• Google+
  • Commenta
5 aprile 2016

Tracce prima prova maturità 2016: come fare il tema di italiano

Tracce prima prova maturità 2016
Tracce prima prova maturità 2016

Tracce prima prova maturità 2016

Le possibili tracce prima prova maturità 2016: consigli su come fare il tema di italiano, ecco come si fa l’articolo di giornale, il saggio breve, il tema storico e di attualità.

Scarica qui tracce e temi maturità ultimi anni, compiti già svolti in pdf.

Le tracce prima prova maturità sono quelle meno temute dagli studenti, in quanto non dipendono direttamente dalla propria preparazione scolastica, fatta eccezione per l’analisi del testo. Il giorno della prima prova scritta, mercoledì 22 giugno 2016, gli studenti a partire dalle ore 8,30 potranno prendere visione dei documenti inviati dal Miur a tutti gli istituti. All’interno della busta sigillata, infatti, sono contenute le tracce del compito di italiano, in particolare la Traccia A, che prevede l’analisi del testo; la Traccia B, per la redazione dell’articolo di giornale o saggio breve; Traccia C per il tema storico e Traccia D per il tema di attualità.

I maturandi avranno 6 ore di tempo a disposizione per leggere attentamente tutte le tracce di italiano, eliminare le tipologie per le quali si crede di non essere in grado di argomentare un buon tema, e procedere alla redazione della prima prova scritta. Nonostante il tema di italiano sia tre le prove meno temute, è necessario prestare attenzione a non commettere alcuni errori che troppo spesso ricorrono all’esame di stato.

Vediamo una breve guida, alcuni consigli utili e quali sono gli errori più frequenti da evitare in sede d’esame.

Tracce prima prova maturità 2016: consigli tema di italiano, esempi, tracce svolte originali e schema

Come svolgere un tema: esempi di analisi del testo, lo schema << scarica

All’esame di maturità gli studenti sanno già quale tipologia di traccia scegliere, o perlomeno quale potrebbe essere quella da evitare. Infatti cimentarsi nell’analisi del testo, anche se si conosce il brano proposto nella traccia Tipologia A, non è una buona idea se nel corso dell’ultimo anno scolastico non ci si è esercitati a fondo. Lo stesso vale anche per il saggio breve o per l’articolo di giornale: questi temi hanno una struttura ben precisa, ed è per questo che, prima di decidere se redigere o meno il compito della Traccia B, è necessario conoscere le regole che ne disciplinano la stesura.

Una volta lette le tracce prima prova maturità 2016, la prima cosa da fare è scegliere tra la tipologia che si conosce meglio, per la quale ci si è esercitati nel corso degli ultimi mesi. Anche se il tempo a disposizione può sembrare tanto, è necessario dedicare molta attenzione a questa prima fase di scelta, perchè il buon esito del compito in parte dipenderà proprio da questa.

Se scegliete il tema storico Traccia C, evitate la sterile esposizione nozionistica, ma argomentate la questione da sviluppare anche con una vostra personale analisi critica. Allo stesso modo, se si sceglie il tema di attualità Traccia D è necessario non cadere in approssimazioni banali, ma dimostrare di avere una conoscenza approfondita dell’argomento trattato.

Una volta scelta la tipologia, è fondamentale leggere attentamente  le tracce prima prova maturità 2016 scritta e cimentarsi nella stesura del compito, facendo attenzione a non uscire fuori tema, un errore molto comune tra gli studenti impegnati con l’esame di stato.

Come svolgere le tracce prima prova maturità 2016: gli errori più comuni

Una delle regole da tener presente, è che nel compito di italiano è fondamentale essere chiari ed ordinati nell’esposizione. Evitate periodi troppo complessi, ricchi di subordinate e che contengono troppi giri di parole. Il contenuto del tema premierà il vostro compito, quindi è fondamentale dimostrare di avere capacità critica e di analisi e di saper sviluppare le questioni proposte nelle tracce prima prova maturità 2016 in maniera corretta.

Esempi tracce prima prova maturità

Esempi tracce prima prova maturità

Potrebbe essere utile stabilire una piccola scaletta, così da ordinare al meglio le idee ed evitare di uscire fuori traccia. I questo modo potrete avere sempre sotto controllo non solo lo sviluppo del tema , ma riuscirete a gestire al meglio anche il tempo a disposizione.

Cercate, inoltre, di essere quanto più chiari possibili, così, nel caso non riusciate a ricopiare in bella il vostro tema di italiano, la correzione non risulterà troppo difficile!

Esempio tema storico – tipologia C

Esempio tema di attualità – tipologia D


© Riproduzione Riservata