• Google+
  • Commenta
22 marzo 2006

Federico II: i disservizi della segreteria d´Ingegneria

Nonostante la facoltà d´Ingegneria della Federico II abbia in cantiere importanti progetti d´ampliamento e consegua, grazie all´operato d

Nonostante la facoltà d´Ingegneria della Federico II abbia in cantiere importanti progetti d´ampliamento e consegua, grazie all´operato dei suoi Dipartimenti, risultati di prestigio di livello internazionale ci sono luoghi, al suo interno, dove il progresso resta ancora una chimera.. Il soggetto in questione è la segreteria studenti – sita in una stanza al primo piano della palazzina del triennio – luogo che dovrebbe essere il cuore pulsante della facoltà e non il “dramma” di ogni studente. In genere, sono solo due gli sportelli aperti. Sportelli che dovrebbero rispondere alle più dipanate esigenze di tutti gli iscritti che, sommando i vari corsi di laurea, arrivano almeno a 6000. Gli habituè del triennio stanno ormai alla larga da tale luogo o per lo meno, quando gli è strettamente necessario, sanno con certezza che, per evitare di restare li in attesa per ore, bisogna svegliarsi di buon mattino e recarsi allo sportello ben prima che esso apra. Insomma, niente di più e niente di meno di quanto accade, quotidianamente, davanti ad un qualsiasi ufficio postale. La situazione diventa addirittura improponibile durante il periodo d´immatricolazione ( Settembre – Ottobre, ndr ), quando le file degli studenti si dipanano non solo tra i vari corridoi del triennio, ma anche al suo esterno. Una soluzione a portata di mano ci sarebbe, utilizzare le famigerate torrette verdi della segreteria informatica. Il problema è che, delle sette colonnine istallate all´interno dell´edificio di Piazzale Tecchio, due sono misteriosamente scomparse, tre non sono mai entrate in funzione mentre, le restanti due, funzionano a singhiozzo. Vane, fino ad ora, sono state le proteste degli studenti o delle varie associazioni universitarie. Il disagio persiste e continuerà a persistere per non si sa ancora quanto tempo.

Google+
© Riproduzione Riservata