• Google+
  • Commenta
5 maggio 2015

Giovanni Tosi dell’Unimore sulla ricerca dei nanofarmaci

Giovanni Tosi

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Ricerche Unimore su nanofarmaci coordinate dal Dott. Giovanni Tosi 

Giovanni Tosi

Giovanni Tosi

I nanofarmaci dell’Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nella Top 40 dell’innovazione tecnologica.

Dagli Stati Uniti il riconoscimento per le nanosfere che come un ‘cavallo di Troia’ ingannano la barriera emato-encefalica e riescono a portare i farmaci direttamente nel cervello. Un’innovazione fondamentale contro Parkinson e Alzheimer

I “nanofarmaci” di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia sono stati riconosciuti tra le 40 innovazioni tecnologiche più promettenti a livello mondiale. La nomination – l’unica ottenuta da ricercatori italiani – è arrivata dal comitato scientifico del TechConnect World Innovation Conference and Expo in programma a Washington dal 14 al 17 giugno, evento cardine nel panorama tecnologico.

Il riconoscimento è stato ottenuto grazie ai risultati raggiunti dall’applicazione della nanomedicina alle patologie neurodegenerative portata avanti dal gruppo di ricerca del Centro TeFarTI del Dipartimento di Scienze della Vita, diretto dalla professoressa Maria Angela Vandelli. I ricercatori di Modena hanno messo a punto, infatti, una sorta di ‘cavallo di Troia’ capace di portare i farmaci all’interno del cervello, passaggio fondamentale per poter affrontare numerose patologie del sistema nervoso centrale.

La barriera emato-encefalica che impedisce l’ingresso nel cervello di agenti patogeni normalmente blocca, infatti, anche il passaggio dei farmaci che potrebbero curare, ad esempio, la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson. Il gruppo di ricerca modenese ha elaborato nanosfere che incapsulano il farmaco e, sfruttando meccanismi endogeni, riescono a superare la barriera per rilasciarlo poi in modo controllato all’interno del cervello.

La ricerca Unimore sui nanofarmaci per Giovanni Tosi

Il prossimo passo – spiega il dottor Giovanni Tosi del gruppo di ricerca modenese – è ora ingegnerizzare le nanosfere affinché raggiungano in modo selettivo le cellule malate. Un passaggio che è indispensabile per alcune patologie come per il morbo di Parkinson che colpisce solo un tipo particolare di cellule del sistema nervoso centrale”.

Un’ulteriore prospettiva aperta dall’utilizzo delle nanotecnologie è ora la teranostica, ovvero la fusione di terapia e diagnostica. Le nanosfere che riescono a superare la barriera emato-encefalica possono trasportare in modo combinato farmaci e agenti diagnostici che durante la terapia possono visualizzare le aree colpite attraverso esami strumentali come la risonanza, la Tac o la Pet, permettendo di fare diagnosi, ma anche di monitorare la terapia. Sugli animali, questa metodica è stata già testata in modo efficace.

La commissione giudicatrice del World Tech Connect Innovation è composta da membri della Food and Drug Administration (FDA), NASA, Army, Air Force and Navy USA, National Science Foundation (NSF), National Institute of Health (NIH), Center for Disease Control and Prevention (CDC), National Institute for Standard and Technology (NIST) ed una serie di rappresentanti del campo delle grandi aziende farmaceutiche (BASF).

La ricerca premiata dall’evento statunitense è stata realizzata nel Centro modenese dal dottor Giovanni Tosi, dalle professoresse Barbara Ruozi e Maria Angela Vandelli, dal professor Flavio Forni e dai post-doc Daniela Belletti e Francesca Pederzoli, in collaborazione con il professor H.S. Sharma dell’Università di Uppsala (Svezia).

Curriculum accademico di Giovanni Tosi

Giovanni Tosi è nato nel 1977, Laureato in Farmacia (2002), Dottorato in Scienze del Farmaco (2006) presso Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, dal 2005 ad oggi Giovanni Tosi è Ricercatore Universitario confermato in CHIM09 (Farmaceutico Tecnologico Applicativo) all’Unimore e docente di materie di settore.

Giovanni Tosi è autore di più di 70 pubblicazioni su riviste internazionali, relatore a convegni internazionali (più di 100 presentazioni di cui 20 presentazioni orali su invito), relatore in scuole di dottorato internazionali e nazionali, reviewer per progetti di ricerca nazionali ed internazionali, responsabile di progetti di ricerca.

L’attività di ricerca di Giovanni Tosi riguarda principalmente lo sviluppo di sistemi lipidici e polimerici per la veicolazione ed il direzionamento di principi attivi a tessuti e cellule target. In particolare, lo sviluppo di nanocarrier per il targeting di patologie neurodegenerative del Sistema Nervoso Centrale, che gli hanno permesso di raggiungere risultati incoraggianti per l’applicazione della nanomedicina a tali patologie.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy