• Google+
  • Commenta
14 aprile 2015

Appello per la pace dall’Università di Catania

Appello per la pace Unict


Università degli Studi di Catania – «Per la pace nel Mediterraneo e per la salvaguardia del patrimonio storico-naturalistico dei Paesi del Medio e Vicino Oriente».

Appello per la pace Unict

Appello per la pace Unict

Dall’Università di Catania un appello per la pace e un piano di iniziative 

Un appello per la pace nei Paesi del Medio e Vicino Oriente e del Mediterraneo del Nord e per la salvaguardia del loro patrimonio artistico, archeologico e naturalistico.

E’ l’iniziativa concreta portata avanti dall’Università di Catania a sostegno di popolazioni martoriate dalla guerra civile e di un patrimonio che appartiene a tutta l’umanità e che per questo va difeso da tutti.

La petizione è stato presentata oggi ai giornalisti dai tre promotori dell’iniziativa, i prof. dell’Ateneo catanese Antonio Pioletti del dipartimento di Scienze umanistiche, Alfredo Petralia (già responsabile dell’Accordo di Cooperazione Università di Catania – Università Al-Fath di Tripoli e coordinatore del progetto “Gettiamo un ponte di amicizia con i giovani del Mediterraneo”) e Francesco Tomasello (direttore della Missione archeologica dell’Ateneo a Leptis Magna in Libia).

I tre docenti, lo scorso 31 marzo, a seguito della sollecitazione ricevuta da parte del Dipartimento Ministeriale di Archeologia e della Cultura di Tripoli (DoA), hanno partecipato ad una riunione con i rappresentanti dell’Associazione Kiwanis International e dell’Ente Fauna Siciliana per dar vita ad un condiviso appello di solidarietà e sostegno per la tutela dei preziosi beni culturali libici e per proporre eventuali iniziative atte a stimolare in ambito nazionale ed internazionale una maggiore sensibilizzazione nella comunità scientifica e sociale circa i relativi temi e problemi che si vanno ponendo in questa difficile situazione in quell’area a noi così vicina.

L’appello per la pace dell’Università degli Studi di Catania

L’appello per la pace, già pubblicato sul sito, ha tra i primi firmatari, oltre al rettore dell’Ateneo catanese Giacomo Pignataro, anche studiosi e rappresentati di diverse associazioni ed istituzioni (come ad esempio il presidente dell’Ersu di Catania, Alessandro Cappellani).

«Sappiamo benissimo che gli Stati del Mediterraneo oggi sono in grande difficoltà politica e sociale – ha affermato il prof. Tomasello -. L’Università di Catania è coinvolta in prima persona nelle ricerche archeologiche e nella tutela e valorizzazione del patrimonio culturale dei Paesi islamici dove, da almeno quattro anni, i monumenti sono soggetti a devastazione. In Libia, in particolar modo, la situazione è precipitata dopo la morte di Gheddafi e in primis le autorità locali sono preoccupate per il destino del loro patrimonio. Noi studiosi abbiamo il dovere di intervenire e di non tacere e faremo il possibile affinché l’appello possa avere la più ampia risonanza possibile».

«Il nostro obiettivo – ha poi spiegato il prof. Pioletti – è non isolare la questione culturale dall’immane tragedia che stanno vivendo questi popoli. Il nostro è prima di tutto un appello alla politica internazionale per la pace, per un Mediterraneo terra di dialogo e di condivisione. Cercheremo nei prossimi mesi di portare avanti diverse iniziative per far conoscere a tutti, soprattutto ai giovani, il mondo islamico in tutta la sua complessità. Perché gli isterismi e i razzismi nascono dall’ignoranza e compito dello studioso è combatterla».

«Non è solo il patrimonio archeologico a correre dei rischi – ha aggiunto il prof. Petralia – ma anche quello naturalistico. Basti pensare a quanto accaduto in Tunisia, dove, nel corso della rivoluzione, sono state devastate intere aree protette, con danni irreparabili per tutto l’ecosistema».

«L’appello – ha poi continuato il docente – è solo la prima delle iniziative che organizzeremo nei prossimi mesi. Nel lungo termine cercheremo, come già avvenuto grazie alle attività del progetto “Gettiamo un ponte di amicizia con i giovani del Mediterraneo”, di dare ospitalità a studenti di questi Paesi per tirocini nel nostro Ateneo, anche grazie alla disponibilità già anticipataci dal presidente dell’Ersu di Catania. Inoltre, il prossimo 20 maggio stiamo organizzando qui in Ateneo un seminario internazionale su queste tematiche».


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy