• Google+
  • Commenta
1 ottobre 2015

Viper dell’Università di Pisa: internet delle cose made in Italy

Da Parigi a New York, ecco il viaggio di Viper, l’internet delle cose “made in Italy”

La piattaforma sviluppata da un team di ingegneri dell’Università degli Studi di Pisa serve per mettere in rete i dispositivi domestici: a novembre il lancio della nuova versione

Dopo la vetrina intelligente nel negozio Rolex a Parigi, la start up ha ottenuto un grande successo anche alla World Maker Faire di New York, la fiera internazionale della tecnologia innovativa e creativa che si è conclusa il 27 settembre scorso.

Viper, fondata da un team di ingegneri dell’Università di Pisa, è una delle realtà che oggi rappresenta il “made in Italy” nel mondo di “Internet delle cose” e ha sviluppato la piattaforma per mettere in rete e rendere “intelligenti” e a portata di click gli oggetti domestici.

Il punto di Gabriele Montelisciani, business developer di Viper

“In questi giorni a New York il nostro stand è stato letteralmente preso d’assalto – ha raccontato Gabriele Montelisciani, business developer di Viper – e questo fa ben sperare anche per il lancio della versione professionale di Viper in uscita a novembre”.

Intanto a luglio, a Parigi, nel negozio monomarca Rolex, è apparso il primo prodotto con questa App a bordo: una serie di undici espositori girevoli sincronizzati wireless per mettere in mostra gioielli ed orologi della famosa casa Svizzera. Comandati dalla ViperApp, gli espositori ruotano in maniera sincrona e possono essere fermati a piacere per collocare nuove collezioni o per prelevare prodotti da far provare ai clienti. Un primo esempio di vetrina intelligente realizzata e controllata con Viper.

Dopo la campagna di crowfounding su Kickstarter a marzo 2015, con 400 supporters da 25 paesi del mondo, il team di Viper ha lavorato alacremente per uscire in giugno scorso con la versione alfa di Viper, accompagnata da una scheda elettronica multisensore che facilita la prototipazione di dispositivi interattivi rivolti all’Internet of Things.

“Appena uscita la scheda è stata apprezzata dai grandi distributori di elettronica e a livello di prototipi e prodotti c’è stata un’ottima risposta dal mondo degli sviluppatori – ha detto Gabriele Montelisciani – Al workshop su Viper fatto al Fablab di Firenze il 25 luglio è stato presentato e premiato un etilometro ‘intelligente’ e ora il prodotto è visibile in rete su Hackster.io insieme a Theremin, una lampada dell’Ikea che abbiamo reso interattiva”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy