• Google+
  • Commenta
4 luglio 2016

Prova orale esame avvocato 2015-2016: ammessi e lettera estratta

Prova orale esame avvocato 2015-2016
Prova orale esame avvocato 2015-2016

Prova orale esame avvocato 2015-2016

Consigli sulla prova orale esame avvocato 2015-2016: elenco nomi ammessi al colloquio orale e lettera estratta per ogni Corte d’Appello. Scarica anche PDF modello accesso atti prove esami di avvocato. Aggiornamento calendario e lettere per appello e pre-appello.

Si sono concluse le correzioni dei compiti scritti e per gli ammessi alla prova orale esame avvocato 2015 è arrivato il momento di pensare al colloquio con la commissione.

Gli aspiranti avvocati dovranno tenere l’ultima prova prevista per ottenere l’abilitazione alla pratica forense.

A chi non è riuscito a superare lo scritto, non resta che aspettare dicembre per gli esami di avvocato 2016. Anche quest’anno molti che non hanno conseguito l’idoneità presenteranno ricorso al TAR.

Ogni anno sono sempre in molti a segnalare anomalie o errori riscontrati durante le correzioni della Commissione.

Per tutti gli altri, non resta che cimentarsi nello studio e pensare di prepararsi al meglio in vista del colloquio. Ma come avviene lo svolgimento dell’orale dell’esame avvocato e cosa studiare?  Vediamo alcuni suggerimenti ed i consigli di chi ha già risposto alle domande della Commissione esaminatrice. Ricordiamo anche le percentuali degli idonei a sostenere la prova orale e qual è stata la lettera estratta per ciascuna Corte d’Appello.

Prova orale esame avvocato 2015: percentuali degli ammessi e lettera estratta – scarica pdf

Lettera estratta per la prova orale per ogni Corte di Appello << scarica

All’oggi è la Corte d’Appello di Torino ad avere la più alta percentuale di ammessi. Sono stati in 643 a superare la fase scritta: oltre il 58% dei candidati è risultato idoneo per l’ultima parte dell’esame. La lettera estratta che indicherà l’ordine di precedenza per la prova orale è la M. Percentuali alte anche a Trento, corretta da Campobasso, dove a superare le prove scritte è stato il 56% circa. A Firenze, corretta da Bari, dove la lettera estratta è stata la C, hanno superato lo scritto il 45% circa dei candidati. Allo stesso modo anche a Catania una media piuttosto buona ha avuto accesso alla fase orale: il 47% circa degli aspiranti avvocati è stato promosso.

Gli ammessi alla prova orale esame avvocato 2016 sono stati decisamente inferiori a Potenza, corretta da Caltanissetta. In Basilicata a concorrere per ottenere l’abilitazione alla pratica forense sono stato 320 in tutto. Hanno ottenuto l’ammissione all’orale solamente 73 candidati, ossia il 23% circa. Percentuali di ammissioni basse anche a Milano, corretta dalla Corte di Appello di Roma. Hanno superato l’esame scritto 1365 candidati su 3900, ossia il 35% circa. Come pure a Napoli sono risultati idonei 1394 candidati su 4600, circa il 30% dei candidati. La lettera estratta per l’orale è stata la L.

In alcune sedi è già iniziato il preappello, al termine del quale sarà pubblicato il relativo calendario prove. Alcune CdA hanno già pubblicato la lettera estratta per l’orale: si tratta della W a Catania. La Corte d’Appello di Campobasso, invece, ha estratto la lettera L. A Lecce per l’esame orale è stata estratta la lettera Q, mentre la Corte de L’Aquila ha estratto la lettera A.

Come superare la prova orale esame avvocato 2015-2016: consigli

Istanza accesso atti esami avvocato per consultare per prove scritte << scarica

Il percorso per ottenere l’abilitazione alla pratica forense si conclude con un ultimo esame, che è quello orale. I candidati devono rispondere alle domande che la Commissione esaminatrice ha preparato per loro, ed hanno 45 minuti, circa, di tempo per ottenere la sufficienza anche in quest’ultima fase.

Come è stato già detto, le prime domande che la commissione rivolgerà al candidato verteranno sullo svolgimento delle tre prove scritte. Gli elaborati saranno analizzati e discussi. Occorre quindi prepararsi bene su tutti gli argomenti e le materie che sono state citate nelle tre prove scritte.

La seconda parte della prova orale esame avvocato 2016 prevede che il candidato sostenga delle brevi discussioni su cinque materie a scelta. E’ preferibile scegliere le materie sulle quali ci si sente più preparati e pronti. Bisogna scegliere materie che consentano di fare bella figura, senza strafare. Inutile puntare su materie difficili per impressionare la commissione, soprattutto se poi si rischia di fare scena muta!

Infine, nella terza ed ultima parte, bisognerà dimostrare la propria conoscenza dell’ordinamento forense e del codice deontologico.


© Riproduzione Riservata