• Google+
  • Commenta
6 ottobre 2015

Coenzima Q10: ricerca avanzata all’Università di Bologna

Ricerca Unibo

Coenzima Q10: i risultati delle ricerche più avanzate presentati a Bologna

Ricerca Coenzima Q10 a Unibo

Ricerca Coenzima Q10 a Unibo

Si terrà dall’8 all’11 ottobre 2015, presso il Centro San Domenico, l’ottava conferenza della Società Internazionale del Coenzima Q10. Esperti di tutto il mondo si confronteranno sulle più recenti ricerche riguardanti questa molecola.

Invecchiamento, malattie cardiovascolari, diabete,  patologie oculari, distrofie muscolari, alterazioni della fertilità, malattie della pelle e cancro. Sono alcune delle patologie in cui un abbassamento della  biosintesi del Coenzima Q10 può avere, secondo i ricercatori, un ruolo cruciale. La ricerca sul Coenzima Q10 è in continuo sviluppo su numerosi fronti. Quella di base approfondisce il ruolo metabolico del coenzima, le tappe della sua biosintesi e i geni in essa implicati. Quella applicata indaga le migliori formulazioni terapeutiche per una sua somministrazione e veicolazione ottimale, ne studia il ruolo nella patogenesi delle malattie e esplora gli effetti della sua somministrazione attraverso studi clinici multicentrici di grande valore scientifico.

Nel 1997 è nata anche una Società Internazionale che si occupa della promozione e della diffusione della ricerca di base ed applicata sugli aspetti biomedici e clinici del Coenzima Q10. Con cadenza biennale, la Società riunisce gli esperti mondiali del settore. Dopo Boston, Francoforte, Londra, Los Angeles, Kobe, Bruxelles e Siviglia, quest’anno il Prof. Giorgio Lenaz, Professore Emerito dell’Università di Bologna e Membro del Consiglio Direttivo della Società, ha ricevuto l’incarico di organizzare l’evento a Bologna insieme con la dott.ssa Maria Luisa Genova, ricercatore confermato presso l’Alma Mater. Proprio il laboratorio di Medicina mitocondriale ed Enzimologia del mitocondrio, fondato dal prof. Giorgio Lenaz, studia da decenni la funzione bioenergetica del Coenzima Q10 nei mitocondri e il meccanismo dell’azione antiossidante.

Il Congresso di Bologna avrà  lo scopo di raccogliere e discutere i risultati delle più recenti ricerche sull’argomento e di sottoporle all’attenzione della comunità scientifica internazionale e al pubblico.

Cos’è il Coenzima Q10: l’intervento e la ricerca dell’Università di Bologna

E’ una sostanza vitamino-simile contenuta all’interno delle nostre cellule soprattutto in quegli organelli intracellulari chiamati mitocondri che sono deputati alla produzione di energia sotto forma di adenosina trifosfato (ATP). Il Coenzima Q 10 è appunto un componente indispensabile della catena respiratoria mitocondriale, il sistema che trasferisce atomi di idrogeno  all’ossigeno in seguito alla demolizione delle molecole alimentari: è così che viene liberata l’energia che garantisce la vita delle cellule.  Durante questo processo il Coenzima Q 10 passa alternativamente dalla forma ossidata (ubichinone) a quella ridotta (ubichinolo).

L’ubichinolo  ha un’altra funzione importante, è cioè  un potente antiossidante naturale che impedisce e neutralizza la formazione di specie reattive e radicali dell’ossigeno (anche chiamati radicali liberi). Il Coenzima Q10, quindi, protegge dal grave danneggiamento che un eccesso di radicali liberi provocherebbe alle strutture della cellula.

Il Coenzima Q 10 viene sintetizzato dall’organismo attraverso una via molto complessa che richiede l’intervento di numerosi enzimi e di  varie molecole derivanti da vitamine importanti come le vitamine B6, B12, PP, l’acido folico ecc. Se il corretto funzionamento di queste molecole si altera, i livelli di Coenzima Q10 nell’organismo possono facilmente abbassarsi determinando un calo dell’efficienza energetica e dei processi di difesa antiossidante. Ciò accade in alcune malattie genetiche in cui sono alterati enzimi deputati alla biosintesi del Coenzima Q 10,  ma anche in numerose altre  patologie comuni. In tali condizioni, numerose ricerche biologiche e cliniche hanno evidenziato un effetto positivo della somministrazione orale di Coenzima Q 10, che ristabilisce rapidamente i livelli fisiologici ematici e tessutali e spesso migliora la sintomatologia clinica.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy