• Google+
  • Commenta
29 ottobre 2015

Malattie cardiovascolari: nuove possibilità dal Sant’Anna di Pisa

Malattie cardiovascolari
Malattie cardiovascolari

Malattie cardiovascolari

Se il “cuore è matto”, nuove prospettive di cura per le malattie cardiovascolari oggi più frequenti anche nei pazienti non considerati a rischio.

Sabato 31 ottobre alla Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento S.Anna di Pisa l’incontro “Tra cardiopatia ischemica e cardiopatia coronarica. 2015: Ihs vs. Cad” per riunire le professionalità nell’area nord ovest della Toscana. Michele Emdin, uno dei promotori: “Appropriatezza delle cure e rapporto costo – beneficio per definire le ‘pratiche migliori’ mettendo sempre il paziente in primo piano”

Un dolore, un’oppressione improvvisa sul petto durante uno sforzo, una salita, un’emozione intensa: è l’angina pectoris che colpisce, sempre più frequente anche nella donna oltre che nel paziente “tipico”, uomo con oltre 50 anni di età, fumatore, sedentario, stressato, con fattori di rischio noti come il diabete, il colesterolo elevato, la pressione alta. La causa dell’angina può essere individuata in una placca aterosclerotica che ostruisce una coronaria e la soluzione spesso proposta al paziente consiste nell’inserire uno “stent”, eseguire un intervento chirurgico per installare un by-pass, oltre a un’adeguata cura con i farmaci. La definizione di percorsi di cura innovativi, aggiornati e standardizzati, in grado di sfruttare e di valorizzare le competenze mediche toscane di eccellenza, è uno degli obiettivi dell’incontro “Tra cardiopatia ischemica e malattia coronarica. 2015: Ihs vs. Cad”, promosso dalla Fondazione Toscana Gabriele Monasterio Cnr – Regione Toscana, Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Centro per la medicina e la cardiologia traslazionale (Cmct), in programma sabato 31 ottobre (aula magna, registrazione dei partecipanti dalle ore 8.30) proprio alla Sant’Anna.

L’incontro sulle malattie cardiovascolari del 31 ottobre vuole mettere a confronto le professionalità coinvolte nel trattamento di queste patologie cardiache presenti in particolare nell’area nord ovest della Toscana, con particolare riferimento alla “Medicina di iniziativa” e a tutte le “Cardiologie” delle aree di Massa, Versilia, Lucca, Pontedera, Cecina, Livorno, Piombino, l’Azienda ospedaliera universitaria pisana, la Fondazione Monasterio.

Il punto di Michele Emdin sulla cura delle malattie cardiovascolari

“La diagnosi e il trattamento della cardiopatia ischemica nel 2015 richiedono l’impiego degli strumenti più moderni – spiega Michele Emdin, docente di malattie dell’apparato cardiovascolare all’Istituto di Scienze della Vita della Sant’Anna e uno dei promotori dell’incontro di sabato 31 ottobre – come l’angioTC coronarica, accanto a quelli convenzionali, una rivalutazione del costo-beneficio, di approcci non invasivi e di carattere interventistico, in funzione dell’appropriatezza delle cure e del raggiungimento di una ‘best practice’, cioè di una pratica ottimale, che tenga conto di criteri di qualità del processo e di economia,avendo sempre come primo riferimento il paziente”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy