• Google+
  • Commenta
19 febbraio 2016

Musicoterapia e Neurologia: corso terapeutico riabilitativo a Unife

Musicale nell'esperienza
Musicoterapia

Musicoterapia

La Musica in Neurologia tra potenzialità terapeutiche e riabilitative a Unife al via l’edizione 2016 del Corso di perfezionamento “Musica, Musicoterapia e Neurologia”.

C’è tempo fino al 30 marzo per iscriversi al Corso di perfezionamento post-laurea dell’Università degli Studi di Ferrara “Musica, Musicoterapia e Neurologia”, diretto da Enrico Granieri, Professore Ordinario del Dipartimento di Scienze biomediche e chirurgico specialistiche, da Alfredo Raglio, dottore di ricerca e docente di musicoterapia di Unife e dal Maestro Giorgio Fabbri, musicista, compositore, direttore d’orchestra e professore di musica, esperto sul tema dell’impatto della musica in campo neurologico.

“Il Corso nasce dalla esigenza di un approccio anche non sanitario alle malattie neurologiche, focalizzato sulla promozione della salute e sulla cura e riabilitazione di queste patologie – spiega Enrico Granieri – Ad essere introdotte saranno le basi di neuro-fisiologia e di neurologia, integrate attraverso un approccio multidisciplinare con la componente psicologica ed emotiva che propone la musica alle persone in buona salute e al paziente neurologico. Nel corso delle lezioni saranno fornite nozioni di base relative all’uso della musica e di tecniche musico-terapeutiche  in neurologia, promuovendo un approccio rivolto alla salute della mente e del corpo”. 

Corso terapeutico riabilitativo all’Università di Ferrara in musicoterapia e neurologia

Il percorso formativo, che prenderà il via venerdì 15 aprile, si snoda in una serie di lezioni che riprendono le principali sindromi e patologie neurologiche, forniscono elementi di neurobiologia e neurofisiologia, di psicologia della comunicazione efficace e della gestione della relazione con la persona sofferente, le conoscenze di base di tecniche musicali e musicoterapeutiche utili anche nei malati neurologici, soffermandosi sulla importanza che il suono e la musica rivestono nella salute dell’uomo. Relatori saranno clinici, neurofisiologi, psicologi, musicisti esperti nelle tematiche cervello e musica, docenti di musico-terapia.

“Come per l’edizione 2015 – conclude Granieri – anche quest’anno nell’ambito del corso si terranno, sabato 10 settembre e sabato 8 ottobre, due concerti mirati ad approfondire i temi della multisensorialità in ambito musicale ed il ruolo della musica come modello di plasticità neurale e fonte di produzione di emozione. Protagonisti saranno il maestro e compositore Antonio Artese di Firenze ed Eckart Altenmueller, Professore di neurologia dell’Università di Hannover ed esperto sul piano internazionale nella ricerca neurofisiologica e neuropsicologica su cervello-musica e nel recupero dei disordini neurologici che possono colpire i musicisti professionisti.

Il Corso è rivolto a Operatori sanitari e figure non sanitarie che vengono a contatto professionalmente con persone portatrici di patologia neurologica: Neurologi, Medici, Psicologi, Musicisti, Laureati nelle Professioni Sanitarie e Laureati in Scienze Motorie, Docenti di musica, Studenti universitari di ogni corso di laurea, studenti del Conservatorio, nonchè a coloro che sono interessati professionalmente all’argomento Mente-Cervello e al ruolo della musica nel recupero del benessere psico-fisico.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy