• Google+
  • Commenta
4 maggio 2015

DNA Field Lab, Muse e Univr: sequenziamento DNA fuori dal laboratorio

DNA Field Lab

Università degli Studi di Verona – DNA Field Lab: la rivoluzione mobile nel sequenziamento della doppia elica

DNA Field Lab

DNA Field Lab

Decodificata direttamente sul campo, una sequenza di DNA viaggia per la prima volta dal cuore dell’Africa al MUSE di Trento liberando l’esplorazione biologica dai vincoli dei grandi e costosi laboratori di ricerca. E la rivoluzione potrebbe estendersi all’analisi medica, ai controlli doganali e alle analisi sulla sicurezza alimentare. Un’innovazione di portata globale targata Italia.

Il MUSE e l’Università di Verona hanno presentato oggi a Trento, DNA Field Lab, progetto di innovazione tecnologica sviluppato in collaborazione con Oxford Nanopore Technologies e Biodiversa Trento.

DNA Field Lab è il primo prototipo sviluppato per permettere il sequenziamento del DNA fuori dall’ambiente controllato del laboratorio, un kit che porta le analisi molecolari direttamente sul campo, cambiando il volto di quello che finora è stata l’esplorazione della biodiversità e dei suoi protagonisti.

Grazie alla nuova strumentazione e ai protocolli sviluppati per l’estrazione, purificazione, amplificazione e sequenziamento del DNA a temperatura ambiente, il kit consente il sequenziamento sul campo, “real-time”, di qualsiasi materiale biologico, in qualsiasi parte del mondo.

Il primo test di DNA Field Lab per Michele Menegon

Il primo test di DNA Field Lab viene effettuato proprio durante la conferenza stampa da Michele Menegon, ricercatore del MUSE, e Massimo Delledonne, professore ordinario di genetica dell’Università di Verona, in collegamento Skype dalla Tanzania  con i colleghi di Trento. Dal monte Rungwe, nella parte meridionale del paese, i ricercatori inviano al MUSE, per la prima volta direttamente dal campo tramite uno smartphone, la sequenza della doppia elica di un animale selvatico.

DNA Field Lab” dice Michele Menegon, del MUSE “porta nelle zone a maggiore biodiversità del pianeta la possibilità di misurare il valore biologico di un’area, dal livello di specie a quello di molecola, consentendo quindi di calibrare gli investimenti per la conservazione sulla base della storia evolutiva degli organismi. Un passo fondamentale in un momento in cui i fondi necessari alla salvaguardia della diversità della vita del nostro pianeta non sono sufficienti”.

Un formidabile avanzamento tecnologico, che per la prima volta permette la lettura del DNA fuori da un laboratorio specializzato” dice Massimo Delledonne “anche in condizioni estreme come quelle sperimentate in questa spedizione

La tecnologia innovativa di DNA Field Lab apre la strada a una vasta gamma di possibili applicazioni sul campo in tutti quei contesti in cui la portabilità del sistema e la rapidità del risultato possono fare la differenza. I costi contenuti e l’autonomia dai laboratori tradizionali mirano a promuoverne la diffusione in quelle regioni, in particolare nel sud del mondo, dove la mancanza di infrastrutture dedicate all’analisi genetica rappresenta un fattore limitante per l’avanzamento nelle conoscenze scientifiche ma nono solo. I campi di applicazione di questo laboratorio portatile si estendono da quello medico, ai controlli doganali fino alle analisi sulla sicurezza alimentare.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy