• Google+
  • Commenta
16 marzo 2006

Bocconi: Gli uomini della Pirelli tra umanesimo ed economia

La vicenda di Gavino Manca, manager e uomo di cultura, illustra cinquant’anni di storia sociale di Milano e dell’Italia. Presentazione martedì 28 ma
La vicenda di Gavino Manca, manager e uomo di cultura, illustra cinquant’anni di storia sociale di Milano e dell’Italia. Presentazione martedì 28 marzo alle 18,30, Libreria Egea di via Bocconi 8, Milano
Cè stato un tempo, tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’70, in cui umanesimo ed economia, impresa e cultura, non erano divisi da solchi concettuali incolmabili. Anzi, un’iniziativa come quella di Alberto Pirelli, che decise nel 1957 di istituire un centro studi nell’impresa di famiglia, sembravano avvicinare i due ambiti. Pirelli si rivolse, per un consiglio su chi incaricare della costituzione del centro, a Giovanni Demaria, ex rettore dell’Università Bocconi, che gli indicò un suo giovane assistente, Gavino Manca. Cominciano così, con l’incontro tra un giovane di belle speranze e un vecchio, prestigioso imprenditore, la vicenda professionale di Manca in Pirelli e il suo Sul filo della memoria. Cinquanta anni di Pirelli e dintorni (Egea, Milano, 220 pagine, 18 euro, con prefazione di Marco Tronchetti Provera e postfazione di Giuseppe Berta).
Il volume sarà presentato alla Libreria Egea di Milano, via Bocconi 8, martedì 28 marzo alle ore 18,30 nel corso dell’incontro La Pirelli tra storia e futuro. Partecipano, insieme all’autore, Fabio Magrino (analisi strategiche Pirelli spa), Marzio Romani (ordinario di storia economica, Università Bocconi) e Severino Salvemini (ordinario di organizzazione aziendale, Università Bocconi).
La vicenda di Manca si snoda per cinque decenni tra uffici, aule universitarie, redazioni, sedi delle organizzazioni di categoria, mentre il ricercatore e manager ricopre incarichi di vario tipo, da quello all’ufficio studi alla responsabilità delle relazioni esterne, alla direzione di un’impresa del gruppo, all’interno della Pirelli, ed è attivo (“con ritorni di segno diverso”, scrive) nelle associazioni industriali. E Berta, nella postfazione, si rammarica del fatto che carriere di questo tipo non siano più possibili oggi, in un’economia che ha finito per imporre ai propri attori una specializzazione estrema.
Quella di Manca è soprattutto una storia di incontri con uomini che, in un modo o in un altro, hanno segnato il destino non solo della Pirelli, ma di Milano e di tutto il paese. E molti di essi, per la peculiarità della realtà di quegli anni, o forse per le affinità elettive che li legano a Manca, tradiscono i tratti degli appassionati estimatori della doppia cultura, economica e umanistica.
Manca vive anche i momenti più tesi delle relazioni industriali e della vita politica del paese, fino a essere gambizzato, nel 1978, dalle Brigate rosse, un episodio che ricorda, in due sole pagine, trascrivendo semplicemente un articolo apparso sul Corriere della sera.
Il libro, dalla struttura apertamente memorialistica, può essere letto come una storia, parziale e personale quanto si vuole, ma partecipata e sincera, dell’industrializzazione italiana. Ma può anche essere letto come la grande avventura intellettuale di un uomo che ha saputo conciliare incarichi aziendali del più alto livello a una sterminata produzione pubblicistica di carattere non solo economico, ma anche culturale, la traduzione dei classici latini alla pubblicazione di collane di libri di economia e politica. Un uomo che, incaricato di fare un check-up delle condizioni economiche dell’Argentina e delle possibilità della Pirelli in quel paese, conclude con diligenza l’analisi economica, ma non riesce a trattenersi dal chiedere a un amico di introdurlo ai due grandi scrittori argentini del tempo, Jorge Luis Borges ed Ernesto Sabato, stupiti e compiaciuti dall’interesse di un economista per la cultura quanto può esserlo, oggi, il lettore delle memorie di Gavino Manca.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy