• Google+
  • Commenta
6 aprile 2016

Crittografia WhatsApp end-to-end e privacy: cos’è e come funziona

Crittografia WhatsApp end to end e privacy
Crittografia WhatsApp end to end e privacy

Crittografia WhatsApp end to end e privacy

Nuovo aggiornamento sulla crittografia WhatsApp che punta questa volta alla sicurezza con la funzione end-to-end e privacy: ecco co’è e come funziona.

Sempre più utenti si interrogano sulla crittografia WhatsApp e su cosa comportano questi aggiornamenti dell’ultima versione dell’applicazione di messaggistica istantanea.

Tutti coloro i quali utilizzano l’applicazione avranno avuto modo di leggere l’avviso che dice: “I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end“: ma che cos’è e cosa significa?

Cosa cambia adesso per gli utenti che inviano messaggi, frasi e video con l’applicazione?

Questa novità assicura maggiore protezione e tutela per la propria privacy.

In pratica questa novità codifica e decodifica i messaggi e le telefonate che saranno criptate in modo tale che solo gli utenti a cui è rivolta la conversazione potranno conoscere il contenuto dei vostri messaggi in maniera segreta e riservata.

Ma a cosa serve la crittografia end to end whatsapp? Cerchiamo di comprendere meglio come funziona questa novità introdotta per proteggere la privacy degli utenti.

Crittografia WhatsApp: cos’è end-to-end e come funziona l’ultimo aggiornamento sulla privacy

Con il nuovo aggiornamento di Whatsapp si cerca di garantire maggiore protezione della privacy di tutti gli utenti che hanno effettuato l’installazione dell’applicazione.
Con la crittografia WhatsApp, quando l’utente invierà un messaggio ad una persona o direttamente in un gruppo, le uniche persone che potranno leggerlo saranno i destinatari del gruppo o della conversazione e il rispettivo mittente.

Non sarà più permesso agli hacker o ad altri eventuali regimi oppressivi di poter leggere i messaggi che, invece, grazie a questa ultima novità, saranno automaticamente criptati. Il vantaggio della crittografia end to end sarà quello di migliorare le conversazione e le comunicazioni tra i vari utenti, garantendo la forma privata.

La crittografia end to end sarà ufficialmente disponibile per coloro che effettueranno l’aggiornamento di whatsapp.

Il nuovo aggiornamento, sviluppato da Open Whisper Systems, è basato su un protocollo TextSecure e prevede per ora una crittografia one to one. Si pensa a nuovi aggiornamenti per proteggere la privacy della chat di gruppo, messaggi con foto, video e audio. Il termine end to end indica proprio i messaggi non decifrati dal fornitore di servizio, anche se a fare dei controlli sarà proprio un ente pubblico come la questura.

Quindi per garantire avere maggiore privacy, durante la scrittura di un messaggio ed il successivo invio, sarà effettuato uno scambio di chiavi criptate tra il mittente e il destinatario, unici possessori della lettura del messaggio. In termini tecnici, la crittografia Whatsapp end to end sarà vista come un lucchetto aperto solamente dai destinatari e dal mittente del messaggio, che possiederà la chiave del lucchetto.

Ogni messaggio sarà protetto da un suo lucchetto e tutto questo verrà fatta in maniera automatica, senza attivare nessuna impostazione o creare delle applicazioni per proteggere i messaggi.

A cosa serve la crittografia Whtasapp e cosa cambia con end-to-end

La crittografia end to end servirà a proteggere la privacy di tutti gli utenti e invoglierà i restanti ad effettuare un aggiornamento dell’applicazione.

Molti utenti si chiedono se questo nuovo aggiornamento porterà nuove modiche, anche nella scrittura della messaggistica istantanea.

Crittografia end-to-end.

Crittografia end-to-end.

Il team ufficiale di Whatsapp rassicura i suoi utenti ribadendo che questo nuovo aggiornamento migliorerà la privacy di un miliardo di persone che utilizzano quest’applicazione.

La crittografia Whatsapp verrà attuata in automatico senza che l’utente se ne accorga, sarà protetto e continuerà ad utilizzare la chat nella stessa maniera. Si avrà quindi la certezza di una maggiore sicurezza, nonchè protezione da controlli di spie indipendenti e governative. Si avrà più rispetto della privacy dell’utente che potrà continuare a scrivere, inviare foto, inviare audio o quant’altro in maniera del tutto tranquilla.


© Riproduzione Riservata