• Google+
  • Commenta
8 luglio 2015

Progetto Save: parte da Messina la lotta allo spreco alimentare 

Università degli Studi di Messina – Presentato all’Unime il Progetto Save per la lotta allo spreco alimentare Finanziato dal MIUR Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca

Nel corso di una conferenza stampa, che si è tenuta stamane presso la Sala Senato del Rettorato dell’Università di Messina, è stato presentato il progetto di ricerca scientifica e lotta allo spreco alimentare Progetto Save, azione che rientra ora nell’attività dei laboratori Panlab.

Il Progetto Save è finanziato dal MIUR Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca nell’ambito del programma Smart Cities.

Il progetto Save mira alla creazione di un sistema intelligente per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica della filiera alimentare attraverso la valorizzazione degli scarti biologici di produzione, la riduzione degli sprechi del sistema distributivo e dei consumatori e l’utilizzo alternativo degli sprechi residui, come prodotti per l’industria zootecnica e agroalimentare: gli scarti, in sostanza, mediante le macchine di Panlab possono diventare alimenti per animali.

All’incontro con la stampa erano presenti il Sindaco Renato Accorinti, il Rettore Pietro Navarra, il prof. Vincenzo Chiofalo, responsabile scientifico del progetto, il prof. Giacomo Dugo, responsabile scientifico PanLab, la prof.ssa Paola Dugo, tra i responsabili dei laboratori PanLab, il liquidatore di Messinambiente Alessio Ciacci e Giuseppe Galatà della GTS Consulting ideatore del sistema SAVE e coordinatore amministrativo del progetto.

Conferenza stampa di presentazione del progetto Save all’Università di Messina

Ha introdotto l’incontro del progetto Save il Rettore annunciando come “Messina, con l’avvio di questo progetto di ricerca, lancia, per prima in Europa, un’autentica rivoluzione che rappresenta la vera Expo del contrasto allo spreco alimentare: la frutta e gli ortaggi scartati, non più utilizzabili per l’alimentazione umana ma ancora dotati di importanti proprietà, vengono adesso raccolti, selezionati, e, grazie a un protocollo di rigorose procedure studiate e messe a punto dall’Università di Messina attraverso attività di Ricerca e Sviluppo, analizzati, trattati e conservati per essere utilizzati come cibo per gli animali, come fertilizzanti o per altri scopi industriali”.

“La cooperazione tra istituzioni rappresenta ricchezza comune – ha poi aggiunto il Sindaco Accorinti – e solo grazie alle collaborazioni virtuose e ad un nuovo modo di pensare possiamo produrre benessere sociale ed economico per l’intera comunità. Questo progetto ne è un esempio”.

Ha poi preso la parola il prof. Chiofalo, spiegando Save nel dettaglio: “L’intensa attività di ricerca e di sperimentazione avviata da oltre tre anni dall’Università di Messina ha già dato ottimi risultati e ha permesso di estendere al Vascone l’attività di recupero dello scarto ortofrutticolo, avviato già in alcuni supermercati, per un suo riutilizzo valorizzante. Le analisi sulle carni di vitelli da ingrasso, alimentati con l’insilato di ortofrutta effettuate dall’Università di Messina, hanno dato riscontri anche superiori rispetto ai metodi di alimentazione tradizionali. I test scientifici condotti sulle tecniche di conservazione hanno dimostrato che gli scarti ortofrutticoli possono rappresentare materie prime ad uso zootecnico sia in forma singola, che in mix fra di loro. I risultati preliminari mostrano infatti che gli scarti vegetali possono essere considerati una buona fonte di proteine grezze e insieme agli scarti della frutta un importante supplemento di fibra. Mi piace infine sottolineare – ha concluso Chiofalo – che il progetto è stato fortemente sostenuto dal lavoro di oltre 30 giovani, che hanno usufruito di moduli di alta formazione e di  borse di ricerca mirate” .

L’ing. Galatà ha poi concluso aggiungendoogni giorno enormi quantità di scarti ortofrutticoli vengono gettati tra i rifiuti e finiscono in discarica, con costi economici e ambientali che gravano sulla collettività. Il sistema SAVE in fase di sperimentazione, in linea con le direttive nazionali ed europee sull’economia circolare e la riduzione dei rifiuti, permette di coniugare un vantaggio in termini ambientali con il vantaggio economico per diversi allevatori, che, trovandosi in difficoltà per l’aumento dei costi delle materie prime e dei carburanti, hanno la possibilità di ottenere mangimi di qualità a costi contenuti”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy