• Google+
  • Commenta
21 ottobre 2015

Mistero della passione di Cristo e delle Madonne, mostra a UniSalento

Mistero della passione di Cristo

Madonne addolorate e desolate, Cristi deposti, flagellati, in pietà dal 26 ottobre al 27 novembre 2015 in rettorato la mostra sul mistero della passione

Mistero della passione di Cristo

Mistero della passione di Cristo

“I misteri e la passione. Arte, società e territorio”

Madonne addolorate e desolate, Cristi deposti, flagellati, in pietà: 15 statue prevalentemente in cartapesta, collocabili tra Ottocento e Novecento, saranno esposte dal 26 ottobre al 27 novembre 2015 nella sala espositiva del chiostro del Rettorato dell’Università del Salento (piazza Tancredi 7, Lecce), raccolte nella mostra “I Misteri e la Passione. Arte, società e territorio”.

All’inaugurazione, in programma il 26 ottobre alle ore 15, saranno presenti:

  • il Rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara
  • il Direttore Generale Emanuele Fidora
  • il Prorettore Antonio Lucio Giannone
  • Letizia Gaeta, delegata del Rettore alla Conoscenza, ricerca e messa in valore dei beni culturali
  • Nicola Grasso, docente di Legislazione dei Beni culturali
  • Giovanni Mastronuzzi, archeologo

La mostra sul mistero della passione Ideata e realizzata da Letizia Gaeta, delegata del Rettore alla Conoscenza, ricerca e messa in valore dei beni culturali, e con l’allestimento di Fulvio Tornese, la mostra propone uno sguardo retrospettivo su una singolare storia della religiosità del territorio salentino: i Misteri della Settimana Santa, che alimentano il mercato artistico della cartapesta leccese nel momento di passaggio dalla specificità artigianale delle operose botteghe degli antichi maestri, tenacemente legati alla tradizione figurativa del territorio, a una serialità di tipo industriale che contamina forme e modelli.

Le statue del mistero della passione in mostra all’Università del Salento

Le statue esposte hanno alle spalle almeno due guerre, e sono quasi sempre il risultato di un rapporto sociale tra le confraternite laicali e gli artisti del tempo. La richiesta di queste statue costituiva un aspetto qualificante della vita sociale e religiosa dei confratelli, che gestivano uno spazio sacro destinato a essere presidiato da Santi e Madonne: difensori a oltranza dell’ortodossia iconografica in ossequio ai testi sacri.

«I nomi degli artisti/artigiani presenti in mostra», spiega Gaeta, «sono in molti casi quelli che gli studi hanno messo a fuoco, ma figurano anche statue ancora anonime che attendono una ricostruzione storica. La mostra è anche una finestra aperta, senza pregiudizi, sulle tante linee di ricerca che solo una lettura sociologica dei problemi figurativi potrà dischiudere, entro una trama di collaborazioni scientifiche che l’università avvia con soprintendenze, musei diocesani, enti ecclesiastici, studiosi del territorio».

La mostra sul mistero della passione è corredata da un pieghevole informativo che prelude a un progetto, già avviato, di un corposo catalogo «nel quale si confronteranno dialetticamente i tanti osservatori metodologici da cui ripartire per dipanare una geografia artistica nella sua complessità», conclude Gaeta, «dall’antropologia alla musicologia, dalla storia all’arte includente anche il cinema e il teatro. Sono stati già chiamati a raccolta studiosi delle varie istituzioni e giovani formatisi presso la nostra Università. La collaborazione tra le diverse cattedre, in primis quella di Storia dell’arte contemporanea (Massimo Guastella), ma anche quella di Antropologia culturale (Eugenio Imbriani), di Storia delle tecniche artistiche (Raffaele Casciaro), di Iconografia musicale (Daniela Castaldo) mira a una convergenza di propositi intellettuali che dovrebbero scongiurare l’autoreferenzialità di piccole o grandi ricerche. Fondamentale in tal senso è lavorare assieme ai funzionari delle soprintendenze (Caterina Ragusa, Antonella di Marzo, per citare solo alcuni che hanno dato il loro apporto scientifico e tecnico) per uscire da un sordo isolamento istituzionale nel quale i tempi relegano».

Dedicata a Claudia De Giorgi, Antonio Cassiano e Gino Rizzo, la mostra sul mistero della passione è stata realizzata grazie alla collaborazione della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia, della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Province di Lecce, Brindisi e Taranto, delle Diocesi e delle Confraternite del territorio salentino.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy