• Google+
  • Commenta
21 novembre 2005

Giornata nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza

Roma, 20 novembre 2005. Si celebra oggi il 16° anniversario dell’approvazione della Convenzione sui diritti dei bambini e ricorre la Giornata nazionalRoma, 20 novembre 2005. Si celebra oggi il 16° anniversario dell’approvazione della Convenzione sui diritti dei bambini e ricorre la Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. In occasione di questo anniversario, l’UNICEF Italia lancia una campagna incentrata sui diritti dei “bambini invisibili”.
“Il mondo – ha detto il Presidente dell’UNICEF Italia Antonio Sclavi – è pieno di bambini invisibili, vittime di emergenze dimenticate. Si stima che siano almeno 50 milioni i piccoli che non vengono neppure registrati all’anagrafe, oltre 100 milioni i bambini che non hanno mai visto un’aula scolastica, centinaia di migliaia le vittime di catastrofi naturali o guerre che non hanno la paradossale fortuna di finire sotto i riflettori dei media. L’invisibilità non è una condizione eccezionale, è la norma per troppi drammi che riguardano l’infanzia”.
I bambini invisibili hanno il diritto di essere conosciuti e per far ciò, bisogna innanzitutto capire chi sono. Con questo triste appellativo si indicano:
– I bambini orfani, che sono circa 90 milioni nel mondo e la maggior parte di essi vive in Asia ed in Africa.
– I bambini soli, che non hanno più alcun contatto con la propria famiglia per vari motivi come le guerre e le emergenze naturali. Si pensi che negli anni ’90 c’è stato un milione di piccoli sfollati.
– I bambini che vivono per strada e di cui nessuno sa nulla. Sono semplicemente abbandonati a loro stessi.
– I bambini non orfani ma affidati ad istituti, perché nati in famiglie troppo povere. Sono circa 900.000 solo in Europa centrale ed orientale.

È ammirevole l’impegno e la dedizione che l’UNICEF mostra verso i bambini sfortunati di tutto il mondo.
Invito tutti a visitare il sito ufficiale dell’organizzazione, innanzitutto per prendere coscienza di questi gravissimi mali resi all’infanzia e poi, per conoscere e quindi partecipare, alle varie iniziative organizzate in tutta Italia in occasione di quest’ anniversario.
Intanto sento di dover ringraziare tutti gli uomini e tutte le donne che, facenti parte di varie associazioni, dedicano il loro tempo ed il loro lavoro all’aiuto degli altri, ed in particolare all’aiuto dei piccoli, che credo siano la cosa più bella del mondo. E’ chiaro che c’è bisogno di molto aiuto, tanti bambini oggi non sorridono ma grazie all’UNICEF c’è una speranza in più per loro.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy