• Google+
  • Commenta
14 dicembre 2015

Alessandro Pizzorusso è morto lasciando a Unipi un incolmabile vuoto

Alessandro Pizzorusso

Ateneo in lutto per la scomparsa del professor Alessandro Pizzorusso

Alessandro Pizzorusso

Alessandro Pizzorusso

Considerato uno dei più grandi costituzionalisti italiani, al professore era stato conferito l’Ordine del Cherubino nel 1990 ed era stato nominato Emerito nel 2007

È scomparso all’età di 84 anni Alessandro Pizzorusso, professore emerito dell’Università degli Studi di Pisa, a lungo docente di Diritto pubblico e Diritto costituzionale.

Alessandro Pizzorusso è nato a Bagni di Lucca nel 1931, il professor Pizzorusso ha svolto la sua carriera quasi interamente nell’Ateneo pisano. Già magistrato con funzioni di giudice presso il Tribunale di Pisa, nel 1972 è stato nominato professore straordinario di Diritto costituzionale presso la facoltà di Giurisprudenza e confermato professore ordinario nel 1975. Dopo un breve periodo all’Università di Firenze, nel 1989 è ritornato a insegnare a Pisa dapprima Diritto pubblico generale, poi Diritto costituzionale e Sistemi giuridici comparati, rimanendo in servizio fino al 2007.

Nel corso della sua carriera il professor Pizzorusso ha ricoperto numerose cariche istituzionali, tra cui quella di direttore del dipartimento di Diritto pubblico dal 1996 al 2006. Nel 1990 è stato insignito dell’Ordine del Cherubino e nel 2007 ha ricevuto la nomina di Professore Emerito. Ha fatto parte del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1990 al 1994 e nel 2004 è stato insignito dal Presidente della Repubblica, Carlo Azelio Ciampi, della Medaglia di Benemerito della scuola, della cultura e dell’arte. Dal 1998 è stato socio nazionale dell’Accademia Nazionale dei Lincei. In quell’anno ha fatto anche parte del gruppo di esperti presieduto dal professor Spiros Simitis, che ha redatto, per conto della Direzione V della Commissione europea, il rapporto intitolato “Affirming fundamental rights in the European Union”, pubblicato nel febbraio 1999.

Il professor Alessandro Pizzorusso ha pubblicato circa mille lavori, tra monografie, saggi, articoli e note a sentenze, spaziando in tutti gli ambiti propri del Diritto costituzionale. In particolare ha pubblicato, in varie edizioni, un noto manuale di Diritto costituzionale e di Diritto pubblico, tradotto anche in vari paesi, tra cui la Spagna, e adottato per molti anni in diversi atenei come testo per la preparazione dell’esame di Diritto costituzionale. Successivamente ha anche pubblicato un manuale di Sistemi giuridici comparati. Dopo la morte di Giuseppe Branca ha diretto il più noto Commentario alla Costituzione, pubblicato dalla casa editrice Zanichelli e dal Foro italiano.

Martedì 15 dicembre, alle ore 14, presso la Pubblica Assistenza, in via Bargagna a Pisa, si svolgerà la cerimonia di commemorazione.

Il punto del rettore Massimo Augello sulla scomparsa del prof Alessandro Pizzorusso

“Il professor Alessandro Pizzorusso è stato uno dei più importanti costituzionalisti italiani e uno dei più illustri rappresentanti della Scuola Giuridica del nostro Ateneo. Nel corso della sua carriera ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio con un grande spirito di servizio, che lo ha portato ad accettare dapprima l’incarico di direttore dell’Istituto di Diritto pubblico della facoltà di Giurisprudenza, poi quello di direttore del dipartimento di Diritto pubblico, infine, soltanto pochi anni fa, quello di presidente della Commissione Etica di Ateneo, incarico che ho avuto l’onore di conferirgli. Ha avuto i massimi riconoscimenti che l’Università di Pisa riserva ai suoi docenti più illustri: l’Ordine del Cherubino nel 1990 e il titolo di Professore Emerito nel 2007.

Il professor Alessandro Pizzorusso coniugava una grande cultura, coltivata con rigore intellettuale e senza ostentazioni, a una altrettanto viva passione civile, che lo ha portato, seppur con quel sano realismo e quel vago disincanto che spesso lo caratterizzava, ad assumere posizioni e ruoli pubblici nell’ambito della società civile.

Il professor Pizzorusso ha dedicato gran parte della sua vita all’Università di Pisa, costituendo un fondamentale punto di riferimento per tutti noi. La sua scomparsa lascia, dunque, un grande vuoto nella nostra comunità e, in particolare, nei tanti suoi membri che hanno avuto la fortuna e il privilegio di operare al suo fianco”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy