• Google+
  • Commenta
7 giugno 2016

Neurologi Univr leader nella diagnostica delle malattie da prioni umane

Neurologi Univr
Neurologi Univr

Neurologi Univr

Neurologi Univr leader mondiali nella diagnostica delle malattie da prioni umane.

A decretarlo Nature Reviews Neurology sulla base dei risultati ottenuti dalle ricerche condotte dal team degli scienziati Zanusso e Monaco.

Riconoscimento internazionale a un team di scienziati dell’università di Verona. La rivista Nature Reviews Neurology ha pubblicato un lavoro relativo ai test diagnostici più avanzati nella malattia di Creutzfeldt-Jakob a opera del gruppo di ricerca coordinato da Gianluigi Zanusso e Salvatore Monaco docenti di Neurologia del dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’Università degli Studi di Verona.

La rivista, estremamente prestigiosa in ambito medico, affida la stesura delle review solamente agli esperti internazionali dei vari settori: la pubblicazione sancisce quindi un riconoscimento del team veronese tra i gruppi leader mondiali. La pubblicazione del lavoro fa seguito a una precedente pubblicazione, avvenuta sul New England Journal of Medicine ad agosto 2014, riguardante l’utilizzo del brushing nasale nella diagnosi della Malattia di Creutzfedlt-Jakob, metodo che ha aperto nuove possibilità nella diagnostica in vita di questa malattia fatale. Nello stesso anno, lo studio del team scientifico guidato da Zanusso e Monaco era stato citato dal National Institute of Health come uno tra i lavori più importanti e innovativi al mondo.

La ricerca dei neurologi Univr sulla diagnostica delle malattie da prioni umane

Il team di scienziati dell’università scaligera studia da anni le cosiddette encefalopatie spongiformi, conosciute anche come malattie da prioni, ossia un gruppo di patologie neurodegenerative a evoluzione fatale che colpiscono sia l’uomo che gli animali. In questi ultimi, le forme conosciute sono la scrapie nella pecora e nella capra, l’encefalopatia spongiforme bovina (Bse) e la “chronic wasting disease” negli ungulati (cervi ed alci principalmente in Nord America ma anche in Corea e più recentemente in Norvegia).

Nell’uomo, la malattia più frequente è la malattia di Creutzfeldt-Jakob sporadica, una patologia neurodegenerativa a rapida evoluzione che porta a morte in pochi mesi e che, a oggi, non ha nessuna cura.

“L’agente patogeno delle malattie da prioni – spiegano gli scienziati – è una proteina patologica dotata di infettività denominato prione. Quest’ultimo rappresenta la forma patologica di una proteina prionica normale espressa in diversi tessuti (tessuto linfatico, muscolo, rene, fegato etc…), ma principalmente nel tessuto nervoso. L’aspetto innovativo dei nuovi test diagnostici consiste nell’ identificare il prione nel liquido cerebrospinale o nella mucosa olfattoria del paziente in vita permettendo una diagnosi di Malatia di Creutzfedlt-Jakob con una sensibilità e specificità del 100%. Per questa ragione, in presenza di un test al prione negativo possiamo indirizzare l’iter diagnostico verso altre malattie neurologiche, potenzialmente curabili. Utilizzando questi test di nuova generazione il team veronese sta lavorando per estenderne l’ applicazione anche ad altre malattie neurodegenerative”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy