• Google+
  • Commenta
26 maggio 2015

Summer School Uninsubria sulla mediazione

Intercultura comunicazione all'Università degli Studi Insubria

Università degli Studi Insubria Varese-Como – Summer School Uninsubria sulla mediazione

Summer School Uninsubria

Summer School Uninsubria

Il Centro di Ricerca Religioni, Diritti, Economie nello Spazio Mediterraneo (REDESM) e il Centro Studi sulla Giustizia Riparativa e la Mediazione (CeSGReM) del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como organizzano la Summer School Uninsubria “Mediation: Dynamic in Building Relationships – Some Essential Steps” che si terrà a Como presso il Chiostro di Sant’Abbondio dall’ 8 al 13 giugno.

La Summer School Uninsubria si fonda su un’approfondita riflessione teorica e di ricerca compiuta nel corso degli anni dai docenti che saranno presenti come relatori.

In particolare, la Summer School mostrerà, attraverso laboratori e simulazioni, gli elementi essenziali dei diversi modelli di mediazione, con attenzione sia ai profili teorici sia a quelli applicativi. Durante le sei giornate tematiche verranno approfonditi i temi della mediazione umanistica, della mediazione diaologica, della mediazione in ambito familiare, religioso e sanitario e della mediazione penale.

La pluralità di prospettive presentate permetterà così di evidenziare i diversi settori in cui la mediazione può rappresentare lo strumento adeguato per decodificare con competenza l’interazione umana e per promuovere, attraverso la comprensione delle cause profonde dei conflitti, la coesione sociale.

Summer School Uninsubria dedicata alle dinamiche del percorso di mediazione

La Summer School Uninsubria è perciò dedicata principalmente all’apprendimento delle dinamiche del percorso di mediazione quale strumento volto a rinforzare le relazioni e il buon “vivere insieme”.

Le lezioni della Summer School Uninsubria saranno tenute da Alessandro Ferrari (Docente di Diritto ecclesiastico e diritto comparato delle religioni, Università degli Studi dell’Insubria), Grazia Mannozzi (Docente di diritto penale e di Giustizia riparativa e mediazione penale, Università degli Studi dell’Insubria), Jacqueline Morineau (Fondatrice del C.M.F.M. – Centre de Mediation et de Formation à la Mediation, Parigi), Alessandra Gaetani (Mediatrice, dottore di ricerca in diritto ecclesiastico, Università degli Studi dell’Insubria), Fabrice Dubosc (Psicoanalista, saggista, Roma e Milano), Khalid Razzhali (Ricercatore, mediatore interculturale, Università degli Studi di Padova), Michela Marchetti (Antropologa medica, progettista in ambito sociale, Perugia), Gian Piero Turchi (Docente di psicopatologia clinica e delle differenze culturali e clinica della devianza psicopatologia, mediatore, Università degli Studi di Padova), Antonio Angelucci (Avvocato, dottore di ricerca in diritto ecclesiastico, Università degli Studi dell’Insubria), Cesare Bulgheroni (Avvocato, mediatore, Varese), Vittoria Poli (Avvocato, mediatrice, Varese), Chiara Perini (Docente di Diritto penale e di Giustizia riparativa e mediazione penale, Università degli Studi dell’Insubria), Giovanni Angelo Lodigiani (Docente di Giustizia riparativa e mediazione penale, Università degli Studi dell’Insubria), Carlo Riccardi (Mediatore, criminologo, Centro di mediazione penale, Milano) e Rossana Novati (Avvocato, mediatore, Gruppo Humanitas).


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy