• Google+
  • Commenta
22 luglio 2015

Alain Cribier inventore della valvola cardiaca percutanea a Unicz

Alain Cribier

Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro – Alain Cribier inventore della valvola cardiaca artificiale percutanea in visita al campus dell’Università Magna Graecia di Catanzaro

Alain Cribier

Alain Cribier

Il Prof. Alain Cribier, inventore della valvola cardiaca artificiale che si impianta per via percutanea dalla gamba (TAVI), la più grande innovazione della cardiologia interventistica dopo gli stent coronarici, è stato in visita, nei giorni scorsi, al Campus dell’Università Magna Graecia di Catanzaro.

Il Prof. Alain Cribier  è stato il primo cardiologo al mondo ad impiantare nel 2002 una valvola aortica transcatetere, aprendo così la strada ad una tra le più grandi scoperte della Cardiologia. Da allora, nel mondo, migliaia di valvole aortiche sono impiantate ogni anno senza anestesia generale e senza bisturi. L’efficacia di tale innovativa terapia è stata dimostrata da due studi randomizzati. In particolare, lo studio PIVOTAL ha dimostrato una mortalità più bassa nei soggetti trattati con la TAVI rispetto alla chirurgia tradizionale nei pazienti ad elevato rischio.

Le dichiarazioni di Alain Cribier in visita all’Università di Catanzaro

“Sono molto orgoglioso di aver ospitato il Prof. Cribier – ha affermato il Prof. Indolfi, Direttore della Cardiologia e del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università Magna Graecia di Catanzaro che ha assistito qui a Catanzaro a difficili interventi effettuati dal mio team completamente per via percutanea. Gli impianti sono stati effettuati in pazienti che avevano una severa limitazione delle loro semplici attività quotidiane legate ad un restringimento della valvola aortica e che non erano stati trattati dal cardiochirurgo per la presenza di numerose malattie che rendevano l’intervento chirurgico molto pericoloso”.

“La più grande soddisfazione – ha aggiunto il Prof. Ciro Indolfi- è stata quella di aver messo in contatto i miei collaboratori, gli specializzandi e gli studenti della Scuola di Medicina con una grande personalità che deve ispirare i giovani all’eccellenza e all’innovazione. Infatti Cribier ha spiegato che nonostante molti avevano creduto che la sua idea non fosse affatto percorribile, la sua ostinazione e la sua ricerca di strategie innovative, ha consentito oggi di trattare migliaia di pazienti che prima era abbandonati al loro destino perché inoperabili”.

La Cardiologia Universitaria di Catanzaro è stato il primo centro pubblico della Regione Calabria ad iniziare il trattamento dell’infarto con il palloncino e lo stent, e ha contribuito alla nascita di nuovi centri ospedalieri. Inoltre, il primo impianto percutaneo della valvola aortica in Calabria è stato effettuato al Policlinico Universitario nel 2008 e molti pazienti possono essere trattati qui nella Regione senza il bisogno di emigrare in centri magari che hanno risultati peggiori di quelli che si ottengono presso la struttura ospedaliera del Campus universitario di Catanzaro.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy