• Google+
  • Commenta
1 agosto 2016

Quale facoltà scegliere, perché: elenco facoltà, materie e sbocchi lavorativi

Guida per decidere quale facoltà scegliere
Guida per decidere quale facoltà scegliere

Guida per decidere quale facoltà scegliere

Consigli su quale facoltà scegliere e perchè: elenco facoltà in Italia, come conoscere materie e sbocchi lavorativi di un corso di laurea. Ecco come conoscere il proprio orientamento universitario, i test attitudinali e quali sono le migliori università italiane.

Dopo le scuole superiori, gli studenti si trovano di fronte ad un bivio. Proseguire gli studi o mettersi a lavorare dopo la maturità? Rispondere a questo quesito non è semplice, soprattutto se non si è spinti dal desiderio di intraprendere una particolare professione. La scelta è influenzata da molteplici fattori, come abilità, propensione allo studio e aspettative lavorative. Molti decidono di iscriversi all’Università per assecondare le ambizioni di altri, come quelle della famiglia. Oppure di seguire le orme di un amico, senza però tenere conto delle proprie abilità. Ma allora, come capire quale facoltà scegliere?

La prima cosa da fare è cercare di capire quali sono le proprie inclinazioni ed i propri interessi. Quanto si è motivati a portare a termine gli studi, e qual è il reale motivo che spinge ad iscriversi all’università. Un primo passo è quello di fare dei test di orientamento universitario online. I quiz attitudinali sono un ottimo aiuto per inquadrare, almeno inizialmente, quali sono le proprie inclinazioni.

Questi, però, non sono sufficienti a capire a quale facoltà iscriversi. Non a caso, ogni anno solo il 74% degli studenti conferma la propria iscrizione ad una determinata classe di laurea. Secondo i dati forniti dal Miur, l 14,8 % cambia facoltà, mentre l’11,2% abbandona gli studi.

Quale facoltà scegliere: test di orientamento, ecco quale università iscriversi – elenco settori

Elenco completo delle facoltà e dei settori scientifico disciplinari universitari << scarica

Dopo il liceo classico o scientifico, la maggior parte degli studenti decide di continuare il proprio percorso di studi. Chi ha frequentato un istituto tecnico o professionale, potrebbe avere maggiori occasioni lavorative, e immettersi direttamente nel mondo del lavoro. Non esiste una scelta migliore. Tutto dipende dalla propria volontà, ma anche dalle proprie capacità e da quale facoltà scegliere per trovare subito lavoro. Lo studio di certo moltiplica le proprie possibilità di successo. Ma se diventa una costrizione, ci sono altre vie per migliorare la propria inclinazione (corsi di formazioni, apprendistati, etc).

L’aspirazione di tutti è quella di trovare un lavoro gratificante e stabile, che consenta di avere un buon tenore di vita. In un mercato del lavoro flessibile e precario come quello di oggi, non è semplice riuscire a raggiungere questi risultati. Molto dipende dalla scelta dell’università, ma anche dalla propria determinazione e, in parte, anche dal caso.

Essere un po’ cinici aiuta ad avere un quadro obiettivo delle reali possibilità che un tipo di laurea offre rispetto ad un altro. Ma avere bene in mente anche quali sono i propri limiti e le proprie potenzialità aiuta a non commettere errori su quale facoltà scegliere.

Per prima cosa occorre fare dei test di orientamento per scegliere l’università giusta. In questo modo si potrebbe avere un quadro generale delle proprie inclinazioni. E’ preferibile farne sempre più di due o tre, magari anche in giorni diversi. Online i test di orientamento per l’università sono davvero tanti, quasi tutti sono gratuiti. In questo modo non si rischia di ottenere risultati forvianti, determinati da una preferenza “momentanea”.

Una volta individuate qual è l’area in cui si è indirizzati (umanistica, scientifica, sanitaria o sociale), bisogna scegliere facoltà e ateneo giusto.

Quali sono le migliori università, quale facoltà scegliere per trovare lavoro

Dopo aver individuato inclinazioni ed aspirazioni, non resta che iniziare fin da subito ad informarsi su tutte le possibili facoltà che si potrebbero frequentare. E’ opportuno in questa fase iniziare a prendere appunti. Per ogni facoltà, bisogna indicare quali sono vantaggi e svantaggi in termini di numero di esami, ore di studio richieste, possibilità di sbocchi professionali. Qui di seguito trovate l’elenco completo di tutte le facoltà presenti in Italia.

Molti giovani laureati, pur avendo conseguito ottimi risultati, sono costretti a fare lavori precari. Questo perchè nel mercato del lavoro non c’è un’elevata richiesta della loro figura professionale. Oppure perchè la concorrenza è talmente elevata che solamente una piccola percentuale riesce ad ottenere un’occupazione stabile. Certo, la situazione potrebbe sempre cambiare nel corso degli anni, ma se non si hanno particolari aspirazioni, è bene valutare tutti i pro ed i contro.

Dopo aver fatto un’ulteriore scrematura, dovrebbe apparire un po’ più chiaro quale facoltà scegliere. Appurato che nessuna laurea consente di trovare subito lavoro, esistono però alcune università che garantiscono, almeno sulla carta, un accesso quasi immediato al mondo del lavoro. Nella maggior parte dei casi si tratta di atenei situati in città piuttosto ricche e dinamiche, anche dal punto di vista lavorativo.

Bisogna quindi passare alla fase successiva, e cercare di capire a quale ateneo iscriversi, e quali sono le migliori università in Italia.

Consigli su quale facoltà scegliere, dove e perchè: quale ateneo iscriversi

In Italia esistono alcune eccellenze, che però non sono alla portata di tutti. Si tratta di università private, come la Bocconi di Milano, o gli atenei di Bolzano e Castellanza. Frequentare determinati corsi di laurea richiede anche un certo sacrificio economico. Il costo dell’iscrizione e delle tasse, ma anche i costo della vita in città grandi come Milano o Roma, può non essere alla portata di tutti. In line generale, secondo i dati diffusi negli ultimi anni, le università migliori in Italia si concentrano al Nord.

Dopo aver visto quale facoltà scegliere, potrebbe essere utile iniziare a capire anche quali sono i migliori atenei che rispondono alle proprie esigenze. Bisogna valutare il costo delle tasse, il costo della vita e di un eventuale trasferimento. Inoltre fare un sopralluogo all’università che si intende frequentare potrebbe aiutare a non commettere errori di valutazione. Ecco di seguito l‘elenco di tutte le università in Italia per ogni regione.

Potrebbe essere utile studiare statistiche attinenti alla facoltà che si intende scegliere. In questo modo sarà possibile capire il grado di occupazione dei laureati per quel determinato corso di studi. Inoltre è bene informarsi anche su eventuali borse di studio o agevolazioni che rendano il trasferimento meno oneroso. In alcuni casi sono le stesse università che organizzano dei meeting per illustrare i propri servizi.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy