• Google+
  • Commenta
29 maggio 2015

Chiara Saraceno a Unive per la cerimonia del dottorato di ricerca Cà Foscari

Chiara Saraceno

Università “Cà Foscari” di Venezia – Oggi, venerdì 29 maggio 2015, al Teatro Goldoni si è svolta la cerimonia di consegna dei diplomi di dottore di ricerca Ca’ Foscari, presente Chiara Saraceno

Chiara Saraceno

Chiara Saraceno

Dottorato di ricerca sempre più internazionale, domande in crescita del 46%, + 27% quelle straniere.

Ospite la sociologa Chiara Saraceno, lectio magistralis Bisogni e responsabilità di cura. Non solo una questione di donne

Sempre più internazionali, competitivi e integrati con le tendenze del mondo professionale: i corsi di dottorato di Ca’ Foscari hanno registrato un aumento significativo delle domande rispetto al ciclo precedente: dai 521 candidati del 30°, si è passati ai 765 del 31° ciclo (+46%), le domande pervenute da laureati di altre Università sono 602 contro i 405 dell’anno scorso.

Dottorato di ricerca sempre piu’ internazionale, domande in crescita del 46%, + 27% quelle straniere

Ospite la sociologa Chiara Saraceno, lectio magistralis Bisogni e responsabilità di cura. Non solo una questione di donne

Sempre più internazionali, competitivi e integrati con le tendenze del mondo professionale: i corsi di dottorato di Ca’ Foscari hanno registrato un aumento significativo delle domande rispetto al ciclo precedente: dai 521 candidati del 30°, si è passati ai 765 del 31° ciclo (+46%), le domande pervenute da laureati di altre Università sono 602 contro i 405 dell’anno scorso.

I candidati di cittadinanza straniera sono 233 contro i 183 dell’anno scorso con una crescita del 27%.

Oggi, venerdì 29 maggio 2015, si è intanto svolta al Teatro Goldoni la cerimonia di consegna dei diplomi ai dottori di ricerca. In questa sessione sono 122 i dottori di ricerca di Ca’ Foscari.

Oltre cinque milioni di euro per sostenere il percorso di 82 nuovi studenti di dottorato. E’ l’impegno dell’Università Ca’ Foscari per il 31° ciclo (a.a. 2015-2016) dei corsi di dottorato, gestito dalla Scuola Dottorale (Graduate School).

Consegna dei diplomi di dottore di ricerca Cà Foscari, presente Chiara Saraceno

I diplomi di dottore di ricerca sono stati consegnati dal rettore Michele Bugliesi e dai componenti della giunta della Graduate School di Ca’ Foscari: i professori Francesco Gonella (direttore della scuola), Carmela Camardi, Federico Squarcini e Tiziano Zanato.

In rappresentanza dei dottori di ricerca interverrà Alberto Barbazza, dottorato del 27° ciclo in Diritto europeo dei contratti, con una tesi sugli accordi di ristrutturazione delle imprese in crisi. 

Michele Bugliesi, Rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia: «C’è un grande bisogno di ricerca in questo paese e il dottorato deve essere spendibile in un ambito sempre più ampio. Nel dottorato di ricerca stiamo investendo moltissimo con programmi di orientamento, formazione e scambio. Punto più alto della formazione ma anche della ricerca, il dottorato è cruciale perché è il momento in cui bisogna fare il salto da studenti a ricercatori. La ricerca è sempre più interdisciplinare, deve circoscrivere un tema alto e non banale, deve proporre soluzioni. Riuscire a mettere assieme questi elementi è difficile. Congratulazioni per aver completato il ciclo di studio con la vostra tesi. E’ davvero un momento importante e dovete esserne fieri. Sono convinto che come ateneo abbiamo messo a disposizione il meglio delle nostre attività. Il vostro futuro potrà essere accademico o non accademico, l’importante è che possiate mettere a frutto le vostre capacità».

Francesco Gonella, Direttore Scuola Dottorale: «Ca’ Foscari sta cercando di far fare un salto di qualità alla sua Scuola Dottorale. Il dottorato è il punto più alto dell’istruzione, entrerete a far parte del tre per mille delle persone più istruite del Paese. Dunque è necessario mettere a frutto la capacità di gestire problemi complessi per essere davvero un passo avanti. Responsabilità e continuità: il dottorato di ricerca ha la responsabilità di dare la capacità di affrontare le cose in modo più maturo. Continuità significa portare avanti queste capacità negli ambiti in cui andrete a realizzarvi».

Ospite di questa edizione della cerimonia la sociologa Chiara Saraceno che ha tenuto una lectio magistralis dal titolo Bisogni e responsabilità di cura. Non solo una questione di donne : «Se vogliamo una società più integrata e giusta occorre che la questione di genere entri nell’agenda politica. Non si tratta solo di aiutare le donne, ma di fare spazio al valore della cura e di allargare il raggio di persone che se ne fanno carico».

Laureata in filosofia, fino al 2008 Chiara Saraceno è stata docente di Sociologia della Famiglia presso la facoltà di Scienze politiche all’università di Torino. Dall’ottobre 2006 a giugno 2011 è stata professore di ricerca presso il Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino. Attualmente è honorary fellow al Collegio Carlo Alberto di Torino. Il suo ultimo libro è “Il lavoro non basta. La povertà in Europa negli anni della crisi” (Feltrinelli)


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy