• Google+
  • Commenta
4 settembre 2015

Corrado Gini, due giorni per ricordarlo all’Università di Padova

Corrado Gini

Università degli Studi di Padova – Ricordo di un Maestro due giornate su Corrado Gini

Corrado Gini

Corrado Gini

Corrado Gini è stato un eminente statistico della prima metà del Novecento. A cinquanta anni dalla sua morte l’Università di Padova, dove ricoprì la cattedra di Statistica dal 1913 al 1925, a quei tempi presso la Facoltà di Giurisprudenza, si prepara ad onorarne la memoria organizzando una serie di manifestazioni.

Corrado Gini è stato il più importante statistico italiana, con una fama internazionale che, per i non statistici, risulta legata al cosiddetto «indice di Gini» che misura la disuguaglianza dei redditi tra i cittadini di un paese su una scala da zero a uno: è zero se tutti i cittadini godono dello stesso reddito; è uno se il reddito è concentrato nelle mani di una sola persona. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando del divario nella distribuzione della ricchezza del pianeta, utilizza questo indice. E tutti i principali economisti fanno ancora riferimento a questo indice ed agli studi di Gini per misurare gli squilibri economici mondiali.

Corrado Gini brucia le tappe della sua carriera. Laureato a 21 anni in giurisprudenza a Bologna, vince il concorso a cattedra a 26 e per tre anni è professore all’Università di Cagliari. All’età di 29 anni vince la prestigiosa cattedra padovana di Statistica (la prima istituita in Italia nel 1815) che, a quel tempo, era presso la Facoltà di Giurisprudenza. Di Gini professore, piace sottolineare il ruolo di innovatore della didattica attraverso la creazione di un laboratorio di statistica, ossia di una struttura volta a favorire la partecipazione diretta e attiva degli studenti alla ricerca di gruppo.

Università di Padova: Ricordo di un Maestro due giornate su Corrado Gini

Ma l’Università di Padova ricorda anche che a Corrado Gini è debitrice della nascita, per gemmazione dalla facoltà di giurisprudenza, di due nuove facoltà, grazie alla istituzione, da lui fortemente voluta, della Scuola di scienze politiche e sociali e dell’Istituto di Statistica, come documentato dal prof. Rigatti Luchini nel volume che è stato preparato per l’occasione. La prima si tramutò, nel 1933, nella facoltà di Scienze politiche. Con il secondo fu avviato un processo di fermentazione che diede origine, nel tempo, prima ad una Scuola di Statistica, poi, nel 1968, alla Facoltà di Scienze Statistiche Demografiche ed Attuariali, che nel 1993 divenne semplicemente Facoltà di Scienze Statistiche. Inoltre, l’Istituto di Statistica nel 1984 si è trasformato nell’attuale Dipartimento di Scienze Statistiche.

Corrado Gini è noto anche per essere stato il primo presidente dell’ISTAT, l’Istituto centrale di statistica, dal 1926 al 1932. Gini diresse l’Istituto in modo esemplare, riuscì a dare autorevolezza e dinamismo alle attività tanto da farlo diventare uno dei più rispettai istituti di statistiche ufficiali del mondo. Gini era eclettico, come sono spesso le menti brillanti. I campi nei quali gli sono stati tributati riconoscimenti scientifici sono numerosi. Oltre alla statistica, che era il nucleo della sua riflessione scientifica, ebbe un peso notevole nella sociologia, nell’economia, nel diritto costituzionale, nella biologia. Infatti, Gini fu presidente per decenni della Società Italiana di Statistica (che, ricordiamo, fu costituita a Padova, prima di trasferirsi a Roma), però fu anche presidente della Società Italiana di Sociologia (1937), vicepresidente (1933) e presidente (1950) dell’Istituto Internazionale di Sociologia, presidente della Società italiana di genetica ed eugenetica (1934) e della Federazione internazionale delle società di eugenica dei paesi di lingua latina (1935).

Vari sono gli eventi con i quali il Dipartimento di Scienze statistiche, con il contributo del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali “Marco Fanno” della nostra Università, ricorderà Gini. Alle ore 14.00 di lunedì 7 settembre si svolgerà nell’Archivio Antico del Bo, il convegno “Ricordo di un Maestro” attraverso la rievocazione della sua figura di docente e di scienziato da parte di Giuseppe Zaccaria, Magnifico Rettore dell’Università di Padova, Alessandra Salvan, Direttore del Dipartimento di Scienze Statistiche, Vittorio Frosini, Presidente Associazione statistica applicata, e Nicola Torelli, Presidente Società italiana di Statistica. L’8 settembre, al Dipartimento di scienze statistiche in via Cesare Battisti, seguirà una giornata scientifica su “La statistica per l’analisi dei fenomeni giudiziari, forensi e formativi”. Saranno, inoltre organizzati un workshop formativo per dottorandi, un premio per contributi scientifici di giovani studiosi e una mostra multimediale su “Corrado Gini e la statistica della prima metà del Novecento”.

Le due giornate padovane saranno anche il preludio al convegno organizzato dalla Società Italiana di Statistica su “Statistica e Demografia: l’eredità di Gini” che si terrà invece a Treviso nei giorni successivi (dal 9 all’11 settembre), di iniziative della Città di Motta di Livenza (Treviso), sua città natale, e del primo festival della statistica che si terrà pure a Treviso (dal 12 al 13 settembre). La Città di Motta di Livenza ricorderà Corrado Gini con la posa di una lapide commemorativa, una conferenza sul ruolo della famiglia Gini sul territorio e una mostra sulla sua attività scientifica.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy