• Google+
  • Commenta
17 dicembre 2015

Lemur Catta Madagascar: riconciliazione e riproduzione, ricerca Unipi

Lemur catta del Madagascar

Lo studio dei ricercatori dell’Università di Pisa sul fenomeno della riconciliazione nel Lemur Catta del Madagascar pubblicato sulla rivista PLOS One.

Lemur catta del Madagascar

Lemur catta del Madagascar

La stagione degli amori non coincide con quella della pace. Elisabetta Palagi e Ivan Norscia, ricercatori del Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Pisa, hanno osservato otto gruppi di Lemur catta, un primate del Madagascar, per 10 anni analizzando in tutto 2.339 aggressioni, come ad esempio rincorse, morsi e schiaffi, in diverse stagioni fisiologiche dell’anno, il pre-accoppiamento, l’accoppiamento, la gravidanza e l’allattamento.

E la scoperta è stata che la riconciliazione dipende dalla stagione, cioè si fa pace quando la riproduzione non è in gioco.

I dati dello studio, recentemente pubblicato sulla rivista “PLOS One”, sono stati raccolti allo zoo di Pistoia e, in natura, nella foresta di Berenty situata nel sud del Madagascar, grazie al supporto di tre parchi italiani, il Giardino Zoologico di Pistoia, il Parco Zoo Falconara e il Parco Zoo Punta Verde (Lignano Sabbiadoro).

Lemur catta del Madagascar: si fa pace quando non è in gioco la riproduzione

“I catta sono  organizzati in gruppi sociali ‘dittatoriali’, – ha spiegato Elisabetta Palagi – dove la rigida gerarchia è mantenuta dalle femmine adulte che si alleano per difendere il territorio o cacciare membri indesiderati, attraverso aggressioni mirate, durante le quali puntano il lemure bersaglio e, insieme, lo rincorrono, se serve lo aggrediscono, e lo mettono in fuga”.

Per capire i meccanismi di riconciliazione, i ricercatori dell’Ateno pisano hanno studiato i contatti affiliativi (spulciamento reciproco, avvicinamento e permanenza in contatto fisico, etc.) tra la vittima e l’aggressore, sia subito dopo il conflitto che in condizioni di tranquillità.

Questo per stabilire se il comportamento amichevole osservato fosse effettivamente legato al conflitto, e potesse dunque avere un valore riconciliatorio, oppure se fosse un comportamento che gli animali manifestavano a prescindere dal conflitto stesso.

I risultati ottenuti erano a macchia di leopardo, la riconciliazione infatti era presente in due dei cinque gruppi in natura e in un gruppo in cattività, ma combinando le variabili i ricercatori hanno capito che la chiave di tutto era la stagione, in altre parole si fa pace quando la riproduzione non è in gioco.

“Il comportamento riconciliatorio scompare quando i vantaggi della competizione surclassano quelli della cooperazione – ha concluso Elisabetta Palagi – e, nei mammiferi con stretti periodi riproduttivi, questo accade quando gli animali si giocano il tutto per tutto per poter assicurare un futuro al proprio patrimonio genetico. Si può quindi ipotizzare che nelle specie despotiche in cui sono presenti coalizioni, la domanda giusta non è se, ma quando, ci si riconcilia”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy