per l’Uomo che per la Donna: ecco i Requisiti Inps e il calcolo quota 100

Ma come stanno le cose adesso? Come chiedere e andare in pensione anticipata? Quali i requisiti richiesti dall’Inps? Come usufruire delle Quota 100 e dell’Opzione Donna e come effettuare il calcolo quota 100?

Attualmente, per andare in pensione bisogna attenersi ancora alle leggi stabilite dalla riforma delle pensioni voluta da Elsa Fornero e varata dal Governo Monti seguendo il “decreto salva Italia”.

Ecco le ultime novità in materia di Pensione Anticipata sia per l’Uomo che per la Donna: i requisiti necessari e le tabelle per il calcolo quota 100 e per sapere quando andare in pensione.

Come andare in Pensione Anticipata e come effettaure il calcolo quota 100? Per andare in pensione, i lavoratori devono aver raggiunto i 66 anni e 3 mesi di età anagrafica (ma il valore varia in base alla speranza di vita in Italia). Le varianti sono rappresentate dalle seguenti categorie: le lavoratrici dipendenti da settori privati, vanno in pensione a 63 anni e 9 mesi; le lavoratrici autonome e iscritte a gestione separata, a 64 anni e 9 mesi. Ai requisiti di età anagrafica vanno aggiunti quelli di età contributiva: è richiesta la maturazione di 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e sei mesi per le donne.

Pensione Anticipata Quota Uomo, Quota Donna, Mini Pensione e calcolo quota 100

La risposta è affermativa: il governo Renzi sta premendo per il ritorno della pensione anticipata. Il Ministro Poletti e a lavoro su questo fronte con i sindacati.

C’è da scegliere solo quale sistema seguire: quota 100 con mini pensione o prestito pensionistico. Ecco di cosa si tratta e come funziona.

Calcolo quota 100 e mini pensione. La quota 100 potrebbe essere il nuovo requisito per avere la possibilità di andare in pensione. Come si calcola la quota 100? Addizionando all’età anagrafica l’età contributiva. La quota 100 è una sorta di pensione anticipata per chiunque non raggiunga ancora i 66 anni di età ma, grazie al calcolo voluto dalla quota 100, riesce ora ad avere i requisiti necessari per avere la pensione.

La notizia è importante e dà speranza a molti lavoratori: con l’introduzione della pensione anticipata per chi raggiunge la quota 100, molti lavoratori potrebbero andare in pensione anche a 65 anni – pur avendo 35 anni di contributi.

Ma cosa accade a chi decide di usufruire della pensione anticipata con una quota minore a 100? È in questo caso che si parla di penalizzazioni. Se non si raggiunge la famigerata quota 100, si può comunque scegliere di accedere alla pensione anticipata ma bisogna andare incontro a decurtazioni sulla pensione.

L’assegno finale è soggetto a variazioni che possono arrivare fino alla detrazione dell’8% della pensione.  Al contrario, chi deciderà di continuare a lavorare anche dopo i 66 anni di età, potrà godere di relativi aumenti della pensione, fino all’8% di pensione in più per chi decide di lavorare fino ai 70 anni di età.

Cos’è il prestito pensionistico. Il prestito pensionistico è un provvedimento pensato per le persone alle quali mancano 2 o 3 anni di carriera per andare in pensione. In pratica, si tratta di un anticipo sulla pensione finale di una cifra che si aggira in torno ai 700 euro. Quando e come si restituirebbero i 700 euro? La cifra del prestito pensionistico potranno essere restituiti nel momento in cui si matura la pensione “normale”.

Questo provvedimento potrebbe funzionare perché si tratta dell’applicazione di un procedimento che farebbe quadrare i conti. Per quale motivo? Perché non sarebbero coinvolte risorse esterne o risorse aggiuntive da parte dello Stato o dell’Inps. In fondo, si tratta di dare a chi vuole usufruire della pensione anticipata una somma di denaro che spetta al lavoratore e che comunque gli verrebbe versata in futuro.

Nella possibilità di andare in pensione, non conterà più di tanto la differenza tra uomini e donne: nonostante uno dei provvedimenti sia quello di abbattere questa distinzione, attualmente si tratta di requisiti che variano di un anno in base al sesso (41 anni e 10 mesi di contributi per le donne; 42 e 10 mesi di contributi per gli uomini).

Calcolo quota 100: come si calcola la pensione anticipata e di vecchiaia

Il calcolo può essere complesso, dunque esistono vari motori di calcolo che aiutano i pensionandi a capire quanto è vicina la data della pensione. Ricordiamo, inoltre, che la richiesta di pensione può essere effettuata tramite il sito dell’Inps, per telefono o tramite l’Ente di Patronato.

Attualmente i requisiti per andare in pensione per anzianità durante il 2015 consistono nell’avere 63 anni e 7 mesi e avere maturato almeno 20 anni di contributi.
Per accedere alla possibilità di avere la pensione anticipata, le donne dovranno avere 41 anni e sei mesi di contributi e gli uomini 42 anni e 6 mesi di contributi.

Per quanto riguarda i dipendenti privati e la pensione per anzianità,  le donne dovranno avere 63 anni e 9 mesi di età e 20 anni di contributi gli uomini 66 anni e 3 mesi di età e 20 anni di contributi. Lo stesso vale per le lavoratrici e i lavoratori autonomi.
La pensione anticipata sarà accessibile a chi avrà 41 anni e 6 mesi di contributi nel caso delle donne e 42 anni e sei mesi di contributi nel caso degli uomini.

Calcolo quota 100 e Tabelle Inps: in base a cosa verrà calcolato l’assegno pensionistico:

  • Per chi ha almeno 18 anni di contributi, l’assegno sarà calcolato con sistema per metà retributivo (per l’anzianità maturata fino al 2011) e per metà contributivo (per il periodo successivo;
  • Per chi ha meno di 18 anni di contributi, l’assegno sarà calcolato con lo stesso sistema, ma il sistema retributivo sarà calcolato in base all’anzianità maturata fino al ’95.
  • Per chi non ha contributi fino al ’95, l’assegno sarà calcolato con il sistema contributivo, basato su quanto si è versato durante la vita lavorativa.

Ambra Benvenuto

Scarica da qui gratis >> 


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy