• Google+
  • Commenta
30 marzo 2015

Pensione di vecchiaia: calcola pensione con requisiti Inpdap e Inps

Riforma delle pensioni 2015 ed esodati

News pensione di vecchiaia, ecco quali sono i requisiti attuali per andare in pensione e quali sono le modalità di calcolo da adottare per calcolare l’importo del proprio futuro assegno pensionistico, requisiti Inpdap e Inps

Pensione di vecchiaia

Pensione di vecchiaia

Con la riforma pensioni molti italiani avevano visto avvicinarsi la possibilità della pensione di vecchiaia anticipata compresi lavoratori precoci ed esodati.

Purtroppo tale notizia è stata smentita nelle ultime ore per dichiarazioni del Governo Renzi in quanto per molti motivi la riforma delle pensioni non sarebbe attuabile, tali ragioni sono da ricercare nel fatto che il debito italiano è così profondo da non poter permettere maggiore flessibilità nei requisiti richiesti per andare in pensione.

Gli unici spiragli di speranza sono rappresentati dal nuovo presidente dell’Inps, Tito Boeri, che presenterà un nuovo piano riguardante le pensioni all’inizio dell’estate, e da Cesare Damiano, che continua a proporre l’adozione di quota 100, il provvedimento che darebbe la possibilità ai lavoratori di andare in pensione a 62 anni, purché si siano maturati 35 anni di contributi.

Dal momento che attualmente i requisiti pensione di vecchiaia rimangono quelli stabiliti dalla riforma delle pensioni Fornero, è bene focalizzarsi su questi, anche perché difficilmente muteranno a breve. Inoltre, seguendo la riforma Fornero e l’ultima circolare dell’Inps riguardo l’aumento della speranza di vita, dal 2016 il requisito anagrafico per accedere alla pensione di vecchiaia sarà di 66 anni e 7 mesi di età.

Requisiti Inps e Inpdap per la pensione di vecchiaia per uomini e donne

Prima di addentrarci nella descrizione dei requisiti ai quali tutti si dovranno attenere almeno a breve, è bene ricordare che per le lavoratrici c’è la possibilità di avere una pensione di vecchiaia anticipata fino alla fine dell’anno in corso, si tratta dell’opzione donna: chi ha 35 anni di contributi e un’età anagrafica di 57 o 58 anni (a seconda della carriera lavorativa), ha la possibilità di andare in pensione, purché si accetti la riscossione di un assegno pensionistico calcolato unicamente con sistema contributivo (nel corso dell’articolo sarà spiegato cos’è, come si calcola e in cosa differisce dal calcolo retributivo).

Attualmente i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia sono i seguenti:

  • Età contributiva di 20 anni;
  • 66 anni e 3 mesi di età anagrafica per lavoratori autonomi e lavoratrici del settore pubblico;
  • 63 anni e 9 mesi per le lavoratrici del settore privato;
  • 64 anni e 9 mesi per le lavoratrici autonome;
  • 62 anni o meno, per i lavoratori che hanno 42 anni e 6 mesi di contributi e le lavoratrici che hanno 41 anni e 6 mesi di contributi per le lavoratrici;
  • 57 o 58 anni per le lavoratrici che hanno 35 anni di contributi e intendono usufruire dell’opzione donna (con assegno calcolato solo con sistema contributivo).

Calcolo pensione di vecchiaia e requisiti per andare in pensione

Chi intende provare a calcolare l’ammontare della pensione di vecchiaia da sé, dovrà eseguire un calcolo della pensione misto (ovvero per un periodo calcolo contributivo e per un periodo calcolo retributivo) e tenere a mente i seguenti dati:

  • Bisognerà calcolare con sistema retributivo fino al 2011 e poi contributivo, per chi ha 18 anni di contributi;
  • Bisognerà adottare un calcolo retributivo fino al ’95 e poi contributivo per chi ha meno di 18 anni di contributi;

Tali calcoli si svolgono nel seguente modo:

  • Per il calcolo contributivo vanno considerati: somma delle retribuzioni annue del lavoratore; 33% dei contributi versati; tassi di capitalizzazione annualmente aggiornati dall’Istat e speranza di vita del lavoratore.
  • Per il calcolo retributivo sono da considerare: retribuzione complessiva dell’intera carriera lavorativa; media della rivalutazione basandosi su dati Istat.

Riforma pensioni 2015 e pensione del futuro: il punto dei professionisti

Aniello Napoli

Aniello Napoli

Abbiamo chiesto al commercialista dott. Aniello Napoli, cosa ne pensa del calcolo contributivo, che svantaggerà soprattutto i lavoratori che non potranno usufruire anche del calcolo retributivo nel calcolare l’ammontare del proprio assegno pensionistico.

Del calcolo contributivo come unica strada penso sia ingiusto rispetto soprattutto alle precedenti generazioni che, escludendo gli autonomi, hanno beneficiato di condizioni enormemente migliori.” fa sapere il dott. Aniello Napoli facendoci conoscere quali sono secondo lui le alternative all’attuale riforma delle pensioni – 

Credo, peraltro, che in ambito pensionistico possano esserci ulteriori strade percorribili per tentare di riassettare gli equilibri della finanza pubblica e che l’aver scelto, quasi unicamente, la strada del sistema contributivo non risolva del tutto il problema in quanto rischia, a regime, di creare altri sconquassi sociali”.

Una riforma delle pensioni avrebbe risolto o risolverebbe la situazione?

La riforma delle pensioni è oggetto delle cronache quotidiane in quanto è in corso un dibattito a livello politico, sindacale e delle principali istituzioni coinvolte che pian piano sta raggiungendo i comuni cittadini che, presto o tardi, dovranno fare i conti con l’ennesima modifica al sistema.

Calcolo pensione di vecchiaia

Calcolo pensione di vecchiaia

 Ad oggi il quadro non è ancora definito proprio perché è una riforma in corsa.

“Io penso che riparametrare l’assetto previdenziale e pensionistico alle aspettative di vita sia inevitabile per una ragione su tutte, in quanto appare ora l’unico elemento in grado di realizzare, per così dire, una “giustificazione sociale Oltre tutto è necessario porre rimedio alle numerose incongruenze della riforma Fornero che, in termini sociali, a contribuito a non risolvere, anzi ad incrementare, situazioni sociali di importanza generale quali la disoccupazione giovanile, la rioccupazione degli over 60, etc.”

Ambra Benvenuto

Scarica > Tabelle calcolo pensione di vecchiaia


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy