• Google+
  • Commenta
20 aprile 2015

Indiscrezioni sui risultati e parte orale esame avvocato 2014-2015

Marco Ferrazzano

Indiscrezioni sui risultati esame avvocato 2014-2015: risultati, percentuali ammessi alla parte orale, interviste a candidati e a chi l’esame l’ha già passato con successo.

L’esame avvocato 2014-2015 si è già svolto nella sua parte scritta e adesso gli interessati sono in attesa dei risultati e delle date della parte orale.

Il punto dell’Avv. Marco Ferrazzano, i consigli su come superare e su come continuare a superare brillantemente le prove rimanenti del difficilissimo esame avvocato 2014-2015 e sui commenti dei codici che dovevano essere utilizzati nello svolgimento della parte scritta. Infatti, i codici commentati sono usati spessissimo come strumento di confronto tra i futuri avvocati.

In attesa della prova finale, la parte orale, l’attenzione degli interessati all’argomento è concentrata sulle indiscrezioni sui risultati e non solo. Infatti, l’interesse dei futuri avvocati è canalizzato anche sulle percentuali degli ammessi degli anni passati in ogni corte d’appello di riferimento per l’esame avvocato 2014. Dando uno sguardo ai risultati degli anni scorsi, è possibile farsi un’idea su ciò che potrebbe accadere a breve, quando saranno online i risultati della prova scritta dell’esame avvocato 2014-2015. Qual è la percentuale degli ammessi di alcune precise Corti d’Appello?

Per l’esame avvocato 2013-2014, ad esempio, le prove della Corte d’Appello di Venezia ha riportato una percentuale di ammessi del 27%, mentre durante l’anno precedente si era giunti al 57%. La Corte di Trento, ha visto l’ammissione del 30% di chi ha sostenuto l’esame, quella di Trieste del 50%. A Torino gli ammessi furono il 34%, mentre a Bologna il 44%. La Corte d’Appello di Milano ammise il 40% dei candidati. Alla Corte d’Appello di Brescia la percentuale di ammessi corrispose al 37% mentre a Genova al 40% e a Firenze addirittura al 50%. La Corte d’Appello di Roma ammise il 26% dei candidati.

La Corte d’Appello di Perugia sancì il successo del 30% dei candidati, quella di Campobasso del 43%. Per quanto riguarda la Corte d’Appello di Catanzaro, come a Messina, il successo delle prove scritte fu stato raggiunto dal 40% degli iscritti all’esame, con l’8% di prove annullate. A Catania, 35%, mentre a Palermo 55%.

Secondo le indiscrezioni sui risultati la percentuale di ammessi dello stello anno alla Corte d’Appello Ancona è stata del 40%, a Napoli i candidati ammessi sono stati 1740, a Salerno  640, a Potenza 621, a Cagliari 270.
La percentuale di ammessi a L’Aquila è stata del 40%, a Lecce del 50%.

Indiscrezioni sui risultati e parte orale esame avvocato 2014-2015: il punto di vista dei candidati

Prima di addentrarci sulla prova orale dell’esame avvocato 2014, è bene indagare sulle prime indiscrezioni sui risultati. Abbiamo chiesto a Claudia F., che ha sostenuto l’esame presso la Corte di Appello di Napoli, che ci ha raccontato la sua esperienza: “Questa per me è la seconda volta che provo l’esame avvocato. Devo ammettere che rispetto all’anno scorso mi sono sentita più prearata, perché ‘purtroppo’ ho avuto più tempo per ripassare le materie e di esercitarmi sulle tracce degli esami degli anni scorsi. Certo, dopo la batosta dello scorso anno, non mi appresto a cantar vittoria, ma sento di aver svolto meglio le tracce e sto già ripassando per la prova orale. Spero tanto di avercela fatta. Consigli per i futuri avvocati? Non saprei, si tratta di un esame davvero molto difficile e penso che l’esperienza di ognuno sia a se stante. Probabilmente l’unico consiglio da dare è il più scontato, quello di studiare metodicamente e assiduamente”. 

Esame Avvocato 2014-2015: parte orale il punto di vista dei professionisti

In caso il risultato delle prove scritte dell’esame avvocato 2014-2015 siano positive non resta che prepararsi per la prova orale, capire come superare quella che sembrerebbe essere l’ultima prova. La prova orale esame avvocato è articolata in tre fasi:

  • Commento delle prove scritte;
  • Brevi discussioni su cinque materie a scelta tra diritto costituzionale, diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto penale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto processuale civile, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico, diritto comunitario e diritto comunitario;
  • Dimostrazione della conoscenza del codice deontologico dell’avvocato e dell’ordinamento forense;

Ottimi consigli su come superare la prova orale dell’esame di avvocato sono quelli di riguardare gli argomenti affrontati durante le prove scritte e i codici utilizzati, prepararsi qualche discorso, assistere alle sedute d’esame degli altri aspiranti avvocati.

Ma cosa ne pensa chi l’esame avvocato l’ha già passato? Che impressione dà, dopo del tempo, l’esperienza di un esame così impegnativo per esercitare la professione desiderata?

Abbiamo chiesto all’avv. Marco Ferrazzano un suo parere sull’esame avvocato 2014-2015 e di raccontarci la sua esperienza passata, di come è andata nel suo caso l’esame di avvocato, se quella degli esami per l’abilitazione alla professione di avvocato, può considerarsi un esperienza facile per un candidato e se ci sono degli aspetti da rivedere in termini di organizzazione della tre giorni e di correzione dei compiti scritti.

L’avv. Marco Ferrazzano commenta così le tracce dell’esame avvocato di quest’anno e inizia a offrire qualche spunto per capire come superare le prove: “Mi sembra doveroso dare uno sguardo, ad ogni sessione, alle tracce assegnate. Ed ogni anno si rivelano estremamente interessanti perchè aderenti alle problematiche realmente affrontate in sede giurisprudenziale. Non si tratta, in altri termini, di semplici casi di scuola ma di temi che consentono al candidato di affrontare ragionamenti complessi. Chiaramente le tematiche non sono delle più semplici ma, proprio per la loro complessità, come detto, consentono, anche al Commissario, di valutare la (fondamentale) capacità deduttiva dell’aspirante avvocato”.

Tra prove scritte e prova orale, dunque, qual è il momento “peggiore” dell’esame? Quali consigli potrebbe dare un avvocato a chi desidera essere suo collega a tutti gli effetti al più presto? Come si supera l’esame di avvocato senza affrontare eccessivi drammi? “Devo evidenziare che il momento più critico è, senza dubbio, proprio quello dell’attesa. Ed in tale momento, pur compatibilmente con l’attività professionale che, intanto, il praticante avvocato già esercita, sarebbe opportuno anticipare i tempi e trovare il modo di sviluppare, organicamente, lo studio delle varie e tante materie da affrontare. Si tratta, certamente, di un lavoro complicato che, pur nella malaugurata ipotesi di insuccesso degli scritti, avrà dato i suoi frutti nell’attività che ogni giorno il praticante affronta. Invero non c’è un modo migliore di studiare. Tutti coloro che si trovano ad affrontare gli orali conoscono bene, avendo affrontato i lunghi studi universitari, le difficoltà di preparare corposi esami. La vera differenza consiste nella necessità di approfondire le varie tematiche per poterle affrontare con la giusta serenità. Ed è proprio con animo sereno che il candidato deve affrontare lo studio e la prova in sé. L’unico consiglio è proprio questo: affrontare l’intero esame con animo sereno e con la piena consapevolezza di aver studiato e fatto tutto ciò che era possibile fare. Non concordo sul fatto che l’esame sia l’ultima prova. Anzi, si tratta, pur potendo sembrare un luogo comune, solo di una ulteriore tappa, alla quale faranno seguito giornalieri esami da affrontare nelle aule dei tribunali e nei meandri degli Studi legali”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy