• Google+
  • Commenta
9 marzo 2006

Aziende Sanitarie Italiane: funzionano davvero?

Verrà presentato domani, venerdì 10 marzo, al Campus di Germaneto il rapporto 2005 dell’Osservatorio sulla funzionalità delle Aziende Sanitarie ItaliaVerrà presentato domani, venerdì 10 marzo, al Campus di Germaneto il rapporto 2005 dell’Osservatorio sulla funzionalità delle Aziende Sanitarie Italiane del Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale (Cergas) dell’Università Luigi Bocconi di Milano.
La presentazione avrà luogo alle ore 10, presso l’Aula A dell’Edificio dell’Area giuridica, economica e delle scienze sociali.
L’iniziativa scientifica rientra nell’ambito delle attività del Dottorato di Ricerca in Economia e Management in Sanità dell’Università Magna Græcia.
“Aziendalizzazione e regionalizzazione in sanità: le esperienze maturate e le prospettive per il futuro”: questi i temi che verranno affrontati durante la presentazione dei dati inerenti l’anno 2005. L’Osservatorio del Cergas, infatti, dal 2001 si propone di monitorare il processo di aziendalizzazione e di modernizzazione dei sistemi gestionali del Servizio Sanitario Nazionale in Italia. Il Rapporto presenta l’assetto complessivo del Sistema Sanitario Nazionale e i principali dati che lo caratterizzano; a livello regionale, analizza gli strumenti e i contenuti dei Piani Sanitari Regionali, mentre, a livello aziendale, indaga le nuove tipologie di aziende scaturite dai recenti processi di riassetto istituzionale.
Aprirà i lavori della giornata il Rettore dell’Università Magna Græcia, il professor Salvatore Venuta.
Il panorama della Sanità in Italia e i principali risultati del rapporto Oasi 2005 verranno trattati dalla dottoressa Elena Cantù del Cergas. A seguire la tavola rotonda su “vincoli e autonomia decisionale dei Direttori generali e ruolo della Regione”, moderata dal professor Riccardo Viganò, Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Economia e Management in Sanità. Interverranno il professor Mario Del Vecchio del Cergas, la dottoressa Lidia D’Alessio, direttore generale dell’ASL di Reggio Calabria, la dottoressa Anna Rosalba Buttiglieri, direttore generale del Policlinico universitario “Mater Domini” di Catanzaro, il dottor Thomas Schael, direttore generale dell’ASL di Crotone.

Google+
© Riproduzione Riservata