• Google+
  • Commenta
15 marzo 2006

8 marzo: neve all’Università degli studi di Salerno

Fisciano, ore 08:26 di mercoledì otto marzo, festa della donna: uno scenario rigorosamente scandinavo accoglie le migliaia di studenti che dall’us

Fisciano, ore 08:26 di mercoledì otto marzo, festa della donna: uno scenario rigorosamente scandinavo accoglie le migliaia di studenti che dall’uscita dell’autostrada si dirigono al campus. Neve, neve, e ancora neve.
Mai così tanta neve – almeno negli ultimi tre inverni – è caduta sul paesino che ospita, o meglio, che fa da contorno al campus dell’Università degli studi di Salerno. Sin dall’arrivo al primo ingresso degli edifici universitari (vedi foto) il paesaggio è risultato davvero insolito agli occhi degli studenti: tre centimetri di neve erano poggiati sulle aiuole e sulle aree dove né auto né pedoni potessero passare; e la curiosità che ha divertito gran parte dei ragazzi, è che sia gli alberi che le aste metalliche della segnaletica stradale, erano coperti di neve solo su di un lato, a testimoniare una vera e propria bufera nevosa nelle ore immediatamente precedenti all’inizio delle lezioni mattiniere.
Tantissime le foto-ricordo scattate con i cellulari, perché all’università di Salerno la neve è sì un fenomeno conosciuto, ma mai nessuno negli ultimi anni aveva visto fermarsi così tanta neve in terra nelle prime ore del mattino.
Peccato però che l’atmosfera più natalizia che pre-primaverile, è durata davvero poco: infatti già intorno alle ore dieci, il tiepido sole ha sciolto i cumuli di neve all’esterno e all’interno del campus di Fisciano.

Google+
© Riproduzione Riservata