• Google+
  • Commenta
9 gennaio 2017

Mobilità scuola 2017: novità trasferimento docenti e deroga vincolo triennio

Mobilità scuola oggi 13 gennaio 2017

Mobilità scuola 2017

Mobilità scuola 2017

Mobilità scuola 2017: anticipazioni sui trasferimenti dei docenti. Deroga vincolo triennale, servizio pre-ruolo, modifiche alla tabella valutazione titoli: queste le principali novità per il 2017.

Il 30 dicembre è stato siglato l’accordo tra il Miur e i Sindacati per la mobilità del personale scolastico per l’anno 2017/2018.

Molte le novità che saranno introdotte nel nuovo contratto che vedrà la luce nei primi mesi dell’anno.

Il Ministero ha recepito alcune istanze provenienti dal mondo della scuola dopo una estenuante trattativa con le rappresentanze sindacali. Soprattutto il Miur ha accolto alcuni orientamenti manifestati dai Tribunali sui tanti ricorsi promossi nel corso degli anni dagli insegnanti.

Con questo accordo il Ministero ha cercato di arginare i danni della riforma attuata da Renzi lo scorso anno.

La riforma della Buona Scuola, infatti, ha scontentato gran parte del corpo docente. Il meccanismo della chiamata diretta, in particolare, ha generato molte perplessità e si è attirato molte critiche. Molti insegnanti ne hanno lamentato un uso distorto da parte dei Dirigenti scolastici, che richiedevano per l’attribuzione degli incarichi il possesso di requisiti spesso non pertinenti.

La Mobilità scuola 2017, pertanto, è attesa con ansia dai tanti docenti che sono stati trasferiti lontano da casa. Molte delle novità introdotte dal Ministro Fedeli hanno lo scopo proprio di favorire l’avvicinamento degli insegnanti.

Questa apertura non ha mancato di scatenare molte polemiche. Si teme un nuovo esodo di docenti verso il Sud Italia con conseguenze sulla continuità didattica degli studenti. Al Nord c’è una carenza di personale docente, nonostante le tante immissioni in ruolo molte cattedre sono scoperte. Sono soprattutto le cattedre di sostegno a rimanere sprovviste di docenti.

Ma vediamo nel dettaglio le novità della mobilità scuola previste nell’accordo siglato tra Miur e Sindacati.

Mobilità scuola 2017: titolarità su scuola e ambito, deroga a vincolo triennale e fasi

  • Vincolo triennale

La principale novità sui trasferimenti contenuti nell’accordo riguarda la deroga al vincolo triennale. Come si sa, il T.U. 297 del 1994 prevede che i docenti debbano restare almeno 3 anni nella sede assegnata, senza possibilità di poter essere trasferiti.

Nel prossimo anno scolastico, invece, grazie all’apertura del Miur, tutti i docenti potranno presentare domanda di trasferimento. La deroga al vincolo triennale di permanenza nella sede assegnata riguarda anche gli immessi in ruolo sia da Gae che da concorso a seguito del piano assunzionale straordinario.

  • Titolarità su scuola e ambito

In seguito alla riforma della Buona Scuola è stato introdotto il concetto di Ambito territoriale. Il docente che chiedeva il trasferimento lo scorso anno, non poteva indicare le scuole di preferenza, ma solo l’ambito nel quale voleva essere trasferito. Veniva poi, tramite chiamata diretta del Dirigente Scolastico assegnato ad una scuola. Il docente trasferito, dunque, perdeva la titolarità sulla singola scuola per acquisirla nell’ambito territoriale. La mobilità scuola 2017, invece, prevede la possibilità, se l’accordo confluirà nel contratto, di indicare fino a 5 scuole nella domanda di trasferimento. L’insegnante, quindi, potrà esprimere 15 preferenze, di cui 5 scuole e 10 ambiti. Il docente proveniente da ambito ma trasferito su scuola, ne riassumerà la titolarità.

Non potrà però essere richiesto lo stesso posto all’interno dell’istituto presso cui si è già in servizio.

  • Fasi del trasferimento

A differenza dello scorso anno i trasferimenti avverranno in un unica fase. Infatti, l’anno scorso si distinse per i movimenti tra fase A, B e C e tra assunti da Gae o da concorso. Per la mobilità scuola 2017, invece, non ci sarà questa distinzione.

Saranno effettuati prima i movimenti provinciali, ossia i trasferimenti tra scuole ed ambiti della stessa provincia, tenendo conto delle precedenze previste dalla legge. Successivamente sarà dato spazio ai trasferimenti interprovinciali.

Mobilità scuola 2017: percentuali trasferimenti, sostegno e perdenti posto

  • Percentuale posti assegnati ai trasferimenti

La contrattazione sui movimenti del personale docente riguarda anche le aliquote di posti disponibili da assegnare ai trasferimenti.

In linea di massima dall’accordo tra Viale Trastevere ed i Sindacati è emerso che il 60% dei posti disponibili sarà assegnato alle nuove assunzioni, il 30% alla mobilità ed il 10% ai passaggi di ruolo e/o cattedra.

Dunque, ai movimenti tra scuole o ambiti di diverse province è assegnata una percentuale del 30% delle disponibilità residuate al termine della mobilità provinciale.

La mobilità professionale interprovinciale, invece, avverrà sui posti residuati a seguito dei trasferimenti.

  • Sostegno

Uno dei nodi ancora da sciogliere della mobilità scuola 2017 e che sarà affrontato nell’incontro tra Miur e Sindacati di martedì 10 gennaio. E’ quello relativo al vincolo quinquennale su posto di sostegno.

Molti Tribunali si sono già espressi a riguardo, ritenendo illegittimo l’obbligo di permanenza di cinque anni sul sostegno dopo l’immissione in ruolo, senza poter chiedere il trasferimento.

La proposta sul tavolo delle trattative è quello di conteggiare ai fini del calcolo del quinquennio di permanenza, anche il sevizio pre-ruolo prestato.

  • Perdenti posto

Altro tema caldo è quello dei perdenti posto. Il problema principale è quello dell’individuazione del docente perdente posto. Infatti, al momento risulta difficile l’elaborazione della Graduatoria interna d’istituto considerando la presenza di diverse tipologie di docenti. Quelli titolari su scuola, quelli titolari su ambito a seguito di chiamata diretta del Dirigente e quelli titolari su ambito a seguito di assegnazione d’ufficio.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy