• Google+
  • Commenta
30 settembre 2015

Fulvio Ferrari direttore di dipartimento di lettere e filosofia Unitn

Fulvio Ferrari

Il dipartimento di lettere e filosofia dell’Università degli Studi di Trento rielegge Fulvio Ferrari

Fulvio Ferrari

Fulvio Ferrari

Intanto il Senato accademico designa due direttori: Luisa Antoniolli alla guida Scuola di Studi Internazionali e Alessandro Quattrone del Centro di Biologia Integrata (CIBIO).

Oggi anche le dimissioni di Aronne Armanini dal Senato accademico per incompatibilità con l’incarico assegnato dall’ANVUR

Secondo mandato da direttore per Fulvio Ferrari, professore ordinario di Filologia germanica, che oggi è stato rieletto alla guida del Dipartimento di Lettere e Filosofia con 57 voti (i votanti sono stati 68 su 90 aventi diritto).

I dieci dipartimenti dell’Università degli Studi di Trento hanno così completato le elezioni dei propri vertici che saranno in carica da domani, 1 ottobre, per il triennio accademico 2015/2018. Oltre a Ferrari, domani inizieranno il loro mandato anche i professori eletti nelle altre strutture: Mario Diani a Sociologia e Ricerca sociale, Remo Job a Psicologia e Scienze cognitive, Andrea Caranti a Matematica, Lorenzo Pavesi a Fisica, Giuseppe Nesi a Giurisprudenza, Geremia Gios a Economia e Management, Dario Petri a Ingegneria industriale, Marco Tubino al Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica e Nicu Sebe al Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione.

Per i dipartimenti, nell’art. 25 dello Statuto di Ateneo, si legge che il direttore «è eletto tra i professori ordinari dai componenti del Consiglio, ed è nominato con decreto del Rettore; dura in carica tre anni e può essere rieletto consecutivamente una sola volta».

Fulvio Ferrari apre il rinnovo anche per altre strutture accademiche dell’Ateneo

Centro di Biologia Integrata (CIBIO) e Scuola di Studi Internazionali (SSI). Ma con altre regole. In base all’art. 27 dello Statuto, infatti, «il direttore è designato dal Senato accademico tra i professori di prima fascia a tempo pieno; dura in carica tre anni e il suo mandato è rinnovabile».

Nella seduta di oggi il Senato accademico ha designato Alessandro Quattrone direttore del CIBIO e Luisa Antoniolli direttrice della Scuola di Studi Internazionali, confermando così a entrambi il ruolo ricoperto nel mandato precedente.

Nel corso della mattinata il Senato accademico ha inoltre accolto le dimissioni del professor Aronne Armanini, che ha lasciato il suo incarico (in scadenza il 31 marzo 2016) per incompatibilità con la nomina nei Gruppi di Esperti della Valutazione (GEV) nominati dal Consiglio direttivo dell’ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca) per gestire la valutazione dei prodotti della ricerca nell’ambito della VQR 2011-2014 (Valutazione della Qualità della Ricerca). Il professor Armanini è infatti coordinatore del gruppo 8b – Ingegneria civile.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy