• Google+
  • Commenta
25 ottobre 2016

Ora solare 2016: quando cambia da ora legale e come cambiare orario

Ora solare 2016
Ora solare 2016

Ora solare 2016

Torna l’ora solare 2016: quando cambia l’ora legale e come cambiare orario il prossimo weekend.

Una delle consuetudini meno apprezzate dagli italiani, è proprio il cambio orario.

Tanti sono gli i disagi legati a questa semplice operazione.

I soggetti più sensibili lamentano diversi sintomi come spossatezza, insonnia, stress ed inappetenza. Un jet lag difficile da tollerare, che due volte l’anno torna puntuale a scombussolare ritmi ed abitudini.

Ma quando cambia l’ora legale? Nella prima parte dell’anno, con l’arrivo della primavera,  le lancette dell’orologio sono state spostate un’ora avanti.

Abbiamo perso, quindi, un’ora di sonno, ma con il cambio orario le attività lavorative coincidevano con le ore di luce del Sole.

Le giornate d’estate si allungano progressivamente e l’orologio e i nostri impegni si sono adeguati ai nuovi ritmi della luce naturale.

L’ora solare 2016 torna in vigore l’ultima domenica di ottobre. Tra la notte di sabato 29 e domenica 30 sposteremo le lancette dell’orologio un’ora indietro. Recupereremo, quindi, un’ora di sonno, ma non sarà l’unico beneficio per i più mattinieri. Infatti dalla prossima settimana le giornate inizieranno un po’ più tardi, e già dal mattino presto sarà possibile godere di maggiore luce solare.

Ora solare 2016: quando cambia l’orario in autunno, e perchè spostare le lancette indietro

Cosa cambia con il nuovo orario? Due volte l’anno tutti siamo costretti allo spostamento delle lancette dell’orologio. Ma non a tutti è chiaro il motivo di questa operazione. In pratica, l’ora “naturale”, sarebbe quella solare, che tecnicamente è diversa in ogni punto del pianeta perchè dipende dalla posizione del Sole. L’orario legale è quello che un Paese decide di adottare per adeguarsi ad un determinato fuso orario. Ogni stato può decidere o meno di adattarsi al cambio orario, e quindi di spostare o meno le lancette dell’orologio un’ora vanti o indietro.

Per semplificare questo concetto, molti preferiscono usare l’espressione “orario estivo”, per indicare l’ora legale. Oppure usare la denominazione “daylight saving time“, che significa “orario di risparmio della luce diurna”. In questo modo si fa riferimento anche allo scopo per cui è stata introdotta questa convenzione, ossia il risparmio di energia elettrica in bolletta.

Il cambio ora solare 2016 avverrà questo weekend. Domenica 30 ottobre, dalle ore 3 del mattino, torneremo alle ore 2,00, recuperando quindi 60 minuti di sonno. Convenzionalmente, si è preferito effettuare lo spostamento delle lancette sempre di domenica. Questo per evitare possibili disagi ed inconvenienti determinati dal cambiamento di orario. Uffici, scuole e attività lavorative hanno quindi un’intera giornata per adeguarsi a questo cambiamento, che interesserà, quindi tutte le attività lavorative e scolastiche.

Torna l’ora solare 2016: storia del cambio orario in Italia e nel mondo

Anticamente i ritmi della giornata erano regolati dalla posizione del sole. Gli agricoltori si alzavano all’alba, e continuavano le loro attività fino al tramonto. Anche in epoca industriale si è deciso di far coincidere le attività lavorative con il ritmo del sole. L’obiettivo era quello di risparmiare energia elettrica, e di sfruttare al massimo la luce solare naturale. Benjamin Franklin nel 1784 propose di svegliare la popolazione a suon di cannonate, affinché tutti potessero svegliarsi al levar del sole.

Nel 1895 George Vernon Hudson propone una soluzione meno brutale, che anticipa l’attuale cambio ora solare 2016. Infatti, l’idea dell’entomologo neozelandese era quella di spostare avanti di due ore gli orologi. L’idea risulta essere vincente, ma viene riveduta dal costruttore britannico William Willet. Pochi anni dopo, la Camera dei Comuni approva il British Summer Time, che prevede che d’estate le lancette siano spostate avanti di un’ora.

In Italia bisognerà attendere il dopoguerra prima di poter ufficializzare questa convenzione. Inizialmente non è facile abituare l’intera popolazione ai vari cambiamenti di orario. Solo nel 1966 la legge rende effettiva questa consuetudine. Mentre nel 1996 il passaggio da ora legale a ora solare viene disciplinato dalle regole europee.

Ancora oggi non mancano le polemiche sorte in seguito all’approvazione della legge che, nel 2010, rende effettivo il cambio orario. Infatti i soggetti più sensibili al cambiamento sono proprio anziani e bambini. Secondo una indagine condotta da Codacons, un bambino su due soffrirebbe di disturbi legati al sonno e all’umore. Non è facile abituarsi ai nuovi ritmi della giornata. Per questo motivo è utile approfittare del weekend per cercare di riposare il più possibile e assecondare i bisogni dell’organismo.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy