• Google+
  • Commenta
1 febbraio 2016

Bitcoin: rischi ed opportunità nell’uso delle monete virtuali

Bitcoin
Bitcoin

Bitcoin

Più rischi o più’ opportunità’ dall’uso delle monete virtuali? Bitcoin: un sistema di pagamento innovativo o un sistema monetario antiquato e pericoloso?

Una svolta epocale o a una bolla speculativa? Le domande e le risposte di Massimo Amato e Luca Fantacci nel loro libro per Egea.

Molti parlano di bitcoin, ma pochi li usano. Sono davvero l’inizio di una nuova economia o solo l’ultimo oggetto di una bolla speculativa?

Ne discute il nuovo libro di Massimo Amato e Luca Fantacci “Per un Pugno di Bitcoin. Rischi e opportunità delle monete virtuali” (UBE- Università Commerciale “Luigi Bocconi” Milano editore 2016; 204 pagg.; 16,50 euro; 8,99 e-pub).

Grazie a una tecnologia all’avanguardia denominata blockchain, i bitcoin possono essere creati, trasferiti e accumulati senza l’intermediazione del sistema bancario.

Tuttavia, solo una minima parte è utilizzata per il pagamento di beni e servizi nell’economia reale. La maggioranza è detenuta come strumento di speculazione, se non addirittura utilizzata come mezzo di pagamento anonimo per traffici illegali di spacciatori e terroristi.

Sono soltanto i primi passi, un po’ incerti, di un sistema destinato in pochi anni a intercettare il 10 percento del Pil mondiale, come prefigurato da un sondaggio del World Economic Forum?

O si tratta di un esperimento fallito, come ha recentemente dichiarato uno dei suoi sviluppatori?

La grande volatilità del valore di questa moneta è un accidente temporaneo destinato ad attenuarsi o un carattere intrinseco che rivela un difetto di costruzione?

È possibile mantenere e sviluppare i pregi della blockchain a servizio di un sistema di pagamento efficiente e a basso costo, senza i difetti di moneta instabile e tendenzialmente deflativa?

Per un Pugno di Bitcoin: nuovo libro di Massimo Amato e Luca Fantacci

Gli autori mettono a confronto le promesse reboanti delle monete virtuali con le loro prospettive concrete, analizzando anche le applicazioni della tecnologia blockchain fuori dall’ambito strettamente monetario.

Infatti, mentre bitcoin e altre monete virtuali, sempre più numerose, tentano di rendere il sistema dei pagamenti sempre più rapido, affidabile e efficiente, si moltiplicano anche le applicazioni della tecnologia blockchain in sfere sempre più ampie delle relazioni non solo economiche e commerciali, ma anche sociali e politiche.

Infatti, il sistema contabile decentrato costituito dalla blockchain si presta per gestire in maniera automatica e senza intermediazione processi di ogni genere, dal trasferimento di proprietà ai sistemi di voto.

Qui la posta in gioco è ancora più elevata. Qualcuno è giunto persino a preconizzare, attraverso la blockchain, l’avvento di una società in cui ogni forma di organizzazione, dalle imprese ai governi nazionali, è sostituita da un sistema automatico di aggregazione del consenso e di attuazione delle decisioni, secondo protocolli informatici predeterminati.

Gli autori discutono l’ideologia che sottende il progetto palingenetico della blockchain, mostrando il pericolo che ciò che nasce come sogno libertario si trasformi in un incubo cibernetico.

Tuttavia, gli autori restano convinti che il progetto muova da un’istanza condivisibile, che merita attenta e urgente considerazione: quella della riforma monetaria. “Questa moneta è la risposta sbagliata a una domanda giusta”, affermano. “Il sistema monetario e finanziario, nella sua forma attuale, è un problema.

Ma bitcoin non è la soluzione. Rischia anzi di aggravare la distanza del denaro dal lavoro e della finanza dall’economia reale.

Vale, però, come provocazione per ripensare la funzione delle banche centrali e per elaborare sistemi di monete complementari che sappiano davvero promuovere e non ostacolare scambi e investimenti”.

Sono necessarie risposte innovative, efficaci e più rispondenti alla funzione sociale del sistema monetario e creditizio. L’ultima parte del libro presenta forme diverse di monete complementari che appaiono più adatte a questo scopo.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy