• Google+
  • Commenta
5 luglio 2016

Quattordicesima mensilità: quando viene pagata e quando si prende

Quattordicesima mensilità
Quattordicesima mensilità

Quattordicesima mensilità

A chi spetta la quattordicesima mensilità: quando viene pagata e quando si prende in busta paga. Ecco i requisiti previsti dall’INPS anche per i pensionati.

La 14esima è una retribuzione aggiuntiva che il lavoratore percepisce una volta l’anno. Il CCNL, Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, stabilisce a chi spetta la 14a mensilità e quando viene pagata. Ma quando si prende la quattordicesima mensilità?

Il pagamento di questo stipendio aggiuntivo arriva in busta paga solitamente all’inizio dell’estate. Generalmente viene rilasciata tra la seconda metà di giugno e l’inizio del mese di luglio. La data non è fissa, e può variare in base agli accordi presi tra le parti.

Solo alcune tipologie di contratto prevedono l’erogazione di questa mensilità aggiuntiva.

Si tratta di un beneficio non dovuto per legge, ma in base ad accordi presi tra le parti, cioè tra lavoratore e datore di lavoro. La “gratifica feriale” non spetta a tutti, ma solo ad alcune categorie di lavoratori, come i dipendenti pubblici e lavoratori del commercio. Vediamo come si calcola la 14esima mensilità per lavoratori, e qual è il calcolo che riguarda i pensionati.

Quattordicesima mensilità: calcolo, quando viene pagata e a chi spetta la 14esima

La 13esima è stata introdotta nel 1937. Allora, alla stipulazione del CCNL, era previsto l’obbligo di corrispondere una mensilità in più ai i lavoratori di industria. Al pagamento ordinario dello stipendio mensile, si era aggiunta anche questa retribuzione aggiuntiva che viene corrisposta in coincidenza delle festività natalizie.

La 14a è stata introdotta recentemente. Essa è prevista nella contrattazione collettiva dei settori dell’economia in cui le parti si sono accordate per la sua erogazione. Non è quindi un obbligo generale di diritto per tutti i lavoratori. Proprio in funzione di questo accordo, non esiste una data fissa in cui è possibile sapere quando viene pagata la quattordicesima mensilità. Ciascuna categoria ha un proprio giorno, stabilito dal Contratto Collettivo Nazionale di riferimento. Di solito la data è compresa nei mesi estivi di giugno e luglio. Il fine ultimo della sua introduzione è quello di conferire una maggiore disponibilità economica alle famiglie. L’obiettivo è quello di incentivare i consumi nel periodo estivo.

Per il calcolo della 14esima, esso tiene conto dei dodici mesi di lavoro relativi all’anno precedente. Se il lavoratore non ha lavorato alcuni mesi dell’anno, allora la base del calcolo sarà inferiore perchè terrà conto dei soli mesi attivi, detti “ratei”. L’importo erogato concorre alla formazione dell’imponibile previdenziale e da assoggettare agli obblighi assicurativi. Inoltre, ai fini fiscali, ricordiamo che la 14a mensilità concorre alla formazione del reddito.

Pensioni minime e quattordicesima: ecco a quali pensionati spetta

La legge n.127 del 2007 ha introdotto il pagamento, da parte dell’Inps, di una 14esima anche per i pensionati. Ogni anno sono oltre 3 milioni e mezzo i pensionati che la ricevono. Ma quali sono i requisiti per fare domanda all’INPS per la quattordicesima per pensionati? L’importo varia in base al numero degli anni dei contributi versati. Per poter richiedere la pensione mensile aggiuntiva, occorre aver superato il limite di età previsto dalla normativa di riferimento.

In pratica bisogna avere un’età pari o superiore a 64 anni, età minima prevista sia per gli uomini che per le donne. Inoltre bisogna avere un reddito annuo non superiore a 9.786,86 euro. L’importo è pari ad una pensione mensile non superiore a 752,83 euro circa.

L’importo della 14esima pensione varia in base alla categoria di pensionato cui si appartiene. Gli ex lavoratori dipendenti in pensione con anzianità contributiva fino a 15 anni e gli autonomi con 18 anni di contributi riceveranno dall’INPS 336 euro circa. Se invece gli anni di contributi salgono, anche l’importo erogato aumenta. Per i contributi compresi tra 18 e 25 per i dipendenti e i 18 e 28 per gli autonomi, l’importo della 14esima è di 420 euro. Infine, per i pensionati dipendenti con più di 25 anni di contributi, l’importo della 14a sale a 504 euro. Stesso assegno anche per i lavoratori autonomi in pensione con più di 28 anni di contributi previdenziali.

Per quanto riguarda il calcolo dell’importo della mensilità aggiuntiva ai fini della pensione della reversibilità, bisogna diminuire del 40% i contributi versati dal coniuge defunto.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy