• Google+
  • Commenta
14 maggio 2015

Rimborsi pensioni e calcolo pensione anticipata: domanda Inps

Rimborsi pensioni e calcolo pensione anticipata

Rimborsi pensioni e calcolo pensione anticipata, requisiti e procedure per fare domanda e come avviare l’iter di domanda all’INPS per chiedere la restituzione degli arretrati

Rimborsi pensioni e calcolo pensione anticipata

Rimborsi pensioni e calcolo pensione anticipata

La questione rimborsi pensioni e pensione anticipata sono probabilmente tra gli argomenti più chiacchierati dell’anno. Il motivo è dovuto al fatto che se nel 2011, con l’approvazione della riforma pensioni Fornero, moltissimi lavoratori e lavoratrici si erano rassegnati a rispettare quei requisiti pur di avere diritto alla pensione, con la messa in discussione della legge Fornero e la proposta continua di una riforma delle pensioni 2015 da parte del governo Renzi, ora tutto è tornato in gioco.

Le questioni più scottanti del caso delle pensioni sono appunto quelle della pensione anticipata, perché con la riforma del 2015 ciò che si vorrebbe è dare la possibilità di avere maggiore flessibilità in uscita e quindi garantire ai lavoratori la possibilità di andare in pensione anticipata rispetto all’età prevista dalla Fornero, che nel 2016 diventerebbe 67 anni. Un’altra questione messa in campo durante l’ultima settimana riguarda poi quella dei rimborsi pensioni e parte sempre dall’approvazione della legge Fornero, una legge dichiarata incostituzionale in quanto diminuisce il potere di acquisto e mina alla stabilità dei conti pubblici. Ciò ha portato all’obbligo di rimborsare moltissimi pensionati di circa 500 € a testa, obbligo che costerà all’Italia circa 10 miliardi e per questo motivo si parla di rimborso selettivo e di dichiarazioni da parte di Renzi di rimborsi pensioni che non avverranno in tempi immediati.

A prescindere dalla questione attuale dei rimborsi pensioni, comunque, l’argomento è di grande interesse in quanto oltre a quello da richiedere specificamente nel suddetto caso, ci possono essere vari tipi di rimborsi pensioni come ad esempio quello di reversibilità, in caso di morte, di invalidità, eredi, integrativa, sociale e molti altri.

Vediamo come fare a sottoporre la domanda per chiedere i rimborsi pensioni all’Inps o all’Inpdap e come effettuare il calcolo della pensione anticipata con eventuali penalizzazioni.

Rimborsi pensioni, come effettuare la domanda per la restituzione degli arretrati

Rimborso pensioni

Rimborsi pensioni

La fetta di persone che ha diritto ai rimborsi pensioni è composta da tutti coloro che percepiscono una pensione superiore alla somma di 1443 € mensili. La domanda di rimborso dev’essere sottoposta all’Inps tramite procedura online, avviabile solo se si è in possesso dell’apposito PIN, oppure rivolgendosi ad uffici predisposti tipo CAF o consulenti del lavoro.

Partendo dall’oggetto della domanda, bisogna indicare precisamente perché si ha diritto al rimborso pensioni.

Nel caso dei pensionati che hanno diritto ai 500 € di rimborso, nell’oggetto dovrà essere copiata la seguente frase: ricostruzione nella pensione in virtù dell’abrogazione dell’art. 24-comma 25- D.L. n.201 del 06.12.2011 con sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 30.04.2015.

Il contenuto della domanda dovrà invece essere composto da tutta la documentazione che riguarda la pensione, compreso documenti riguardanti il matrimonio, quindi il reddito personale e del coniuge. Sempre all’interno della domanda andranno indicate le coordinate che l’INPS dovrà utilizzare per effettuare il rimborso.

Se la domanda è accolta, l’Inps provvede al rimborso; in caso contrario, entro 120 giorni sarà comunicato il diniego. Se non perviene alcuna risposta oppure la domanda viene rifiutata, ci sono due procedure disponibili:

  • Ricorso amministrativo, tramite PIN o intermediari tipo CAF o consulente del lavoro;
  • Azione giudiziale, tramite Sezione Lavoro del Tribunale civile del territorio. Per questa procedura è necessario avvalersi di un legale.

Calcolo pensione anticipata: requisiti e tabelle dell’INPS

Per sapere se si ha diritto alla pensione anticipata, bisogna tenere conto dell’età anagrafica e dell’età contributiva che si hanno all’attivo. In seguito, si potrà calcolare l’ammontare dell’assegno pensionistico, calcolato generalmente per un certo periodo in base al sistema retributivo e successivamente in base al sistema contributivo (tale procedura si chiama calcolo misto). Dal momento che si tratta di un calcolo molto complesso, solitamente ci si avvale dell’aiuto di un espero in materia.

Tabelle calcolo pensione

Tabelle calcolo pensione

Per risolvere questo problema dovuto all’esigenza di molti lavoratori, a breve, l’Inps metterà a disposizione un simulatore di calcolo della pensione che facilita enormemente il compito e rende possibile farsi un’idea dell’ammontare del futuro assegno pensionistico.

La sezione predisposta al calcolo della pensione si chiamerà “La mia pensione” e sarà accessibile a chiunque abbia cinque anni di contributi versati.

Grazie al simulatore dell’Inps sarà possibile capire anche quando si potrà andare in pensione anticipata e a quali penalizzazioni si può andare incontro se si intraprende questa strada. Il calcolo è sempre relativo alla carriera del lavoratore o alla lavoratrice. 

Scarica da qui >>> Tabelle Calcolo Pensione

Ambra Benvenuto


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy