• Google+
  • Commenta
24 aprile 2015

Genomica e Tumori, se ne parla all’Unimore

Ricerca Genomica e Tumori

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Genomica e Tumori: bioinformatica e strumenti matematici e statistici, per identificare i meccanismi biologici delle cellule cancerose

Ricerca Genomica e Tumori

Ricerca Genomica e Tumori

E’ già tutto scritto?” promosso dall’Accademia di Scienze Lettere ed Arti di Modena.

L’appuntamento Genomica e Tumori, che si terrà lunedì 27 aprile, vedrà intervenire il prof. Silvio Bicciato di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia che illustrerà lo stato dell’arte della bioinformatica nello studio del cancro, altrimenti detto l’Imperatore del Male.

Il nuovo appuntamento del ciclo di conferenze Genomica e Tumori – E’ già tutto scritto?” promosso dall’Accademia di Scienze Lettere ed Arti di Modena sarà dedicato alla “Bioinformatica: con i computer a caccia dell’Imperatore del Male

Incontro Genomica e Tumori all’Università di Modena e Reggio Emilia

L’incontro, che si terrà lunedì 27 aprile 2015 alle ore 16.30 presso la Sala dei Presidenti dell’Accademia di Scienze Lettere ed Arti (via Vittorio Emanuele, 59) a Modena, vedrà il prof. Silvio Bicciato del Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia illustrare alcune tecniche computazionali che, attraverso l’analisi dei dati genomici, permettono di identificare nuove armi da usare nella lotta contro il cancro, anche chiamato l’Imperatore del Male.

Il Progetto Genoma Umano, pur nella sua complessità, – afferma il prof. Silvio Bicciato di Unimore – può essere considerato una scampagnata se confrontato con il Sequenziamento del Genoma del Cancro. L’Atlante del Genoma del Cancro (The Cancer Genome Atlas – TCGA) descrive in dettaglio tutte le alterazioni genetiche e molecolari che possono trasformare una cellula sana in una maligna ed equivale a migliaia di volte l’atlante di tutti i geni dell’uomo, sia per varietà e complessità delle informazioni disponibili, sia per le potenziali ricadute per la salute umana. Lo studio del genoma del cancro rappresenta, quindi, un compito immane che impone l’analisi di una mole di dati senza precedenti nel mondo della biologia e della medicina. Allo stato attuale, infatti, i dati di genomica del cancro occupano circa 20 milioni di Gigabyte (1015 byte), ossia sono così grandi ed ingombranti che potrebbero volerci fino a quattro mesi solo per scaricarli”.

Una delle sfide scientifiche più importanti e ambiziose di questo secolo è quindi disporre di opportuni strumenti informatici, matematici e statistici per identificare i meccanismi biologici alla base della comparsa e diffusione delle cellule tumorali e per proporre strategie mirate alla loro distruzione.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy