• Google+
  • Commenta
26 maggio 2015

Management and Textile Engineering: Master Universitario Liuc

Università “Carlo Cattaneo” – Liuc – III edizione del Master Universitario in Management and Textile Engineering (MTE)

Da quest’anno, la collaborazione tra Città Studi Biella e LIUC- Università Cattaneo si arricchisce della partnership con il Politecnico di Torino

A fronte del successo ottenuto dalle precedenti edizioni, Città Studi Biella, LIUC-Università Cattaneo e da quest’anno anche il Politecnico di Torino presentano la III edizione del Master Universitario di primo livello in Management and Textile Engineering (MTE), in programma tra settembre 2015 e luglio 2016.

Si tratta di un percorso di specializzazione creato ad hoc per rispondere alle esigenze del settore Tessile-Abbigliamento-Moda (TAM), attivato a Biella, distretto tessile italiano per eccellenza.

Il Master in Management and Textile Engineering è unico nel suo genere, si tiene in lingua inglese e rilascia un titolo legalmente riconosciuto sia in Italia che all’estero, ha un forte imprinting internazionale per formare nuovi manager tecnici di settore con competenze anche gestionali. “È un corso elaborato in maniera assolutamente speciale – afferma Nino Cerruti, Presidente del Lanificio F.lli Cerruti, partner del Master – ideato per preparare ad essere dei tecnici completi sul piano del ciclo verticale dell’industria tessile, come dell’ambiente internazionale in cui ormai bisogna essere preparati ad operare“.

Management and Textile Engineering con  importanti brand del tessile italiano

Il Master in Management and Textile Engineering è svolto in partnership con alcuni dei più importanti brand del tessile italiano, sensibili al tema della formazione di nuovi talenti con un profilo di conoscenze e competenze specifiche di settore sia tecniche che manageriali.

Sono davvero tante e di prestigio le aziende che hanno creduto nel progetto, aderendo in qualità di partner e sponsor. Come ha sottolineato il Cavaliere Mario Boselli, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana: “Il Master in Management and Textile Engineering è un’esperienza formativa concreta, che ha come punto di forza l’ausilio della nostra imprenditoria. Le imprese del fashion system si schierano dalla parte dei giovani, aprendo le porte della conoscenza e della formazione anche all’interno delle proprie aziende. Un segno forte e importante, un progetto positivo”.

Tra i brand coinvolti:Albini Group; Angelico; Di.vè; Ermenegildo Zegna; Filati Drago; Gruppo Marzotto con F.lli Tallia di Delfino, Guabello, Marlane; Italfil; Lanificio F.lli Cerruti; Lanificio Subalpino; Marchi e Fildi; Piacenza Cashmere; Reda; Sinterama; TessilGrosso; Tintoria Finissaggio 2000; Yamamay e Zegna Baruffa Lane Borgosesia.

Il Master in Management and Textile Engineering può contare, inoltre, sulla partnership di: ACIMIT, Banca Sella, Camera di Commercio di Biella, Camera Nazionale della Moda Italiana, Centrocot, IWTO, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Sistema Moda Italia, The Woolmark Company e Unione Industriale Biellese.

“Il Master MTE è nato da un’idea di Città Studi Biella – ricorda Pier Ettore Pellerey, Presidente di Città Studi – con l’obiettivo di soddisfare un’esigenza formativa reale del sistema produttivo del mondo tessile. Vista la tradizione laniera del distretto biellese e la vocazione di Città Studi come punto di riferimento dell’attività formativa, culturale e scientifica del territorio, abbiamo pensato ad un percorso di studi innovativo e di alto livello che ambisce a formare un manager tecnico con un forte imprinting internazionale”.

La LIUC ha disegnato e condotto il Master MTE con l’obiettivo di proporre un prodotto didattico di eccellenza, così attrattivo a livello internazionale da consentire di fondere in una stessa classe promettenti laureati italiani e stranieri provenienti da diversi paesi. – commenta Valter Lazzari, Rettore della LIUC – Chiusa ora con successo la fase di start up, che ha consolidato il programma sul mercato internazionale, siamo felici che oggi una grande e prestigiosa istituzione piemontese, il Politecnico di Torino, si unisca a noi. Fondendo culture e approcci diversi, ma complementari, potremo garantire assieme quell’ulteriore spinta propulsiva al miglioramento continuo oggi necessaria per offrire prodotti formativi di eccellenza nel campo dell’ingegneria tessile e gestionale a livello globale.”

Il Direttore del Master in Management and Textile Engineering Carlo Rafele

Il Direttore della Scuola Master in Management and Textile Engineering e Formazione Permanente del Politecnico di Torino, Carlo Rafele, sottolinea: “A partire da questa edizione del Master, il Politecnico di Torino ha raccolto con entusiasmo la possibilità di diventare partner dell’iniziativa contribuendo con il proprio know how tecnologico specifico, con la doppia valenza di ampliare la propria offerta di formazione professionalizzante e di rispondere all’esigenza espressa dal territorio di professionalità altamente qualificate in questo settore chiave per l’economia piemontese e non solo”.

Il Master in Management and Textile Engineering si rivolge a neo-laureati o manager già inseriti nel settore in possesso di laurea.

La III edizione prevede agevolazioni finanziarie con possibilità di stage retribuiti, prestito d’onore per gli studenti italiani e borse di studio per studenti stranieri, messe a disposizione da ACIMIT. Inoltre, grazie a particolari accordi ministeriali, lo studente extra europeo, dopo aver terminato il percorso di studi, potrà richiedere un permesso di soggiorno per “attesa di occupazione” della durata di un anno.

Viene confermata la formula didattica con impegno full time delle precedenti edizioni: 500 ore di lezione, con docenza congiunta di accademici e professionisti del settore, visite aziendali, testimonianze dei massimi esperti a livello mondiale del settore tessile e 500 ore di stage presso aziende d’eccellenza.

Al termine del master in Management and Textile Engineering i partecipanti potranno ricoprire ruoli strategici nel settore del Tessile-Abbigliamento-Moda, operando a pieno titolo nelle aree Qualità e Servizio, Gestione, Produzione, Global Supply Chain e Direzione di Business Unit.

Se per la II edizione si è appena aperta la fase di stage, la I ha fatto registrare risultati davvero eccellenti sul fronte occupazionale: il 90% dei partecipanti ha ricevuto concrete opportunità di lavoro prima della fine del periodo di stage aziendale.

Le aree di inserimento post stage sono state quelle della Produzione (40%), del Management (30%) e della Qualità/Sicurezza (30%). Per quanto riguarda invece la tipologia di azienda all’interno della quale i partecipanti si sono inseriti, a conclusione del percorso formativo: 50% settore del fashion, 25% lanifici, 13% tintorie e 12% filature.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy