• Google+
  • Commenta
25 gennaio 2016

Frasi Giorno della Memoria: aforismi shoah e citazioni sull’olocausto

Immagini e Frasi Giorno della Memoria

Ecco come non dimenticare quel 27 gennaio 1945 con le frasi Giorno della Memoria: immagini e video sulla giornata della memoria, aforismi shoah e citazioni sull’olocausto.

Immagini e Frasi Giorno della Memoria

Immagini e Frasi Giorno della Memoria

Le frasi Giorno della Memoria sono citazioni famose o aforismi celebri sull’olocausto o sulla shoah.

Tra le testimonianze più famose ci sono le frasi di Anna Frank e le riflessioni di Primo Levi. Il 27 Gennaio si ricordano le vittime dell’olocausto e dello sterminio degli ebrei, per non dimenticare l’orrore e la sofferenza dei campi di concentramento.

Le frasi Giorno della Memoria, insieme a numerose immagini dell’olocausto, ma anche a documentari e video della shoah, inducono a riflettere su un pezzo di storia scomoda per l’Europa. Sono oltre sei milioni le vittime dello sterminio, e le frasi sul giorno della memoria vogliono ricordare non solo il genocidio degli ebrei, ma anche le vittime della ferocia nazista. Omosessuali, disabili, contestatori politici, Rom e Testimoni di Geova erano i cosiddetti “indesiderabili”, e per questo condannati alle sofferenze più atroci, privati di ogni dignità.

Per non dimenticare la Giornata della Memoria, ogni anno film, libri e citazioni riportano alla mente quei fatti storici, ancora difficili da comprendere, dopo oltre settanta anni dal loro avvenimento.

Ecco alcune frasi Giorno della Memoria, le citazioni più famose e belle di Primo Levi, Anna Frank e molti altri che hanno testimoniato con le loro parole cosa è successo prima del 27 Gennaio 1945.

Frasi Giorno della Memoria: citazioni famose di Anna Frank sul 27 gennaio 1945

Frasi per non dimenticare sulla giornata della memoria 27 gennaio << scarica ora

Prima dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, avvenuto il 27/1/1945, il mondo non conosceva il dramma e le atrocità che si erano consumate nei campi di concentramento. Le prime immagini e testimonianze dei sopravvissuti hanno iniziato a diffondersi dopo quella celebre data, e soltanto così il mondo ha potuto pendere visione del dramma e della colpa di cui irrimediabilmente si era macchiato.

Il diario di Anne Frank

Il diario di Anne Frank

Il Diario di Anna Frank è tra i libri sulla shoah più famosi, e le frasi Giorno della Memoria più celebri provengono proprio dalla testimonianza di questa giovane ragazza che è morta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen in Germania.

  • Come è meraviglioso che non vi sia nessun bisogno di aspettare un singolo attimo prima di iniziare a migliorare il mondo. Anna Frank.
  • A noi giovani costa doppia fatica mantenere le nostre opinioni in un tempo in cui ogni idealismo è annientato e distrutto, in cui gli uomini si mostrano dal loro lato peggiore, in cui si dubita della verità, della giustizia e di Dio. Anna Frank.

Ecco alcune frasi giorno della Memoria, tratte sempre dal famoso Diario:

  • È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo. Anna Frank.
  • Ah, quante cose mi vengono in mente di sera quando sono sola, o durante il giorno quando debbo sopportare certa gente che mi disgusta o che interpreta male tutte le mie intenzioni! Perciò finisco sempre col ritornare al mio diario, è il mio punto di partenza e il mio punto di arrivo, perché Kitty è sempre paziente; le prometterò che nonostante tutto continuerò a fare la mia strada e a inghiottire le mie lacrime. Anna Frank.

Citazioni Primo Levi e frasi giorno della memoria, Shoah e olocausto

Tra le frasi sulla Giornata della Memoria, le più commoventi e tristi provengono proprio dalle testimonianze dirette di chi è sopravvissuto ai campi di sterminio e lager. Le storie dei deportati sono dure e quasi inverosimili, per le inumane condizioni cui erano costretti a sopravvivere gli ebrei e tutte le vittime dell’olocausto. Una delle testimonianze più famose è quella di Primo levi le cui frasi raccontano quello che accadeva nei campi di concentramento. Ecco alcune frasi Giorno della Memoria di Primo Levi, tratte dal libro Se questo è un uomo.

  • Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo. Primo Levi.
  • Avevamo deciso di trovarci, noi italiani, ogni domenica sera in un angolo del Lager; ma abbiamo subito smesso, perché era troppo triste contarci, e trovarci ogni volta più pochi, e più deformi, più squallidi. Ed era così faticoso fare quei pochi passi: e poi, a ritrovarsi, accadeva di ricordare e di pensare, ed era meglio non farlo. Primo Levi.
  • I nazisti e i fascisti hanno dimostrato per tutti i secoli a venire quali insospettate riserve di ferocia e di pazzia giacciano latenti nell’uomo dopo millenni di vita civile, e questa è opera demoniaca. Primo Levi .

Di seguito altre citazioni famose e frasi Giorno della Memoria, per non dimenticare cosa ha significato l’olocausto per chi l’ha vissuto davvero.

  • Nelle intenzioni fasciste, in Italia, la caccia all’ebreo non avrebbe dovuto essere meno accanita che nella Germania alleata, ma è stata ampiamente vanificata dalla sensibilità umana degli italiani, dalla indifferenza politica di allora, e dal discredito di cui il fascismo si era ormai coperto. Primo Levi.
  • E infine, si sa che sono qui di passaggio, e fra qualche settimana non ne rimarrà che un pugno di cenere in qualche campo non lontano, e su un registro un numero di matricola spuntato. Benché inglobati e trascinati senza requie dalla folla innumerevole dei loro consimili, essi soffrono e si trascinano in una opaca intima solitudine, e in solitudine muoiono o scompaiono, senza lasciar traccia nella memoria di nessuno. Primo Levi.

Tra le frasi Giorno della Memoria più famose, c’è anche la celebre poesia Se questo è un uomo: 

  • Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate, tornando a sera, il cibo caldo e visi amici: considerate se questo è un uomo, che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per mezzo pane, che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome, senza più forza di ricordare, vuoti gli occhi e freddo il grembo, come una rana d’inverno. Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore, stando in casa, andando per via, coricandovi, alzandovi; ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, la malattia vi impedisca, i vostri nati torcano il viso da voi. Se questo è un uomo – Primo Levi.
  • Guai a sognare: il momento di coscienza che accompagna il risveglio è la sofferenza più acuta. Ma non ci capita sovente, e non sono lunghi sogni: noi non siamo che bestie stanche. Primo Levi.

Riflessioni e testimonianze sull’olocausto e frasi Giorno della Memoria

Immagini per Frasi Giorno della Memoria

Immagini per Frasi Giorno della Memoria

Ecco alcune frasi per la Giornata della Memoria, citazioni famose per il 27 Gennaio, da condividere si Facebook, Twitter e Whatsapp per non dimenticare che cos’è la Shoah. Le frasi Giorno della Memoria famose, per ricordare il significato del 27 Gennaio.

  • Auschwitz grida il dolore di una sofferenza immane e invoca un futuro di rispetto, pace ed incontro tra popoli. Papa Francesco.
  • Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre. Primo Levi.
  • Le guerre negano la memoria dissuadendoci dall’indagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle. Allora ritornano, con un altro nome e un altro volto, a distruggere quel poco che avevano risparmiato. Carlos Ruiz Zafón.
  • Oggi più che mai, è necessario che i giovani sappiano, capiscano e comprendano: è l’unico modo per sperare che quell’indicibile orrore non si ripeta, è l’unico modo per farci uscire dall’oscurità. Elisa Springer

Ecco alcune frasi Giorno della Memoria, le testimonianze di chi ha vissuto nei campi di concentramento.

  • E’ tempo di inserire l’undicesimo comandamento: mai essere indifferenti. Sopravvissuto ad Auschwitz.
  • Se Dio esiste , deve chiedermi perdono. Scritta su un muro di Auschwitz.
  • […] stamattina è inverno. […] Nel corso di questi mesi, su dieci di noi, sette morranno. Chi non morrà, soffrirà minuto per minuto, per ogni giorno, per tutti i giorni: dal mattino avanti l’alba fino alla distribuzione della zuppa serale dovrà tenere costantemente i muscoli tesi, danzare da un piede all’altro per resistere al freddo. Primo Levi.

Condividi video giornata della Memoria: per non dimenticare.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy