• Google+
  • Commenta
17 aprile 2015

Metabolismo per spegnere il “motore” dei tumori, la ricerca Bicocca

Come spegnere i tumori con il metabolismo

Università degli Studi di Milano – Bicocca – A Milano-Bicocca il laboratorio di frontiera per spegnere il “motore” dei tumori con il metabolismo: ecco cosa funziona la ricerca Bicocca

Come spegnere i tumori con il metabolismo

Come spegnere i tumori con il metabolismo

Inaugurato oggi all’Università di Milano-Bicocca il Laboratorio di Metabolomica SYSBIO, un laboratorio di frontiera, realizzato in collaborazione con il CNR in cui si studia sia come spegnere il motore dei tumori attraverso un nuovo approccio basato sul metabolismo delle cellule tumorali sia come riattivare la funzionalità dei neuroni nelle malattie neurodegenerative. Un milione di euro investiti per una moderna infrastruttura a disposizione della ricerca clinica e ospedaliera del territorio.

Un nuovo laboratorio dove si fa ricerca di frontiera sulla biomedicina e si utilizzano macchinari con altissima sensibilità, in grado di ricostruire il metabolismo dei tumori attraverso lo studio delle “impronte digitali” lasciate dalle cellule colpite da malattie metaboliche complesse, come i tumori, e quelle neurodegenerative, come l’Alzheimer.

Laboratorio di Metabolomica SYSBIO: ecco come spegnere i tumori con il metabolismo

È il nuovo Laboratorio di Metabolomica SYSBIO del Centro di Systems Biology SYSBIO, inaugurato questa mattina all’Università di Milano-Bicocca, nato dalla collaborazione fra l’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare del CNR (IBFM-CNR) e l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e costruito presso il Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Ateneo milanese con un investimento di circa un milione di euro. Nel laboratorio lavorano dodici ricercatori coordinati dalla professoressa Lilia Alberghina, direttore del laboratorio e del Centro di Systems Biology SYSBIO. Tra i punti di forza del laboratorio il Gas-Cromatografo interfacciato allo spettrometro di massa 7200 GC-QTOF, uno strumento innovativo che associato a software molto avanzati, permette di ottenere informazioni molto precise e dettagliate utilizzando quantità minime di tessuto biologico, anche se prelevato con biopsie.

Il Centro di Systems Biology SYSBIO fa parte della Roadmap Italiana per le Infrastrutture Europee ESFRI, realizzate per offrire alla comunità scientifica del territorio l’accesso a tecnologie e a competenze di frontiera. SYSBIO sta sviluppando ricerche che costituiscono un approccio tecnologico innovativo a livello internazionale per la medicina personalizzata.

Un approccio “di frontiera” basato sul metabolismo

Attualmente, il cancro viene contrastato con un approccio che si basa sul trattamento del guscio di regolazione del tumore, una sorta involucro esterno della cellula malata. Tuttavia, questo metodo, seppur efficace sul breve periodo, comporta spesso recidive a mesi di distanza dal trattamento. L’approccio basato sul metabolismo della cellula, partendo dalla conoscenza di tutti i meccanismi di funzionamento interno della cellula, punta a spegnere il “motore” del tumore impedendo il rischio di recidiva.

L’Università di Milano-Bicocca sta sviluppando le competenze e le conoscenze necessarie per l’uso di questa tecnologia in collaborazione con istituzioni quali il team del MIT di Boston guidato da Gregory Stephanopoulos, che ha ospitato Daniela Gaglio, referente del Laboratorio di Metabolomica per gli esperimenti in cellule di mammifero, e la squadra della Chalmers University di Göteborg, coordinate da Jens Nielsen, che ha ospitato Raffaele Nicastro, referente del Laboratorio per gli esperimenti in cellule di lievito.

«Oltre a svolgere ricerca di frontiera – ha detto Cristina Messa, rettore dell’Università di Milano-Bicocca – il nuovo Laboratorio di Metabolomica-SYSBIO nasce anche per mettere infrastrutture e competenze scientifiche a disposizione della ricerca clinica e ospedaliera del territorio. La collaborazione con il CNR rappresenta in modo concreto la capacità di mettere in rete conoscenze scientifiche, capacità di ricerca e risorse economiche per produrre benefici per la comunità».

«Il metabolismo – ha spiegato Lilia Alberghina, direttore del Laboratorio di Metabolomica e di SYSBIO-ISBE – è il “motore” del tumore. Se spegniamo il motore, spegniamo anche il tumore. Ecco perché credo che la ricerca basata sul metabolismo è la strada che porterà risultati importanti».


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy