• Google+
  • Commenta
12 luglio 2016

Psicologo dell’orientamento scolastico: chi è e cosa fa

Psicologo della formazione e orientamento
Psicologo della formazione e orientamento

Psicologo della formazione e orientamento

Ecco chi è lo psicologo dell’orientamento scolastico: di cosa si occupa e a cosa serve per i ragazzi di scuola, all’università e per il lavoro.

L’adolescenza è un periodo difficile per tanti motivi, uno di questi riguarda sicuramente i numerosi cambiamenti che si devono affrontare durante questo periodo.

L’adolescenza è anche il momento in cui un ragazzo deve prendere una decisione importante quale scegliere che scuola fare e quale percorso lavorativo intraprendere.

Una scelta che, già difficile di per sè, assume ancora più importanza in un periodo particolare e difficile quale quello che stiamo vivendo da qualche anno a questa parte. Per i ragazzi di oggi sbagliare può avere conseguenze molto più gravi che in passato.

Per aiutare i ragazzi in questa difficile scelta accorre loro in aiuto l’orientamento scolastico, che consiste in un aiuto costante al ragazzo affinché possa avere successo nella sua carriera scolastica e possa scegliere un percorso che sia adatto alle sue qualità e capacità.

Il ruolo dello psicologo durante l’orientamento scolastico: obbiettivi

Aiutare i ragazzi nelle loro scelte formative e fare sí che siano consapevoli di ciò che queste scelte comportano rendendoli più coscienti dei loro interessi ed introducendoli al mondo lavorativo.

Lo psicologo dell’orientamento ha il principale obbiettivo di rendere un adolescente coscente di sé analizzando 3 aspetti principali: interessi dell’alunno, impegno nello studio e il suo progetto a lungo termine (Università o mondo del lavoro?).

Ma in cosa consiste concretamente l’orientamento scolastico? Gli psicologi specializzati nell’orientamento scolastico hanno un compito molto delicato poiché, molto spesso, si tratta di saper parlare a chi in realtà non vuole ascoltare.

Il primo obiettivo è dunque rendere cosciente l’adolescente dell’esistenza, e dell’importanza, del problema. Una volta avvenuta questa fase lo psicologo lavorerà per raggiungere i seguenti obbiettivi:

  • Conoscenza di sé e delle proprie risorse
  • Conoscenza della realtà sociale e del mercato del lavoro
  • Scoperta e sviluppo della progettualità personale e professionale
  • Maturazione della capacità decisionale

Di cosa si occupa la psicologia dell’orientamento scolastico: a cosa serve

Scopo dello psicologo dell’orientamento è sviluppare nel ragazzo gli strumenti che gli permettano di superare il periodo di disorientamento.

Qual è il ruolo dei genitori durante la fase di orientamento? I genitori hanno un ruolo molto importante durante in questa fase in quanto la loro opinione ha un peso notevole nella scelta del figlio.

È dunque importante non incorrere nei tipici errori quali imporre la propria volontà, “manipolarlo” affinché scelga ciò per un genitore è la scelta migliore o, al contrario, lasciarlo solo durante questa fase critica.

Una buona scelta scolastica aumenta l’autostima e conferisce maggior sicurezza di sé.

Come detto in precedenza, l’attuale contesto storico culturale impone che il processo di orientamento metta al centro il soggetto affinché sia in grado le proprie scelte di vita nel futuro in coerenza con un suo progetto personale. Aspetto che diventa ancora più importante quando parliamo di preadolescenti e adolescenti.

Affidarsi a professionisti specializzati nell’orientamento scolastico è dunque una scelta che può rivelarsi ideale per aiutare quei ragazzi che si sentono in difficoltà nel momento in cui devono prendere una decisione in merito al loro futuro e non posseggono gli strumenti adatti per superare un periodo di transizione.


© Riproduzione Riservata