• Google+
  • Commenta
21 luglio 2015

Classifica Atenei de Il Sole 24 Ore: la posizione di Unisalento

Il rettore Zara sui test ammissione Unisalento

Università del Salento – La posizione di Unisalento nella classifica atenei Italiani de Il Sole 24 Ore: ecco cosa ne pensa il rettore Zara della classifica universitaria pubblicata

Il rettore Zara sulla classifica atenei de Il Sole 24 Ore

Il rettore Zara sulla classifica atenei de Il Sole 24 Ore

Diventa testimonial della cultura, dell’informazione e dell’istruzione: scopri com’è facile e veloce. Invia una tua foto e diventa protagonista della tua Università e portatore dell’interesse che ci accomuna: cultura istruzione e informazione!

Il rettore Vincenzo Zara sulla classifica atenei stilata da Il Sole 24 Ore: «indicatori poco chiari e non contestualizzati.

Penalizzate le università che fanno bene con poco»

A proposito della posizione in classifica atenei dell’Università del Salento nella classifica redatta da “Il Sole24Ore”, di seguito alcune considerazioni del Rettore Vincenzo Zara.

Le considerazioni del rettore Vincenzo Zara sulla classifica atenei de Il Sole 24 Ore

posizionamento dell’Unisalento nei vari ranking nazionali e internazionali <<< clicca e scarica

La pubblicazione dei ranking degli Atenei italiani a livello nazionale e internazionale ci dà ogni anno modo di dibattere sulla “qualità” del nostro lavoro accademico, ma soprattutto sulle modalità di “misurazione” di questa qualità. Inoltre, si tratta di una classifica atenei e graduatoria che, non per niente, in genere viene resa note a ridosso del periodo di immatricolazione e che vorrebbero quindi essere utili per una scelta ragionata dell’Ateneo da frequentare. In tempi di corposo drenaggio di giovani studenti dal Sud al Nord, dobbiamo perlomeno fare attenzione a come leggerne i risultati.

Anzitutto è bene chiarire che la “posizione” di un Ateneo nelle singole graduatorie è dipendente dalla varietà di indicatori utilizzati e poi dalla loro specifica combinazione. Una riprova di questa considerazione si può avere analizzando la tabella allegata, nella quale abbiamo cercato di sintetizzare il posizionamento del nostro Ateneo nei vari ranking nazionali e internazionali. Applicate a organizzazioni costitutivamente complesse, queste classifiche sono eterogenee, com’è ovvio, anche perché ogni promotore ha interesse a rendere la propria graduatoria diversa dalle altre. Le fonti dei dati utilizzati, inoltre, sono spesso difformi e non del tutto confrontabili tra loro, e sono talvolta riferite a indagini solo apparentemente “quantitative”, condotte con metodologie e criteri di fatto né oggettivi né verificabili.

Università del Salento perde nella classifica atenei e graduatoria de Il Sole 24 Ore

Unisalento nella classifica atenei

Unisalento nella classifica atenei

Entrando nel merito della graduatoria stilata da “Il Sole 24 Ore”, l’Università del Salento perde complessivamente rispetto al 2014 una sola posizione generale e quindi risulta sostanzialmente stabile: qualche anno fa, il nostro Ateneo era nelle ultimissime posizioni. Passando all’analisi delle singole voci, UniSalento è sostanzialmente stabile per “sostenibilità” (cioè numero docenti in materie caratterizzanti), “stage” effettuati, “soddisfazione” dei laureati. Caliamo in “attrattività” (da fuori regione), “mobilità”, “borse di studio”, “efficacia”.

Buon miglioramento, invece, su “occupazione” e nelle misure contro la “dispersione”. Non ci sono nuovi dati su “ricerca”, “fondi esterni” e “alta formazione”.

In sintesi, qualcosa va meglio e qualcosa meno bene ma nel complesso la nostra posizione rimane stabile: un dato che, però, non ci pare ben “argomentato” con il ricorso a indicatori chiari e “leggibili”, e che in mancanza di aggiornamenti su alcune voci importanti al pari delle altre non dà certezze sulla completezza e l’accuratezza del metodo seguito.

Ma soprattutto mancano indicatori di contesto. Lo ripetiamo da anni e non ci stancheremo di farlo: come si fa a “posizionare” un Ateneo per “attrattività” senza considerare le caratteristiche geografiche e logistiche del territorio in cui si trova? Come si fa a giudicare la capacità di attrarre studenti da fuori regione senza considerare il dato, appunto, regionale?

I dati più recenti indicano che su circa 20mila nuovi immatricolati pugliesi, circa 13mila scelgono di rimanere in Puglia e circa 7mila si spostano fuori regione; meno di mille sono, complessivamente, gli immatricolati di altre regioni che scelgono un Ateneo della nostra. Sono numeri che, da soli, danno un’idea delle dinamiche sociali in cui ogni giorno lavoriamo.

Infine, almeno un dato inequivocabile emerge dall’analisi condotta dal “Il Sole 24 ore nella classifica atenei”: c’è una evidente correlazione tra le performance e le risorse del Fondo di Finanziamento Ordinario. Più risorse, performance migliori: non è che, per caso, avendo più soldi si può fare meglio? E perché penalizzare così Atenei che, nelle classifiche internazionali, dimostrano di saper fare bene con poco?


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy