• Google+
  • Commenta
20 maggio 2015

Rimborso Poletti: bonus pensione Renzi per scaglioni dal 1 agosto 2015

Pensioni Bonus Poletti

Arriva Rimborso Poletti, quello che il premier si è autoproclamato come bonus pensione Renzi: ecco tutte le news sul rimborso pensione una tantum o all’anno per scaglioni dal 1 agosto 2015

Pensioni Rimborso Poletti

Pensioni Rimborso Poletti

Con la riforma pensioni Fornero, approvata nel 2011, la nazione è andata incontro a svariati problemi, quali il blocco della flessibilità in uscita che ha decretato l’impossibilità di andare in pensione anticipata, l’aggravamento della disoccupazione dell’inoccupazione, il problema dei lavoratori cosiddetti esodati, che dopo aver concluso la propria carriera lavorativa hanno difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro di oggi.

Per ovviare a tutti questi problemi sono state fatte varie proposte di riparazione della legge Fornero che confluivano nella riforma delle pensioni 2015, proposte come quota 100, quota 97 e la proroga dell’opzione donna. Tuttavia, da parte di Renzi, oltre alle perplessità sui vari provvedimenti della riforma pensioni, era stata sollevata anche l’impossibilità di attuare un provvedimento del genere a causa della mancanza di risorse economiche da impiegare in tal senso.

Il vero colpo di scena è però accaduto con la dichiarazione di incostituzionalità della riforma pensioni Fornero, che ha messo in discussione stabilità dei conti e potere d’acquisto dei pensionati. Tale accusa ha fatto sì che fosse stabilito l’obbligo di rimborsare ai 4 milioni di pensionati in discussione almeno 500 € a testa.
Mentre inizialmente Renzi aveva parlato di un rimborso non in tempi immediati e soprattutto selettivo, successivamente ha dichiarato che tale rimborso sarebbe avvenuto dal 1 agosto 2015, aggiungendo che sarebbe stata approvata una norma che avrebbe stabilito nei dettagli le modalità di tutto questo procedimento.

La norma è arrivata e viene comunemente riconosciuta come rimborso Poletti. Grazie a quest’ultima mossa, il rimborso dei 500 € avrà luogo dal 1 agosto 2015 ma avverrà per scaglioni divisi in base alla somma percepita dai pensionati in questione

Dopo questo breve excursus sugli ultimi provvedimenti, una domanda è lecita e facilmente formulabile. Se non c’erano soldi per attuare la riforma pensioni 2015, come sarà possibile attuare il rimborso per 4 milioni di pensionati?  A quanto pare, Renzi aveva tenuto da parte una cifra che si aggira intorno ai 2 miliardi da utilizzare in caso di povertà estrema.

Vediamo ora come dovrebbe avere luogo, nel dettaglio, la faccenda del Rimborso Poletti.

Rimborso Poletti, bonus pensioni Renzi una tantum o all’anno

Il Rimborso Poletti stabilisce che il rimborso sarà effettuato una sola volta per chi rientra in determinate categorie e a scaglioni, una volta all’anno, per chi rientra in altre. In nessun caso si tratta di rimborso totale della somma che spetterebbe ai pensionati, si punta ad un rimborso parziale, in quanto per garantire un rimborso totale sarebbero necessari 11 miliardi.

Secondo il Rimborso Poletti, il rimborso una tantum spetta:

  • Ai pensionati che percepiscono 700 € lordi, che ad agosto riceveranno 750 €;
  • Ai pensionati che percepiscono 200 € lordi di pensione, che riceveranno 450 €;
  • Ai pensionati che percepiscono 3.200 €, non spetterà nulla.

Per quanto riguarda il rimborso basato su somme annuali, il rimborso Poletti stabilisce che spetta:

  • Ai pensionati che percepiscono 700 €, che riceveranno 180 € all’anno;
  • Ai pensionati che prendono 200 €, che riceveranno 99 € all’anno;
  • Ai pensionati che prendono 700 €, che prenderanno 60 € all’anno;

Rimborso Pensione e restituzione arretrati, come fare domanda all’INPS

La domanda per usufruire di quanto stabilito dalla norma Rimborso Poletti andrà sottoposta all’Inps per via telematica, munendosi del PIN necessario, oppure tramite gli uffici predisposti come CAF o consulenti del lavoro.

Nell’oggetto della domanda dovrà essere indicata una frase ben precisa che si riferisce al provvedimento in questione, ovvero ricostruzione nella pensione in virtù dell’abrogazione dell’art. 24-comma 25- D.L. n.201 del 06.12.2011 con sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 30.04.2015.

Il contenuto della domanda dovrà invece contenere tutti i dettagli sul proprio reddito, sulla propria pensione, su eventuale matrimonio e dunque su reddito del coniuge. Inoltre non si dovrà tralasciare di indicare tutte le coordinate bancarie che serviranno all’Inps per effettuare la procedura di rimborso.

Riforma della pensione e rimborso Poletti

Riforma della pensione e rimborso Poletti

In caso la risposta non pervenga entro 120 giorni o si riceva un rifiuto, si possono intraprendere due procedure di ricorso, ovvero il ricorso amministrativo, che si può effettuare tramite sito dell’Inps oppure tramite Caf o consulente del lavoro, e l’azione giudiziale, che invece va avviata tramite la sezione Lavoro del Tribunale civile di riferimento e per il quale è necessaria l’assistenza legale.

Scarica > Vocabolario Vademecum Pensione

Ambra Benvenuto


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy