• Google+
  • Commenta
30 novembre 2015

Concorso scuola 2015: bando del Miur con ultime novità a breve online

Attesa per il concorso scuola 2015: il bando del Miur è atteso per l’1 o il 2 Dicembre. Ultime novità su requisiti abilitati e non abilitati, cosa studiare per il test preselettivo e le prove.

Le ultime notizie sul bando del concorso scuola 2015 per oltre 63mila docenti smentiscono ritardi da parte del Miur.

La conferma arriva dal Ministro Stefania Giannini, dunque a breve si conosceranno tutti i particolari relativi alla nuova formulazione delle classi di concorso, nonché i requisiti che interessano gli abilitati.

Il lungo iter burocratico del nuovo bando del concorso scuola 2015 di dicembre sta volgendo al termine, il Miur quindi presto pubblicherà quali sono i requisiti per accedere a questa nuova selezione, prevista entro il 2 Dicembre. Il concorso a cattedra 2016 dovrebbe interessare circa 200mila docenti, ma i posti disponibili finora confermati restano 63.700. Una selezione dura, che esclude i non abilitati: delusione per i neolaureati che iniziano a fare i conti con le novità imposte dalla riforma “Buona Scuola” di Renzi.

Dopo la nuova formulazione delle classi di concorso, dovrebbero dunque esserci significative novità nel bando del Miur, ma al momento le indiscrezioni a riguardo sono poche. Si conoscono pochi dati certi, che riguardano soprattutto i numeri dei posti disponibili e i requisiti degli abilitati chiamati a competere per mezzo delle prove concorsuali.

Ma l’attesa sembra essere giunta quasi al termine come confermato dal Ministro Stefania Giannini, che durante la sua visita a “Job&Orienta” a Veronafiere, sulla pubblicazione del concorso docenti ha chiarito: “L’iter, come sempre nel nostro Paese, è complesso, ci sono vari atti formali in corso. L’1 dicembre è martedì prossimo, se non sarà l’1 sarà il 2, ma siamo in dirittura d’arrivo“.

Concorso scuola 2015, requisiti: ecco chi potrà partecipare al concorso a cattedra

I requisiti di accesso al concorso a cattedra 2015 sono indicati nell’art. 110 della legge 107/2015. “A decorrere dal concorso pubblico di cui al comma 114, per ciascuna classe di concorso o tipologia di posto possono accedere alle procedure concorsuali per titoli ed esami, di cui all’articolo 400 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come modificato dal comma 113 del presente articolo, esclusivamente i candidati in possesso del relativo titolo di abilitazione all’insegnamento e, per i posti di sostegno per la scuola dell’infanzia, per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, i candidati in possesso del relativo titolo di specializzazione per le attivita’ di sostegno didattico agli alunni con disabilita’.”

Come previsto dalla legge 107/2015, il concorso scuola 2015, e relativo bando, dovrebbero essere noti entro il 1° Dicembre, mentre per le assunzioni si dovrà aspettare il 1° settembre 2016.

Al comma 110 della legge 107/2015 si chiarisce anche l’esclusione dei docenti di ruolo. ” Ai concorsi pubblici per titoli ed esami non può comunque partecipare il personale docente ed educativo già assunto su posti e cattedre con contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nelle scuole statali.”

Concorso scuola 2015: valutazione titoli e punteggi assunzioni docenti

Il nuovo concorso a cattedra del Miur assegnerà 63.700 nuovi posti, nell’arco complessivo di tre anni. Mediamente saranno dunque assunti oltre 20 mila docenti l’anno, che in buona parte andranno a soddisfare le esigenze del turnover. Al momento sembrerebbe confermato che fino al 2019 non sono previsti nuovi concorsi per la scuola.

Tra i requisiti per partecipare al nuovo concorso scuola 2016 c’è l’iscrizione nella II fascia delle Graduatorie di istituto (docenti abilitati ma non iscritti nelle Graduatorie a esaurimento); abilitazione TFA (Tirocinio Formativo Attivo); l’abilitazione PAS (Percorso Speciale Abilitante), nonché la Laurea in Scienze della formazione primaria. L’abilitazione resta dunque tra i requisiti necessari per accedere alla selezione.

Poi, dopo aver superato con successo le prove, la differenza la farà anche il peso dei punteggi  per il concorso scuola 2015 attribuibili ai propri titoli curriculari. Fra i titoli valutabili in termini di maggiore punteggio, c’è il titolo di abilitazione all’insegnamento ottenuto a seguito sia dell’accesso ai percorsi di abilitazione tramite procedure selettive pubbliche per titoli ed esami, sia del conseguimento di laurea magistrale o laurea a ciclo unico.

Ma anche l’aver prestato servizio a tempo determinato negli istituti scolastici statali per un periodo continuativo non inferiore a 180 giorni offre maggiori possibilità di superare la selezione con un punteggio superiore.

Per le conferme ufficiali è necessario attendere la pubblicazione della tabella di valutazione.

Fra i testi consigliamo il Concorso a cattedre 2015. Manuale della buona scuola. Prepararsi al concorso a cattedre dopo le novità introdotte dalla riforma L. 107/2015. Con aggiornamento online. E’ molto utile esercitarsi sui manuali e simulare le prove.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy