• Google+
  • Commenta
2 novembre 2015

Nuove classi di concorso insegnamento scolastico 2015-2016: il corso di lingua italiana Unistrapg

Nuove classi di concorso
Nuove classi di concorso

Nuove classi di concorso

Ultime news sulle nuove classi di concorso insegnamento scolastico 2015-2016: il punto del Prof. Giovanni Capecchi sul nuovo corso di lingua italiana Unistrapg

Via libera del Governo al riordino del comparto scolastico, l’Università per stranieri di Perugia sale sugli scudi.

L’ateneo perugino, da sempre in prima linea nella diffusione della cultura e della lingua italiana, gioisce per l’introduzione delle nuove classi di concorso, in particolare A – 23, “Lingua italiana per discenti di lingua straniera”.

Perché? Lo abbiamo chiesto al Prof. Giovanni Capecchi dell’Unistrapg.

L’Università per stranieri di Perugia è uno dei principali laboratori di formazione interculturale italiani.

Di recente, l’ateneo perugino è salito agli onori della cronaca grazie all’ormai celebre riforma delle nuove classi concorsuali.

Sin dal lontano 1926, infatti, si occupa di promuovere all’estero l’idioma e la cultura del Bel Paese, intessendo proficue relazioni internazionali con le più influenti realtà del mondo accademico.

Per quel che concerne l’offerta formativa specifica in lingua e cultura italiana, rivolta a studenti provenienti da altri paesi, l’Unistrapg simboleggia il più prestigioso e rinomato ateneo nostrano.

Una realtà accademica che, dal lontano 1991, dedica corsi universitari alla formazione dei docenti di lingua italiana per stranieri.

Nuove classi di concorso insegnamento scolastico 2015-2016: a breve chiusura iter

A fine luglio, il Governo Renzi ha, infatti, avviato l’esame del regolamento di riforma delle nuove classi di concorso, con l’intento di adeguare queste ultime ai titoli universitari in voga nell’attuale ordinamento ed agli indirizzi di studio afferenti alle scuole superiori. In particolare, la revisione ha semplificato le classi esistenti, riducendole a 114, e creato 11 nuove categorie, relative all’insegnamento in scuole secondarie di primo e secondo grado, tra le quali le classi dedicate ai licei musicali e coreutici e quelle in lingua italiana per studenti alloglotti (A – 23). In particolare, lo schema di regolamento prevede: l’aggiornamento delle classi di concorso attualmente vigenti e dei relativi requisiti di accesso ai percorsi abilitanti; l’accorpamento di riforma classi concorsuali; e l’introduzione di undici nuove classi o categorie. Per quel concerne la nuova classe di concorso A – 23, “Lingua italiana per discenti di lingua straniera”, va detto che, stando alle notizie finora divulgate, permetterà di insegnare la lingua italiana (L2) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, dell’infanzia e primaria, e in quelle per gli adulti.

Al momento, l’iter parlamentare è in pieno svolgimento. E dal 31 luglio ad oggi non sono trapelate molte notizie circa la definitiva approvazione della stessa, che come detto attiene alla suindicata riforma e, in particolare, alle nuove classi di concorso. Quel che sembra certo, però, è che questa nuova categoria avrà tra i suoi requisiti d’accesso un titolo rilasciato dall’Università per stranieri di Perugia. Ad ogni modo, per comprendere, con esattezza, i dettagli della selezione concorsuale si dovranno attendere i decreti attuativi e l’approvazione definitiva.

Ad oggi, possiamo fare appello soltanto agli atti divulgati, in via preliminare, dal Consiglio dei Ministri. In particolare, la tabella A del documento relativo alla riforma classi concorsuale offre, una panoramica definita, anche se provvisoria, dei requisiti di accesso alla classe A-23 “Lingua italiana per discenti di lingua straniera (alloglotti)”, che riportiamo di seguito: Riforma nuove classi di concorso titoli di accesso vecchio ordinamento: Lauree in Lettere; Materie letterarie; Lingua e cultura italiana; Lingue e letterature straniere. Riforma nuove classi di concorso titoli di accesso D.M. 22/2005 (lauree specialistiche e integrazione vecchio ordinamento): LS 16 – Filologia moderna; LS 40 – Lingua e cultura italiana; LS 43 – Lingue straniere per la comunicazione internazionale; LS 44 – Linguistica. Riforma nuove classi di concorso titoli di accesso Lauree magistrali D.M. 270/2004 Diplomi accademici di II livello: LM 14 – Filologia moderna; LM 38 – Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale; LM 39 – Linguistica; LM 85-bis – Scienze della formazione primaria (solo per Laboratori presso le scuole dell’infanzia e primaria).

Prof. Giovanni Capecchi dell’Unistrapg sulle nuove classi concorsuali

Spinti dal desiderio di far luce sulle nuove classi concorsuali, sul prestigio dell’Unistrapg e, in particolare, sul corso di laurea in lingua italiana per stranieri, abbiamo contattato il Prof. Giovanni Capecchi, docente di letteratura italiana dell’Università di Perugia per stranieri.

Prof. Capecchi, qual è il segreto del vostro  successo? Ci parli dell’Unistrapg.

Giovanni Capecchi

Giovanni Capecchi

“E’ difficile dirlo, e poi forse sarebbe un po’ presuntuoso se rispondessi io, che sono in quest’università da dieci anni.”

“Prima di me, tanti hanno lavorato affinché il nome di quest’istituzione diventasse glorioso nel mondo.”

“Detto ciò, noi partiamo sicuramente da una storia importante. Abbiamo una sede, il Palazzo Gallenga, nella quale, in tanti anni, migliaia di stranieri sono venuti ad imparare l’italiano”.

“Ancora oggi, girando per il mondo, mi capita spesso d’incontrare persone che ricordano di aver studiato e appreso la lingua italiana presso il nostro ateneo. Con il tempo, quella che era una vera e propria scuola di lingua per gli stranieri, è diventata un’università. Un’istituzione, conosciuta in tutto il mondo, con una doppia anima. Perché da una parte offre dei corsi di lingua e cultura per stranieri; e dall’altra dei corsi di laurea triennale e magistrale aperti a tutti”.

Prof. Capecchi, Lei a Perugia riveste i ruoli di delegato del Rettore e del Direttore del Dipartimento per la didattica, e di referente presso la prestigiosa commissione Crui. Inoltre, da qualche tempo, sta seguendo l’iter di approvazione della nuova classe concorsuale, A-23, “Lingua italiana per discenti di lingua straniera”, relativo alla suindicata riforma delle nuove classi di concorso, che come detto permetterà di insegnare la lingua italiana nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, dell’infanzia e primaria, e in quelle per gli adulti. Si tratta, dunque, di un’interessantissima novità per tutti voi, in quanto, tra i requisiti d’accesso alla suddetta classe concorsuale, figura proprio un titolo rilasciato dal vostro ateneo. Ecco, ci aiuti a comprendere l’importanza di tali corsi.

“Abbiamo due corsi di laurea triennali e quattro magistrali. Tra questi, una laurea triennale e una magistrale sono dedicati alla formazione per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri. La prima, quella triennale, è chiamata lingua e cultura italiana, mentre la seconda coincide con il corso d’italiano per l’insegnamento a stranieri. Entrambe sono aperte sia a studenti italiani che stranieri; questi ultimi, dopo aver conseguito la laurea, possono tornare nei rispettivi paesi per insegnare l’italiano. Il corso d’italiano per stranieri è, dal punto di vista didattico, molto variegato. I nostri studenti, infatti, devono cimentarsi con lo studio sia di materie storiche, artistiche, musicali, insomma con il nostro retaggio culturale, sia di materie essenzialmente linguistiche, destinate cioè alla comprensione del nostro idioma, e glottodidattiche, che riguardano quindi l’insegnamento della lingua. Sono poi previsti dei tirocini formativi che portano lo studente a misurarsi direttamente con l’insegnamento agli stranieri. Questi possono essere svolti all’estero, ma anche nei corsi di lingua e cultura italiana per stranieri del nostro ateneo. E questa è una ulteriore opportunità per i nostri studenti, che possono studiare e fare tirocinio nello stesso ateneo”.

Antonio Migliorino


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy