• Google+
  • Commenta
1 febbraio 2016

Storia di Luisa Spagnoli e vita: chi era la donna dei Baci Perugina

Storia di Luisa Spagnoli

La vera storia di Luisa Spagnoli, vita, biografia e origini: ecco chi era Luisa Spagnoli, la donna dei Baci Perugina oggi famosa per la sua firma di alta moda.

Storia di Luisa Spagnoli

Storia di Luisa Spagnoli

La storia di Luisa Spagnoli è avvincente ed unica, e numerosi sono gli episodi della sua vita che hanno influenzato il mondo dell’industria e della moda.

Ecco la biografia di Luisa Spagnoli, le notizie sulla vita della donna che inventò il Bacio Perugina e il celebre marchio di moda.

Proprio come la trama di una fiction o di un film, la vera storia di Luisa Spagnoli è ricca di brillanti intuizioni che hanno fatto la storia dell’economia d’Italia. Rai 1 ha dedicato una fiction, e con un cast d’eccezione porta in scena una la trama della sua vita. La biografia della donna che inventò il Bacio Perugina è avvincente, e l’amore e la passione hanno inciso notevolmente sulle scelte prese dall’imprenditrice.

Molti conoscono il famoso marchio di moda, dallo stile semplice ed elegante, e al tempo stesso accessibile a tutti.

Ma la celebre imprenditrice aveva già fondato l’impero Perugina prima di cimentarsi nella creazione di abiti o scialli con la celebre lana d’angore. La vita privata di Luisa Spagnoli non fu meno sorprendente e movimentata: già madre di tre figli quando aprì la sua prima azienda, la bella imprenditrice si separa dal marito per Giovanni Buitoni, suo socio in affari e amante appassionato, di 14 anni più giovane di lei.

La vera storia di Luisa Spagnoli: vita, biografia e origini dell’invenzione dei Baci Perugina

Luisa Sargentini nasce il 30 ottobre 1877 a Perugia, in una umile famiglia. Suo padre, Pasquale Sargentini, era un semplice pescivendolo, e sua madre Maria era una casalinga. La giovane Luisa si sposa a 21 anni con Annibale Spagnoli, che era un musicista, ma il suo spirito imprenditoriale la conducono a prendere in mano le redini di una vecchia confetteria dismessa. Con l’aiuto del marito inizia a produrre cioccolato e dolciumi, e con zelo e determinazione riesce ad imporsi nella realtà locale grazie alle sue creazioni. I suoi prodotti sono molto apprezzati, sia per lo spirito creativo della giovane donna, sia per l’elevata qualità delle materie prime. Nel 1907 la storia di Luisa Spagnoli arriva ad una svolta: infatti in quest’anno la donna riesce a chiudere un accordo con gli industriali Buitoni e apre un’azienda di piccole dimensioni, con una quindicina di dipendenti, nel centro storico della città di Perugia. Nasce così la Perugina, destinata a diventare una delle realtà più fiorenti del mercato italiano.

La Perugina è gestita da Luisa e dai suoi figli, Aldo e Mario, e in poco tempo diventa una realtà vivace con più di cento dipendenti al suo interno, nonostante la Prima Guerra Mondiale abbia frenato di molto i consumi. Nel 1923 Annibale e Luisa si separano, e la donna intraprende una relazione con Giovanni Buitoni, figlio di Francesco Buitoni. Tra i due la passione è tanta, nonostante la considerevole differenza di età (Luisa ha 14 anni in più). E’ in questo periodo che Luisa Spagnoli inventa il “Cazzotto”, il celebre cioccolatino con la nocciola intera, che successivamente diventerà il Bacio.

Biografia e storia di Luisa Spagnoli: la creazione del Marchio di moda

La giovane donna è molto vicina alle esigenze dei suoi dipendenti, e per migliorare la qualità della vita di ciascuno di loro apre un asilo nido all’interno dello stabilimento di Fontivegge, e crea dei dispacci all’interno dell’azienda per consentire alle donne di fare la spesa dopo il lavoro. La biografia di Luisa Spagnoli rivela che lo spirito di intraprendenza della donna fu tale da dedicarsi anche ad una nuova attività: all’allevamento dei conigli d’angora. Gli animali negli stabilimenti non sono in nessun modo maltrattati, anzi: per ottenerla lana d’angora per i filati. I conigli sono accuditi e pettinati.

La vera storia di Luisa Spagnoli

La vera storia di Luisa Spagnoli

Un nuovo capitolo della storia di Luisa Spagnoli è iniziato: in poco tempo nasce una nuova società, l’Angora Spagnoli, situata nel sobborgo di Santa Lucia, dove realizzano capi alla moda, boleri e scialli, ma dal prezzo accessibile a tutti. Il successo è tale che ben ottomila allevatori spediscono il pelo ottenuto da circa 250mila conigli a Perugia via posta, in modo che possa essere trattato e utilizzato.

Luisa Spagnoli muore all’età di 58 anni il giorno 21 settembre 1935, a causa di un tumore alla gola che l’aveva indotta a spostarsi a Parigi per provare a ricevere le migliori cure possibili.


© Riproduzione Riservata