• Google+
  • Commenta
18 marzo 2016

Istat: aumenta la disoccupazione giovanile

ISTAT sulla disoccupazione giovanile
ISTAT sulla disoccupazione giovanile

ISTAT sulla disoccupazione giovanile

Secondo i dati ISTAT, rimane invariato il tasso di disoccupazione in Italia pari all’11,5% registrando un calo tra gli uomini e una crescita tra le donne.

A gennaio sale la disoccupazione giovanile, arrivata al 39,3% in crescita dello 0,7% rispetto a dicembre 2015.

La disoccupazione dei giovani tra i 15 e 24 anni è pari al 10,0%. Ad essere disoccupato è quindi, un giovane su dieci.

Puntare sull’occupazione giovanile, significare puntare sul futuro. Creare condizioni e possibilità lavorative favorevoli o migliori implica conseguentemente crescita sociale, culturale ed economica.

A soffrire delle risorse pubbliche sempre più scarse e di una forte crisi, sono soprattutto le nuove generazioni.

Secondo dati ISTAT, crescono i posti fissi, a gennaio i dipendenti a tempo indeterminato sono aumentati, 99mila rispetto a dicembre.

La stima degli occupati cresce di 70mila unità su dicembre 2015 (+0,3%) e di 299mila su gennaio 2015 (+1,3%). In calo dipendenti a termine (-28mila).

ISTAT e OCSE: servono riforme per combattere la disoccupazione giovanile

Anche l’OCSE nel rapporto presentato al G20 di Shanghai prende atto delle riforme “ideate” e formulate per combattere un alto livello di disoccupazione, soprattutto giovanile e per chi è senza lavoro da tempo.

Questo iter da affrontare ambizioso, e di ampia crescita non risulta sufficiente. Bisognerebbe creare una Commissione per la produttività con il compito di fornire consigli al Governo su questioni relative alla produttività, maggiore comprensione e dialogo con le parte interessate. L’organizzazione sottolinea anche alcuni risultati positivi con la creazione dell’Agenzia Nazionale delle politiche attive del lavoro, un nuovo contratto con procedure di interruzioni meno costose e un sistema di tutele sempre in crescita.

Riforme che non rimangano solo “riforme” ma si attivino al perseguimento dell’obiettivo previsto. Ancora luci ed ombre sulla riforma del lavoro. I giovani europei vengono denominati come “i grandi perdenti della crisi economica”. Ci sono, o ci saranno opportunità per diventare vincitori?


© Riproduzione Riservata